Un nuovo “pezzo” di museo inaugurato a Caltagirone

Inaugurata la sezione di archeologia preistorica all’ex Convento di Sant’Agostino. L’assessore Tusa: “Un luogo chiuso è un luogo che muore”

di Redazione

Apre i battenti la sezione di archeologia preistorica del Museo regionale della Ceramica a Caltagirone. E’ a piano terra e in parte del primo piano dell’ex convento di Sant’Agostino. L’edificio è stato interessato da consistenti interventi di ristrutturazione ed è già nelle condizioni, senza attendere che comincino e vengano conclusi gli ulteriori lavori previsti, di ospitare alcune delle collezioni preistoriche. 

“Un luogo di cultura chiuso alla pubblica fruizione, è un luogo che muore – ha dichiarato l’assessore ai Beni Culturali regionale Sebastiano Tusa – e quindi questa inaugurazione consente a questa pregevole struttura di essere vissuta dai cittadini e dai tanti turisti stranieri presenti. Il dialogo tra enti locali, regione, privati, associazioni e curia, è la risposta al desiderio dei turisti che non vogliono sapere chi detiene il bene ma vogliono capire il contesto culturale che stanno visitando”.

I lavori per il ripristino definitivo della struttura paiono a un punto di svolta: entro il 2018 dovrebbe essere individuata l’impresa aggiudicataria. Poi previsti 36 mesi di lavoro per una spesa di 8,6 milioni di euro.

Inaugurata la sezione di archeologia preistorica all’ex Convento di Sant’Agostino. L’assessore Tusa: “Un luogo chiuso è un luogo che muore”

di Redazione

Apre i battenti la sezione di archeologia preistorica del Museo regionale della Ceramica a Caltagirone. E’ a piano terra e in parte del primo piano dell’ex convento di Sant’Agostino. L’edificio è stato interessato da consistenti interventi di ristrutturazione ed è già nelle condizioni, senza attendere che comincino e vengano conclusi gli ulteriori lavori previsti, di ospitare alcune delle collezioni preistoriche.

“Un luogo di cultura chiuso alla pubblica fruizione, è un luogo che muore – ha dichiarato l’assessore ai Beni Culturali regionale Sebastiano Tusa – e quindi questa inaugurazione consente a questa pregevole struttura di essere vissuta dai cittadini e dai tanti turisti stranieri presenti. Il dialogo tra enti locali, regione, privati, associazioni e curia, è la risposta al desiderio dei turisti che non vogliono sapere chi detiene il bene ma vogliono capire il contesto culturale che stanno visitando”.

I lavori per il ripristino definitivo della struttura paiono a un punto di svolta: entro il 2018 dovrebbe essere individuata l’impresa aggiudicataria. Poi previsti 36 mesi di lavoro per una spesa di 8,6 milioni di euro.

 

Condividi
Tags

In evidenza

Il Duomo di notte, antiche cave e botteghe storiche: Le Vie dei Tesori torna a Ragusa

Quinta edizione del festival nella città barocca. Aprono undici luoghi straordinari, chiese e la cava dei “pirriaturi”, poi due passeggiate e sei esperienze. Si parteciperà ad un viaggio nella musica corale nei secoli e si seguirà il lavoro di ceramisti e pittori di carretti

Le Vie dei Tesori a Scicli tra palazzi, chiese e il set del Commissario Montalbano

Tredici sono i luoghi nella cittadina ragusana, dove si è girata la famosa fiction. Aprono tre dimore nobiliari, si visita la collezione del Gruppo di Scicli e si scende nella Grotta delle Cento scale. Coinvolti 40 studenti e le guide in Lingua dei segni

Porta Nuova presa d’assalto dal popolo delle Vie dei Tesori

Porta Nuova apre per la prima volta in occasione della sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori a Palermo. Già nel primo weekend tanti visitatori hanno salito gli ottanta alti gradini che dal piano di Palazzo Reale conducono fino al corridoio scoperto di collegamento tra la residenza normanna e la Porta costruita nel 1460, riedificata un secolo dopo dal viceré di Sicilia Marcantonio Colonna per celebrare l’arrivo di Carlo V

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Stefania Blandeburgo si fa in cinque per Le Vie dei Tesori

Sono cinque i personaggi che l'attrice Stefania Blandeburgo interpreta per la sedicesima edizione delle Vie dei Tesori a Palermo: ognuno rivive nei suoi abiti d’epoca, con una storia da raccontare

Nell’aula bunker il racconto del Maxiprocesso con cronisti e magistrati

Il Maxiprocesso dalla voce di chi c’era: i cronisti di mafia e i magistrati raccontano quei mesi. Apre al pubblico durante il festival Le Vie dei Tesori l'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. Al primo weekend pieno di visitatori sono intervenuti: il giudice Giuseppe Ayala, il videomaker Giuseppe Di Lorenzo e l’allora cronista di giudiziaria Marcello Barbaro

Articoli correlati