Via libera a tutti i parchi archeologici siciliani

Il Consiglio regionale dei Beni culturali ha dato l’ok all’istituzione degli altri 15 enti che completeranno quelli previsti dalla legge

di Marco Russo

Diventa grande la “famiglia” dei parchi archeologici siciliani. Il Consiglio regionale dei Beni culturali, presieduto dall’assessore Sebastiano Tusa, su delega del governatore Nello Musumeci, ha dato il via libera all’istituzione degli altri 15 parchi mancanti alla completa attuazione della legge regionale 20 del 2000. I decreti saranno firmati nei prossimi giorni dall’assessore Tusa.

Il Consiglio regionale dei Beni culturali

Fino allo scorso luglio in Sicilia c’erano soltanto tre parchi archeologici: Valle dei Templi, Selinunte-Cave di Cusa e Naxos-Taormina. Poi si sono aggiunti Segesta, quello della Villa romana del Casale di Piazza Armerina e il Parco di Pantelleria, già reinserito nel sistema dei parchi regionali lo scorso mese di settembre.

Adesso, toccherà ai 15 ancora mancanti, previsti dalla legge, ovvero: Parco di Catania, di Leontini, di Lilibeo – Marsala, delle isole Eolie, di Himera, di Solunto, di Monte Jato, di Camarina, di Cava D’Ispica, della Valle dell’Aci, di Morgantina, di Eloro – Villa del Tellaro, di Siracusa, di Gela e di Tindari. Il Consiglio regionale ha, inoltre, condiviso la proposta di accorpamento dei parchi di minore dimensione a cui si darà corso con provvedimenti successivi.

“Si tratta – afferma il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci – di un passaggio storico per i beni culturali della nostra Isola. Un traguardo che porta in dote enormi potenzialità per i nostri flussi turistici e che ci spinge a continuare su questa strada. Ed è per questo che, in un emendamento al collegato della legge finanziaria, prevediamo di destinare il 20 per cento delle entrate complessive dei Parchi a quelli quelli minori che hanno una insufficiente dotazione economica”.

Sebastiano Tusa e Sergio Alessandro

“Sarà mia cura – dichiara l’assessore Tusa – guidare un itinerario di pieno coinvolgimento dei governi del territorio, delle popolazioni locali, dell’associazionismo e della comunità scientifica, intorno al sistema parchi della nostra regione che ambisce a svolgere un ruolo da protagonista nel contesto del patrimonio culturale nazionale”.

I siti archeologici diventati parchi avranno, dunque, una maggiore autonomia. Gli introiti dei biglietti di ingresso potranno, infatti, essere utilizzati per pagare i salari accessori al personale di custodia, evitando così il problema delle aperture straordinarie e dell’immagine negativa che in alcune occasioni l’Isola ha dato di sé. Dal punto di vista tecnico, vengono ridefinite le modalità di approvazione dei bilanci, la composizione e i compiti del Consiglio del parco, la vidimazione obbligatoria degli atti da parte di un organo di controllo e, più in generale, l’inserimento di tutti gli aggiornamenti e correttivi normativi per procedere a un concreto miglioramento del sistema dei parchi archeologici siciliani.

Il Consiglio regionale dei Beni culturali ha dato l’ok all’istituzione degli altri 15 enti che completeranno quelli previsti dalla legge

di Marco Russo

Diventa grande la “famiglia” dei parchi archeologici siciliani. Il Consiglio regionale dei Beni culturali, presieduto dall’assessore Sebastiano Tusa, su delega del governatore Nello Musumeci, ha dato il via libera all’istituzione degli altri 15 parchi mancanti alla completa attuazione della legge regionale 20 del 2000. I decreti saranno firmati nei prossimi giorni dall’assessore Tusa.

Fino allo scorso luglio in Sicilia c’erano soltanto tre parchi archeologici: Valle dei Templi, Selinunte-Cave di Cusa e Naxos-Taormina. Poi si sono aggiunti Segesta, quello della Villa romana del Casale di Piazza Armerina e il Parco di Pantelleria, già reinserito nel sistema dei parchi regionali lo scorso mese di settembre.

Il Consiglio regionale dei Beni culturali

Adesso, toccherà ai 15 ancora mancanti, previsti dalla legge, ovvero: Parco di Catania, di Leontini, di Lilibeo – Marsala, delle isole Eolie, di Himera, di Solunto, di Monte Jato, di Camarina, di Cava D’Ispica, della Valle dell’Aci, di Morgantina, di Eloro – Villa del Tellaro, di Siracusa, di Gela e di Tindari. Il Consiglio regionale ha, inoltre, condiviso la proposta di accorpamento dei parchi di minore dimensione a cui si darà corso con provvedimenti successivi.

“Si tratta – afferma il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci – di un passaggio storico per i beni culturali della nostra Isola. Un traguardo che porta in dote enormi potenzialità per i nostri flussi turistici e che ci spinge a continuare su questa strada. Ed è per questo che, in un emendamento al collegato della legge finanziaria, prevediamo di destinare il 20 per cento delle entrate complessive dei Parchi a quelli quelli minori che hanno una insufficiente dotazione economica”.

Sebastiano Tusa e Sergio Alessandro

“Sarà mia cura – dichiara l’assessore Tusa – guidare un itinerario di pieno coinvolgimento dei governi del territorio, delle popolazioni locali, dell’associazionismo e della comunità scientifica, intorno al sistema parchi della nostra regione che ambisce a svolgere un ruolo da protagonista nel contesto del patrimonio culturale nazionale”.

I siti archeologici diventati parchi avranno, dunque, una maggiore autonomia. Gli introiti dei biglietti di ingresso potranno, infatti, essere utilizzati per pagare i salari accessori al personale di custodia, evitando così il problema delle aperture straordinarie e dell’immagine negativa che in alcune occasioni l’Isola ha dato di sé. Dal punto di vista tecnico, vengono ridefinite le modalità di approvazione dei bilanci, la composizione e i compiti del Consiglio del parco, la vidimazione obbligatoria degli atti da parte di un organo di controllo e, più in generale, l’inserimento di tutti gli aggiornamenti e correttivi normativi per procedere a un concreto miglioramento del sistema dei parchi archeologici siciliani.

Condividi
Tags

In evidenza

Capolavori dell’arte rivivono in digitale a Palazzo Reale

Al via Meta Experience con due esempi di cloni: un Satiro danzante d’argento scintillante e un Giovinetto di Mozia in rosso di sapore pop. Poi c’è un opera autentica, il busto di Ottaviano Augusto che si confronta con il suo doppio tecnologico

Da Porta Nuova all’aula bunker, Le Vie dei Tesori torna a Palermo con tante novità

Oltre 150 tra visite nei luoghi ed esperienze, 90 passeggiate d’autore e 10 fuoriporta. Dal 30 settembre al 30 ottobre, si potrà entrare nel carcere Ucciardone e si scoprirà il gasometro. Tour in chiese inedite del centro, in luoghi strappati alla mafia e rigenerati con i cittadini.  E ancora teatralizzazioni, mostre negli antichi palazzi e passeggiate

Le Vie dei Tesori all’ultimo weekend nelle otto città di settembre

A Enna apre le porte il giardino segreto della ex Banca d’Italia, a Caltanissetta la casa museo voluta dai residenti e una nuova opera al Museo Diocesano. Messina sale a Forza d’Agrò, Termini Imerese si muove tra teatro e musica, Bagheria ascolta una voce lirica in una dimora irriverente. A Trapani si mostrano le “ciaccole” dei Misteri; Marsala parte per Mozia e Mazara si muove tra laboratori e visite teatralizzate

Ultimi articoli

Dalla Prefettura all’aula bunker fino all’Ucciardone, porte aperte ai tesori della legalità

Tre luoghi normalmente chiusi al pubblico, dove è viva la presenza dello Stato, si potranno visitare in occasione della sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori, che torna a Palermo dal 30 settembre al 30 ottobre

Le Vie dei Tesori debutta a Alcamo tra castelli, chiese e cisterne arabe

Il festival arriva per la prima volta nella cittadina trapanese nei tre weekend dall’1 al 16 ottobre. Si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Le Vie dei Tesori saluta le prime otto città, ecco le passeggiate dell’ultimo weekend

Da Messina a Enna, da Caltanissetta a Trapani e Mazara del Vallo, fino a Termini Imerese, sono tanti gli itinerari in programma per l'ultimo fine settimana del festival di settembre, tra grotte, cripte, antichi villaggi e reperti preistorici

Articoli correlati