Viaggio nella Sicilia dell’incompiuto con Andrea Masu

Prosegue “Sguardi di luce”, rassegna dedicata ai grandi temi e maestri dell’architettura. Il secondo incontro prevede la visione di alcune opere del collettivo Alterazioni video

di Redazione

Un viaggio tra l’architettura dell’incompiuto in Sicilia. È il secondo appuntamento della rassegna “Sguardi di luce”, curata da Chiara Andrich, Andrea Mura con il coordinamento di Monica Cosenza, un progetto di Sole Luna Doc Film Festival per la Fondazione Sicilia. Dopo il primo incontro dedicato all’architetto canadese Frank Gehry, nella Sala 99 di Palazzo Branciforte, a Palermo, giovedì 28 marzo, alle 20,30, si svolgerà “Incompiuto”, con la partecipazione dell’artista Andrea Masu, del collettivo Alterazioni video. La serata è interamente dedicate alle tante opere incompiute sparse per la Sicilia, raccontate attraverso quattro video.

Si comincia con “Intervallo”, viaggio nel paesaggio siciliano alla scoperta delle bellezze architettoniche dell’incompiuto; poi tocca a “An invitation for a dream”, le “rovine contemporanee” in un dialogo tra Marc Augé e Robert Storr; e ancora “Troppo amore”, una soap opera psichedelica ambientata nel “Parco dell’incompiuto siciliano” di Giarre; per finire con “Unfinished Italy”.

Masu e il collettivo Alterazioni Video, notato anche da New York Times, hanno attraversato l’Italia, documentando quasi mille opere iniziate e mai portate a termine. Si tratta spesso di costruzioni edificate nel secondo dopoguerra, quando il governo italiano voleva sviluppare opere pubbliche per risvegliare l’economia locale. Le iniezioni di capitali, statali ed europei, hanno provocato un boom di infrastrutture che non sono mai state completate. Quasi un migliaio di opere in tutta Italia, finanziate con soldi pubblici e rimaste interrotte per i più svariati motivi (errori progettuali, bancarotta, valutazioni economiche inaccurate, drenaggio di fondi) ma che oggi rappresentano un patrimonio culturale e artistico utile a una comprensione più ampia dei rapporti tra il territorio e coloro che lo abitano.

Prosegue “Sguardi di luce”, rassegna dedicata ai grandi temi e maestri dell’architettura. Il secondo incontro prevede la visione di alcune opere del collettivo Alterazioni video

di Redazione

Un viaggio tra l’architettura dell’incompiuto in Sicilia. È il secondo appuntamento della rassegna “Sguardi di luce”, curata da Chiara Andrich, Andrea Mura con il coordinamento di Monica Cosenza, un progetto di Sole Luna Doc Film Festival per la Fondazione Sicilia. Dopo il primo incontro dedicato all’architetto canadese Frank Gehry, nella Sala 99 di Palazzo Branciforte, a Palermo, giovedì 28 marzo, alle 20,30, si svolgerà “Incompiuto”, con la partecipazione dell’artista Andrea Masu, del collettivo Alterazioni video. La serata è interamente dedicate alle tante opere incompiute sparse per la Sicilia, raccontate attraverso quattro video.

Si comincia con “Intervallo”, viaggio nel paesaggio siciliano alla scoperta delle bellezze architettoniche dell’incompiuto; poi tocca a “An invitation for a dream”, le “rovine contemporanee” in un dialogo tra Marc Augé e Robert Storr; e ancora “Troppo amore”, una soap opera psichedelica ambientata nel “Parco dell’incompiuto siciliano” di Giarre; per finire con “Unfinished Italy”.

Masu e il collettivo Alterazioni Video, notato anche da New York Times, hanno attraversato l’Italia, documentando quasi mille opere iniziate e mai portate a termine. Si tratta spesso di costruzioni edificate nel secondo dopoguerra, quando il governo italiano voleva sviluppare opere pubbliche per risvegliare l’economia locale. Le iniezioni di capitali, statali ed europei, hanno provocato un boom di infrastrutture che non sono mai state completate. Quasi un migliaio di opere in tutta Italia, finanziate con soldi pubblici e rimaste interrotte per i più svariati motivi (errori progettuali, bancarotta, valutazioni economiche inaccurate, drenaggio di fondi) ma che oggi rappresentano un patrimonio culturale e artistico utile a una comprensione più ampia dei rapporti tra il territorio e coloro che lo abitano.

Condividi
Tags

In evidenza

L’avventura di un alpinista siciliano sul vulcano più alto del mondo

Il messinese Nunzio Bruno ha raggiunto la vetta dell'Ojos del Salado, a quasi settemila metri tra Cile e Argentina, una delle tappe di un progetto dedicato alla madre che soffre di Sla. Adesso punta all’Himalaya

La Casa delle Farfalle torna a Siracusa

Il progetto di divulgazione naturalistica dal 14 febbraio sarà nuovamente ospitato all’interno del giardino dell’Artemision in piazza Duomo a Ortigia. Esperti a disposizione durante la visita spiegano il ciclo di vita degli insetti, la loro riproduzione e l'habitat

Dall’inferno al paradiso per la biodiversità: viaggio nel Museo del Mare di Milazzo

Un polo espositivo unico che nasce attorno allo scheletro di un capodoglio rimasto impigliato in una rete da pesca illegale. Un percorso educativo ambientale lungo tre livelli che richiamano i gironi danteschi

Ultimi articoli

L’ex “fabbrica della luce” di Palermo diventa bene d’interesse culturale

Il complesso che un tempo ospitava la centrale elettrica Enel di via Cusmano, progettata dall’architetto Salvatore Li Volsi Palmigiano nel 1912, è stata sottoposta a vincolo poiché rappresenta “pregevole esempio di architettura industriale novecentesca legato alla storia della città”

Ho scelto il Sud, comprano un mulino a pietra e tornano alla terra: la scommessa di due giovani agricoltori

Mauro Calvagna e Rosario Claudio La Placa sono due quarantenni di Belpasso che hanno fondato una società agricola, puntando sugli insegnamenti e l’esperienza delle rispettive famiglie

Tutto pronto a Taormina per il restauro della tomba romana La Guardiola

Consegnati i lavori per gli interventi di recupero del monumento sepolcrale all’interno del giardino dell’hotel Villa Fiorita. La sepoltura fa parte di un vasto complesso che risale al Primo secolo dopo Cristo 

Articoli correlati