Trapani, Villino Nasi

Sembra poggiato sul mare, con le sue finestre turchesi che si confondono col cielo. Sorge dove il Tirreno si unisce al Mediterraneo, su una lingua di terra, estremo lembo occidentale della città di Trapani. Il Villino Nasi è “protetto” come un gioiello dal castello della Colombaia da un lato e dalla Torre di Ligny dall’altro. Luogo caro ai trapanesi, fu il rifugio sul mare dell’ex ministro Nunzio Nasi, cultore d’arte e grande collezionista.

Questo prezioso esempio di Liberty trapanese, fu regalato dalla cittadinanza all’illustre concittadino. Inaugurato nel 1898, negli anni ’60 del secolo scorso fu donato dai figli del politico, Virgilio e Emma, all’allora Provincia di Trapani, oggi Libero Consorzio, che ne detiene tuttora la proprietà. In occasione della quinta edizione del festival Le Vie dei Tesori a Trapani, Villino Nasi ha aperto le porte a cittadini e turisti nei tre weekend dal 10 al 25 settembre.

Condividi
Tags

In evidenza

La Palermo degli anni Trenta rivive in una mostra

All’Albergo delle Povere un allestimento racconta la città di un secolo fa attraverso oggetti originali, filmati storici, pannelli esplicativi e ricostruzioni tridimensionali

Un’opera del “Raffaello” di Messina all’asta in Francia, la Regione prova a riportarla a casa

La Madonna col Bambino e San Giovannino del maestro rinascimentale Girolamo Alibrandi sarà venduta da una casa parigina. Dopo l’appello di studiosi e cittadini il governo regionale vorrebbe acquisire il quadro

Il Duomo di Cefalù si prepara a rinascere, al via i lavori di restauro

Gli interventi finanziati con due milioni di euro dalla Regione Siciliana interesseranno le coperture, gli esterni e gli apparati decorativi del monumento normanno, che è parte del patrimonio Unesco. Le imprese avranno 365 giorni per ultimare le opere

Ultimi articoli

A Lentini è scontro per la gestione di Palazzo Beneventano

Monta la polemica tra il Comune e i privati per l’affidamento dell’ex residenza nobiliare diventata polo culturale. L’amministrazione ha invitato la cooperativa Badia Lost & Found a riconsegnare i locali del bene revocando la concessione

Il Duomo di Cefalù si prepara a rinascere, al via i lavori di restauro

Gli interventi finanziati con due milioni di euro dalla Regione Siciliana interesseranno le coperture, gli esterni e gli apparati decorativi del monumento normanno, che è parte del patrimonio Unesco. Le imprese avranno 365 giorni per ultimare le opere

Svelato il soffitto trecentesco del monastero di Santa Caterina

Nascosto al di sopra della volta della sacrestia, un prezioso tetto ligneo decorato simile a quello dello Steri. Si può ammirare attraverso una app realizzata dall’Università di Palermo. Esposto anche un raro affresco medievale scoperto durante il restauro

Articoli correlati