Visita guidata al castello dell’Emiro

Risale ai tempi della dominazione araba in Sicilia e sovrasta il centro abitato di Misilmeri. Un tour per scoprire l’antica fortezza, accompagnati da letture

di Marco Russo

Il nome Misilmeri deriva dall’arabo “Menzel-el-Emir”, cioè “villaggio dell’Emiro” e ricorda quell’insediamento che si era formato alle pendici del castello del paese. Le origini della fortezza non sono molto certe, pare fosse stata costruita dall’emiro Giàfar II, ai tempi della dominazione araba in Sicilia. Ora quel castello di epoca arabo-normanna, sorto sulla cima di una rocca che sovrasta il centro abitato, sarà visitabile domani con un tour guidato da Daniela Gambino, mentre Laura Gulotta ed Ernesto Graditi alterneranno letture di testi di poeti arabi.

Il castello dell’Emiro è nato come torre d’avvistamento e solo successivamente è stato circondato da mura. Nel 1134 Giorgio d’Antiochia, ammiraglio del re normanno Ruggero II (cui Misilmeri era stata concessa) dona alla chiesa della Martorana a Palermo (cioè chiesa di S.Maria dell’Ammiraglio) dieci villani dai nomi saraceni e il casale Essariana, nel territorio di Misilmeri. Dal XIV secolo il maniero subisce diversi rifacimenti e trasformazioni, in particolare nel 1487, ad opera dell’architetto Matteo Carnalivari, che lo trasforma da fortilizio in una vera residenza.

La manifestazione è promossa dall’associazione Bcsicilia, insieme al comune di Misilmeri, con il patrocinio dell’assessorato regionale dei beni culturali. L’appuntamento è alle 21 di domani, a piazza Comitato 1860 a Misilmeri. Per informazioni è possibile contattare l’associazione all’indirizzo email: misilmeri@bcsicilia.it o al numero 3282053057.

Risale ai tempi della dominazione araba in Sicilia e sovrasta il centro abitato di Misilmeri. Un tour per scoprire l’antica fortezza, accompagnati da letture

di Marco Russo

Il nome Misilmeri deriva dall’arabo “Menzel-el-Emir”, cioè “villaggio dell’Emiro” e ricorda quell’insediamento che si era formato alle pendici del castello del paese. Le origini della fortezza non sono molto certe, pare fosse stata costruita dall’emiro Giàfar II, ai tempi della dominazione araba in Sicilia. Ora quel castello di epoca arabo-normanna, sorto sulla cima di una rocca che sovrasta il centro abitato, sarà visitabile domani con un tour guidato da Daniela Gambino, mentre Laura Gulotta ed Ernesto Graditi alterneranno letture di testi di poeti arabi.

Il castello dell’Emiro è nato come torre d’avvistamento e solo successivamente è stato circondato da mura. Nel 1134 Giorgio d’Antiochia, ammiraglio del re normanno Ruggero II (cui Misilmeri era stata concessa) dona alla chiesa della Martorana a Palermo (cioè chiesa di S.Maria dell’Ammiraglio) dieci villani dai nomi saraceni e il casale Essariana, nel territorio di Misilmeri. Dal XIV secolo il maniero subisce diversi rifacimenti e trasformazioni, in particolare nel 1487, ad opera dell’architetto Matteo Carnalivari, che lo trasforma da fortilizio in una vera residenza.

La manifestazione è promossa dall’associazione Bcsicilia, insieme al comune di Misilmeri, con il patrocinio dell’assessorato regionale dei beni culturali. L’appuntamento è alle 21 di domani, a piazza Comitato 1860 a Misilmeri. Per informazioni è possibile contattare l’associazione all’indirizzo email: misilmeri@bcsicilia.it o al numero 3282053057.

Condividi
Tags

In evidenza

Mazara del Vallo raccontata in un libro tra immagini e parole

Scorci, riti e tradizioni della città trapanese in un volume di Giovanni Franco e Nicola Cristaldi. Dai vicoli della Casbah al mercato del pesce, dalle spiagge ritrovate alle chiese

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Nell’aula bunker il racconto del Maxiprocesso con cronisti e magistrati

Il Maxiprocesso dalla voce di chi c’era: i cronisti di mafia e i magistrati raccontano quei mesi. Apre al pubblico durante il festival Le Vie dei Tesori l'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. Al primo weekend pieno di visitatori sono intervenuti: il giudice Giuseppe Ayala, il videomaker Giuseppe Di Lorenzo e l’allora cronista di giudiziaria Marcello Barbaro

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori svelano Palermo, tutto il meglio del secondo weekend

Aprono la Banca d’Italia, le sorgenti del Gabriele e i serbatoi di San Ciro, la Specola astronomica, il Convitto Nazionale e la caserma Ruggero Settimo. Rivivono Margheritina nel rifugio Bombace e Margherita Biondo in una tela

Tornano i laboratori gratuiti di Mimmo Cuticchio, seconda tappa allo Stand Florio

In questo nuovo appuntamento si apprendono i primi rudimenti dell'arte dei Pupi, incrociando il pensiero dello scrittore Gianni Rodari

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Articoli correlati