Trapani sogna da “capitale”: la sfida della cultura

Presentato il dossier per la candidatura al riconoscimento del Mibact, un progetto articolato che coinvolge anche associazioni e altri comuni del territorio

di Giulio Giallombardo

Un sogno che supera il baratro del presente, proiettandosi in un futuro in cui ricominciare. È l’obiettivo comune delle città siciliane che si candidano a Capitale italiana della cultura 2021: Trapani, Modica, Scicli e Palma di Montechiaro (ve ne abbiamo parlato qui). Quattro progetti diversi come i territori che raccontano. La candidatura di Trapani – prima città di cui vi parliamo, a cui seguiranno anche le altre – è stata formalizzata con la presentazione di un dossier ricco e articolato, in sinergia col territorio. Un progetto che – da regolamento – resta segreto fino a quando la città vincitrice sarà proclamata, ma che si preannuncia strategico, anche in vista di Europeade, il più importante festival folk del Vecchio Continente che si svolgerà proprio a Trapani l’anno prossimo. Il dossier era già pronto il 2 marzo, alla prima scandenza poi prorogata al 13 dal Mibact, ma è stato rifinito proprio in questi giorni difficili, con l’emergenza sanitaria che sta paralizzando l’Italia intera.

Rosalia D’Alì

A Trapani, come nel resto d’Italia, la cultura si è fermata insieme a gran parte delle attività, così la speranza è di rinascere il prima possibile per festeggiare l’anno prossimo. “Noi crediamo molto a questa candidatura – ha detto a Le Vie dei Tesori News, l’assessore comunale alla Cultura, Rosalia D’Alì – . Abbiamo fatto un grande lavoro di coinvolgimento del territorio, insieme alle associazioni culturali e ad altri enti territoriali, dando vita a un calendario di iniziative che comunque vada, vogliamo realizzare. È stato un lavoro sinergico, basti pensare che 17 comuni della provincia su 24 hanno aderito al progetto”.

La Torre della Colombaia

La candidatura di Trapani va oltre il ricco calendario di eventi, puntando a diventare un progetto d’azione strategica per la promozione del territorio e della rinascita turistica e culturale. “Sono giorni difficili per tutti – prosegue l’assessore – a Trapani come ovunque in Italia, musei, biblioteche e luoghi della cultura sono chiusi, abbiamo dovuto annullare tantissimi eventi tra marzo e aprile e molti altri sono in bilico per i mesi successivi. I trapanesi, però, stanno rispondendo con grande senso di responsabilità, hanno capito la gravità del momento e ognuno sta facendo la sua parte. Siamo tutti in attesa di capire quanto durerà questo periodo così triste e buio e quando potremo finalmente rivedere la luce. Speriamo di essere pronti per ricominciare”.

Il logo di Trapani Capitale italiana della cultura

Intanto, l’amministrazione comunale ha creato una fanpage su Facebook interamente dedicata alla candidatura di “Trapani 2021, Capitale italiana delle Culture euromediterranee”. Nell’immagine di copertina campeggia il logo ufficiale, ispirato al rosone della Chiesa di Sant’Agostino. Un disegno con un movimento dinamico di archi incrociati “che – ha spiegato il sindaco Giacomo Tranchida – simboleggiano l’interconnessione delle culture mediterranee in una armoniosa trama di visioni e tradizioni, simbolo delle culture che sono approdate nella nostra terra lasciando testimonianza e tracce ancora visibili”.

Condividi
Tags

In evidenza

SPAZIO AZIENDE | Un’Alleanza per i tesori

di Redazione Alleanza Assicurazioni ha stretto una partnership con Le Vie dei Tesori e ha aperto uno sportello di accoglienza nell’hub del festival di piazza...

Le Vie dei Tesori a Alcamo tra castelli e torri, tutto pronto per il secondo weekend

Preso d'assalto nel primo fine settimana, si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Mazara del Vallo raccontata in un libro tra immagini e parole

Scorci, riti e tradizioni della città trapanese in un volume di Giovanni Franco e Nicola Cristaldi. Dai vicoli della Casbah al mercato del pesce, dalle spiagge ritrovate alle chiese

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori a Alcamo tra castelli e torri, tutto pronto per il secondo weekend

Preso d'assalto nel primo fine settimana, si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Dalla villa con i bozzetti di Zeffirelli alle terrazze sull’Etna, Catania e Acireale al secondo weekend

Si visita Villa Di Bella a Viagrande, dove il regista soggiornò e donò alla proprietaria i suoi disegni di scena per "Cavalleria Rustica". Apre Castello Ursino e si sale sul camminamento di San Nicolò l'Arena. A Acireale, tra chiese e palazzi sfarzosi

Le Vie dei Tesori a Ragusa e Scicli: secondo weekend tra cave, palazzi e chiese

Nel Duomo del capoluogo esposte le opere sopravvissute al sisma e si sale sul campanile di San Giovanni Battista. A Scicli, terza città più visitata del festival dopo Palermo e Catania, apre Palazzo Busacca e proseguono le visite al Municipio, set del Commissario Montalbano

Articoli correlati