Una sfida tecnologica tra i monti Sicani

Da venerdì 7 a domenica 9 settembre, decine di esperti informatici gareggeranno a Filaga, borgata cara a padre Pintacuda. Obiettivo: creare una piattaforma digitale che lavori col Sudafrica

di Ruggero Altavilla

Lo scenario è quello della borgata storica di Filaga, a Prizzi, in provincia di Palermo, i protagonisti sono programmatori, designer, ingegneri, studenti e innovatori, tutti in gara per ideare soluzioni tecnologiche su agricoltura e turismo. È l’hackathon (cioè la sfida informatica) dell’associazione Terra 4.0, organizzato dall’incubatore di start up Sicicon Valley, da venerdì 7 a domenica 9 settembre, nella piazza intitolata a padre Ennio Pintacuda.
La sfida è realizzare una piattaforma per creare nuovi sistemi tecnologici nel campo dell’agricoltura e del turismo, un’H-Farm che aiuti i giovani a lanciare iniziative innovative, supportando la trasformazione digitale delle aziende. L’idea è che da Filaga si possa creare un modello di business da replicare a Cape Town, in Sudafrica, dove opera uno degli organizzatori, Manfredi Mercadante.

Insieme a lui a Filaga interverranno Domenico Ferruggia, presidente e segretario di Terra 4.0 e Sicicon Valley, l’assessore regionale alla Formazione, Roberto Lagalla, quello al Territorio e ambiente, Toto Cordaro, il sindaco di Prizzi, Luigi Vallone, il commissario straordinario del Parco dei Monti Sicani, Luca Gazzara.

Fitto il programma dell’evento, che alterna spettacoli a incontri: dal trekking la mattina di sabato tra i monti Sicani, al tema del “turismo esperenziale e sostenibile”, dallo show cooking degli chef Giuseppe Sparacello di Castronovo di Sicilia e Vincenzo Giambrone, di San Giovanni Gemini, fino al “Silent party” alle ore 22.30 con la musica che scorrerà dentro le cuffie degli invitati. A chiudere la “Filaga experience 2018” sarà una cerimonia in ricordo di padre Ennio Pintacuda, domenica 9, affidata al sacerdote Vito Pizzitola, poi la premiazione dell’hackaton con l’intervento dell’assessore regionale all’Agricoltura, Edy Bandiera.

La manifestazione ha il patrocinio della Regione e dell’Assemblea regionale siciliana, del Comune di Prizzi, dell’incubatore di start up Digital Magics Palermo e dei giovani di Confagricoltura Anga.

Da venerdì 7 a domenica 9 settembre, decine di esperti informatici gareggeranno a Filaga, borgata cara a padre Pintacuda. Obiettivo: creare una piattaforma digitale che lavori col Sudafrica

di Ruggero Altavilla

Lo scenario è quello della borgata storica di Filaga, a Prizzi, in provincia di Palermo, i protagonisti sono programmatori, designer, ingegneri, studenti e innovatori, tutti in gara per ideare soluzioni tecnologiche su agricoltura e turismo. È l’hackathon (cioè la sfida informatica) dell’associazione Terra 4.0, organizzato dall’incubatore di start up Sicicon Valley, da venerdì 7 a domenica 9 settembre, nella piazza intitolata a padre Ennio Pintacuda.
La sfida è realizzare una piattaforma per creare nuovi sistemi tecnologici nel campo dell’agricoltura e del turismo, un’H-Farm che aiuti i giovani a lanciare iniziative innovative, supportando la trasformazione digitale delle aziende. L’idea è che da Filaga si possa creare un modello di business da replicare a Cape Town, in Sudafrica, dove opera uno degli organizzatori, Manfredi Mercadante.

Insieme a lui a Filaga interverranno Domenico Ferruggia, presidente e segretario di Terra 4.0 e Sicicon Valley, l’assessore regionale alla Formazione, Roberto Lagalla, quello al Territorio e ambiente, Toto Cordaro, il sindaco di Prizzi, Luigi Vallone, il commissario straordinario del Parco dei Monti Sicani, Luca Gazzara.

Fitto il programma dell’evento, che alterna spettacoli a incontri: dal trekking la mattina di sabato tra i monti Sicani, al tema del “turismo esperenziale e sostenibile”, dallo show cooking degli chef Giuseppe Sparacello di Castronovo di Sicilia e Vincenzo Giambrone, di San Giovanni Gemini, fino al “Silent party” alle ore 22.30 con la musica che scorrerà dentro le cuffie degli invitati. A chiudere la “Filaga experience 2018” sarà una cerimonia in ricordo di padre Ennio Pintacuda, domenica 9, affidata al sacerdote Vito Pizzitola, poi la premiazione dell’hackaton con l’intervento dell’assessore regionale all’Agricoltura, Edy Bandiera.

La manifestazione ha il patrocinio della Regione e dell’Assemblea regionale siciliana, del Comune di Prizzi, dell’incubatore di start up Digital Magics Palermo e dei giovani di Confagricoltura Anga.

Condividi
Tags

In evidenza

Monete, sigilli e medaglie del Salinas rivivranno in digitale

Presentato il progetto di digitalizzazione della collezione numismatica custodita nel museo archeologico di Palermo. Un patrimonio che, oltre al nucleo greco, comprende pezzi islamici, bizantini e normanni

Nascerà un itinerario geologico lungo la scogliera di Cefalù

Un percorso tematico per la valorizzazione dei fossili sarà realizzato grazie alla collaborazione tra il Comune e il Parco delle Madonie, con la partecipazione dell'Università di Palermo. Saranno installate targhe e codici Qr per informazioni sul sito in tempo reale

La Palermo degli anni Trenta rivive in una mostra

All’Albergo delle Povere un allestimento racconta la città di un secolo fa attraverso oggetti originali, filmati storici, pannelli esplicativi e ricostruzioni tridimensionali

Ultimi articoli

A Lentini è scontro per la gestione di Palazzo Beneventano

Monta la polemica tra il Comune e i privati per l’affidamento dell’ex residenza nobiliare diventata polo culturale. L’amministrazione ha invitato la cooperativa Badia Lost & Found a riconsegnare i locali del bene revocando la concessione

Il Duomo di Cefalù si prepara a rinascere, al via i lavori di restauro

Gli interventi finanziati con due milioni di euro dalla Regione Siciliana interesseranno le coperture, gli esterni e gli apparati decorativi del monumento normanno, che è parte del patrimonio Unesco. Le imprese avranno 365 giorni per ultimare le opere

Svelato il soffitto trecentesco del monastero di Santa Caterina

Nascosto al di sopra della volta della sacrestia, un prezioso tetto ligneo decorato simile a quello dello Steri. Si può ammirare attraverso una app realizzata dall’Università di Palermo. Esposto anche un raro affresco medievale scoperto durante il restauro

Articoli correlati