Un libro per gli ottocento anni della chiesa di Sant’Antonio Abate

Il volume rappresenta il risultato di un lavoro di ricerca che mette in luce le intrecciate storie della parrocchia, una delle più antiche di Palermo

di Redazione

La chiesa di Sant’Antonio Abate, una delle più antiche di Palermo, viene celebrata in un libro che racconta i suoi ottocento anni di storia. Il volume viene presentato giovedì 27 febbraio alle 18,30, nella stessa chiesa di via Roma. “La chiesa parrocchiale di Sant’Antonio Abate a Palermo. Ottocento anni fra storia, arte e vissuto religioso 1220-2020” – questo il titolo del libro – è inserito all’interno della collana “Siciliae Mirabilia” della Facoltà Teologica di Sicilia ed edito da Euno Edizioni, con il supporto degli Amici dei Musei Siciliani.

L’interno della chiesa di Sant’Antonio Abate

Il volume rappresenta il risultato di un lavoro di ricerca che mette in luce le intrecciate storie della parrocchia di Sant’Antonio Abate, dalla sua fondazione fino ai giorni nostri grazie al contributo dei saggi raccolti all’interno del volume scritti da Claudio Gino Li Chiavi, Santina Grasso, Danilo Lo Piccolo, Giovanni Mendola, Enrico Saeli, don Cosimo Scordato e monsignor Gaetano Tulipano, testi che ripercorrono gli ottocento anni di storia di una parte della città molto cara ai palermitani.

Interverranno alla presentazione del libro, l’arcivescovo di Palermo, Corrado Lorefice, e il sindaco Leoluca Orlando. L’incontro sarà introdotto dagli interventi dei docenti Tiziana Campisi, Francesco Paolo Campione e moderato da Aldo Gerbino.

Condividi
Tags

In evidenza

Tornano i laboratori gratuiti di Mimmo Cuticchio, seconda tappa allo Stand Florio

In questo nuovo appuntamento si apprendono i primi rudimenti dell'arte dei Pupi, incrociando il pensiero dello scrittore Gianni Rodari

Mazara del Vallo raccontata in un libro tra immagini e parole

Scorci, riti e tradizioni della città trapanese in un volume di Giovanni Franco e Nicola Cristaldi. Dai vicoli della Casbah al mercato del pesce, dalle spiagge ritrovate alle chiese

Le Vie dei Tesori al via a Palermo, ecco il meglio del primo weekend

Apre per la prima volta al pubblico Porta Nuova, si entra nel carcere Ucciardone e nell’aula bunker con i cronisti che seguirono il maxiprocesso, si scopre il Gasometro, ma anche tre chiese inedite con le loro storie. Tante passeggiate e visite teatralizzate tra nobili dame e cortigiane

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori svelano Palermo, tutto il meglio del secondo weekend

Aprono la Banca d’Italia, le sorgenti del Gabriele e i serbatoi di San Ciro, la Specola astronomica, il Convitto Nazionale e la caserma Ruggero Settimo. Rivivono Margheritina nel rifugio Bombace e Margherita Biondo in una tela

Tornano i laboratori gratuiti di Mimmo Cuticchio, seconda tappa allo Stand Florio

In questo nuovo appuntamento si apprendono i primi rudimenti dell'arte dei Pupi, incrociando il pensiero dello scrittore Gianni Rodari

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Articoli correlati