Una rosa di candele per la Santuzza davanti alla Cattedrale

Si è accesa per una sera l’installazione di Angelo Cruciani a cui hanno collaborato tanti palermitani e turisti. Un unico, emozionante, spontaneo atto di fede collettivo

di Redazione

Nessuno se lo aspettava: palermitani e turisti si sono inginocchiati sul sagrato della Cattedrale per accendere le cinquemila candele che formavano la grande rosa luminosa che l’artista e stilista Angelo Cruciani ha realizzato a Palermo per il Festino, la festa della santa patrona Rosalia. Eppure sin dalla sua costruzione, Cruciani si è visto attorniato da bambini, da fedeli e semplici passanti, ognuno voleva partecipare a questo che in pochi minuti è divenuto un rito collettivo durato solo poche ore, che si è celebrato domenica 10 luglio. E dopo che monsignor Filippo Sarullo, il parroco della Cattedrale, ha coinvolto tutti in un Padre Nostro, è iniziata l’accensione: chi bisbigliava una preghiera, chi prometteva qualcosa a se stesso, chi desiderava semplicemente accendere una candela, chi si faceva un selfie.

Angelo Cruciani

L’idea della grande rosa “Rosalia e luce sia” è venuta a Stefania Morici e a Angelo Yezael Cruciani, segnando il ritorno dello stilista e artista che già nel settembre 2020 aveva composto una grande rosa con duemila cuori, sempre sul sagrato della Cattedrale normanna, ricevendo anche la benedizione papale. Era stato il primo omaggio post pandemia a Santa Rosalia, nell’anno che aveva cancellato il Festino insieme a migliaia di altre manifestazioni in giro per il mondo. Quest’anno Cruciani è ritornato a Palermo e ha composto una nuova rosa, stavolta di 5000 candele. “Rosalia e luce sia” è nata con il supporto dell’Arcidiocesi e della Cattedrale di Palermo, del Comune, della Fondazione Sicilia e della Settimana delle Culture, organizzata da Arteventi con la collaborazione di FDR architetti di Agostino Danilo Reale, di Cereria Gambino e di Palazzo Arone.

Giovani accendono le candele dell’installazione

“È un onore essere al centro del Mediterraneo e rendere omaggio alla santa di Palermo – dice Angelo Yezael Cruciani che ha composto l’installazione con l’aiuto dell’ex Iena e attore Shi Yang Shi -. E’ stato inaspettato l’aiuto dei bambini ma anche dei fedeli e dei turisti che hanno costruito la rosa con noi, senza alcun tipo di indicazione. Così la rosa di Rosalia è diventato l’omaggio di un’intera città”.

Filippo Sarullo

“Abbiamo voluto rendere omaggio alla patrona con questa rosa di centinaia di ceri votivi – spiega la curatrice Stefania Morici -. Veniamo da un periodo buio, siamo circondati dalla peste, ma vogliamo rivivere le emozioni positive che abbiamo perso durante la pandemia”. Mentre per il sindaco Roberto Lagalla, “è una virtuosa e originale installazione che ricorda la tenerezza di Rosalia attraverso la sua rosa”, per il direttore artistico del Festino2022, Maurizio Carta, “si avverte lo sforzo corale della città: mentre il comitato artistico si occupava della tradizione, i partner culturali hanno dato fondo all’estro e alla creatività, per rendere omaggio alla santa”.  Padre Filippo Sarullo, parroco della Cattedrale, sottolinea come “questa rosa è un’invocazione a Rosalia per essere coinvolti nella sua luce, come testimonianza di vita autentica”.

Condividi
Tags

In evidenza

Le Vie dei Tesori a Ragusa e Scicli: secondo weekend tra cave, palazzi e chiese

Nel Duomo del capoluogo esposte le opere sopravvissute al sisma e si sale sul campanile di San Giovanni Battista. A Scicli, terza città più visitata del festival dopo Palermo e Catania, apre Palazzo Busacca e proseguono le visite al Municipio, set del Commissario Montalbano

Le Vie dei Tesori a Alcamo tra castelli e torri, tutto pronto per il secondo weekend

Preso d'assalto nel primo fine settimana, si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Le Vie dei Tesori svelano Palermo, tutto il meglio del secondo weekend

Aprono la Banca d’Italia, le sorgenti del Gabriele e i serbatoi di San Ciro, la Specola astronomica, il Convitto Nazionale e la caserma Ruggero Settimo. Rivivono Margheritina nel rifugio Bombace e Margherita Biondo in una tela

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori a Alcamo tra castelli e torri, tutto pronto per il secondo weekend

Preso d'assalto nel primo fine settimana, si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Dalla villa con i bozzetti di Zeffirelli alle terrazze sull’Etna, Catania e Acireale al secondo weekend

Si visita Villa Di Bella a Viagrande, dove il regista soggiornò e donò alla proprietaria i suoi disegni di scena per "Cavalleria Rustica". Apre Castello Ursino e si sale sul camminamento di San Nicolò l'Arena. A Acireale, tra chiese e palazzi sfarzosi

Le Vie dei Tesori a Ragusa e Scicli: secondo weekend tra cave, palazzi e chiese

Nel Duomo del capoluogo esposte le opere sopravvissute al sisma e si sale sul campanile di San Giovanni Battista. A Scicli, terza città più visitata del festival dopo Palermo e Catania, apre Palazzo Busacca e proseguono le visite al Municipio, set del Commissario Montalbano

Articoli correlati