Un voto per le eccellenze del territorio: si sfidano i piccoli comuni

Sono tredici i borghi siciliani che partecipano a un premio nazionale per la valorizzazione delle risorse locali, tra arte, cultura e agroalimentare

di Redazione

Una competizione virtuosa tra i piccoli centri italiani per la promozione del territorio. È il Premio Piccolo Comune Amico, nato per favorire la valorizzazione dei comuni con meno di 5mila abitanti. Il progetto è organizzato dal Codacons, insieme a Coldiretti, la Fondazione Symbola, Touring Club Italiano, Autostrade per l’Italia, Intesa San Paolo, SisalPay, con il patrocinio di Anci e Uncem.

Collesano

L’idea è di individuare e premiare 25 borghi che ospitano le eccellenze del territorio italiano, attraverso un premio suddiviso in cinque categorie. Nella sezione “agroalimentare” otterranno riconoscimenti i cinque comuni che si distinguono per aziende, mercati, commercianti e produttori di eccellenze agroalimentari. Poi nella categoria “artigianato” saranno premiati i comuninei quali trovano spazio aziende artigiane e piccoli punti di commercio artigianale. E ancora “innovazione sociale”, dedicata alle aziende che valorizzano le proprie risorse interne con benefit ed incentivi che sviluppino la produttività e facilitino il ritorno delle risorse umane dai grandi centri ai piccoli comuni.

Il castello di Montalbano Elicona

Poi, c’è la categoria “cultura, arte, storia”, che riguarda i comuni che abbiano dato voce alle proprie specificità culturali, facendo conoscere le caratteristiche culturali tipiche della zona e facilitando così il turismo, grazie anche a dipinti importanti o altre opere artistiche presenti nel comune o opere d’arte anche presenti in natura. Infine, “economia circolare”, categoria che costituisce un premio speciale per promuovere una forma di economia ecosostenibile, che riduca al minimo gli sprechi e utilizzi risorse ed energie rinnovabili e circolari. È prevista, inoltre, l’elaborazione di una mappa interattiva di queste realtà culturali, con gli eventi e le eccellenze delle varie categorie enogastronomiche selezionate.

Prizzi

Per la Sicilia partecipano 13 comuni. Nel Palermitano, in gara Prizzi, Roccapalumba, Collesano, Petralia Sottana, Geraci Siculo. Poi ci sono Tusa, Santo Stefano di Camastra, Montalbano Elicona, Oliveri e Montagna Reale, nel Messinese, insieme a Maletto e Maniace, tra i Nebrodi e l’Etna, e Mirabella Imbaccari, nel Catanese. Si potrà votare fino al prossimo 30 aprile, esprimendo cinque preferenze tra i borghi candidati (qui tutte le informazioni). Ai comuni vincitori verrà assegnata una targa di premiazione e saranno realizzate campagne promozionali che verranno diffuse da tutti i canali comunicativi dei partner del progetto, nelle aree di servizio della rete autostradale, sui social e sulla stampa, che contribuirà a una maggiore conoscenza delle eccellenze vincitrici.

Hai letto questi articoli?
Articolo PrecedenteProssimo Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le Vie dei Tesori News

Send this to a friend