Tra pupi, burattini e laboratori torna il Festival di Morgana

Dal 3 al 13 novembre racconti, performance e suggestioni dall’antica Persia, da Egitto, Inghilterra, Spagna, Israele. Senza dimenticare la Sicilia, né le altre forme d’arte: scrittura, illustrazioni d’autore, film, musica, proiezioni e seminari

di Redazione

Bisognerà portare con sé un bagaglio molto grande, per riempirlo di tutte le emozioni del Festival di Morgana, edizione 47, che partirà proprio domani, giovedì 3 novembre alle 11, al Museo delle Marionette di Palermo e proseguirà fino al 13 novembre.

E se il primo viaggio sarà verso la Spagna, con lo spettacolo per burattini e attori El hombre cigüeña, sarà tutto un levare e mettere le ancore. Alla scoperta di una narrazione che ha al centro terre antiche come la Persia, l’Egitto, Israele: terre che per il racconto sono insieme radici e ali. Da questi luoghi remoti e misteriosi spesso si sono infatti diffusestorie in forma scritta e orale che hanno sorvolato tempi e spazi, fino ad approdare a noi con le ali d’oro della narrazione, fino a diventare un’unica storia universale.

Pardeh-Khani

La narrazione persiana e le sue declinazioni saranno infatti oggetto di un seminario e di spettacoli unici e affascinanti come il Naqqāli e il Pardeh-khāni, che sapranno portare non solo il racconto ma anche l’atmosfera e le suggestioni dei narratori.

E i pupi siciliani? Non possono mancare: c’è Bradamante, ci sono Perseo e Medusa e Marfisa, valentissima guerriera pagana, che arriva addirittura a diventare imperatrice di Persia. Ecco un’altra terra di racconti millenari: l’Egitto, che al festival di Morgana porta l’epopea della tribù beduina dei Bānū Hilāl, Al-Ṣīra al-Hilāliyya, l’unica ad essere ancora eseguita nella sua forma musicale integrale.

Il Museo delle Marionette

E poi c’è la storia d’amore di Khosrow e Shirin, innamorati e apparentemente troppo diversi, divisi da due tende e uniti dalla musica. Ancora dalla Persia, ecco l’intrepida Gordāfarid, simbolo della forza delle donne iraniane. Una tenacia che diventa forza educatrice e rivoluzionaria, come nella proiezione Palloncino bianco di Jafar Panahi, con la sua storia vietata dall’Iran prerivoluzionario perché troppo libera.

Si torna in Sicilia, infine, con il libro Le storie cantate di Peppino Castello di Mario Incudine, pubblicato dalle Edizioni Museo Pasqualino. Uno studio e una riscoperta, cui parteciperà anche l’artista Moni Ovadia, che riscopre una figura poco nota e si interroga sul ruolo e sulle sorti del narratore.

Rosario Perricone durante un incontro al Museo delle Marionette

Oltre al Museo delle Marionette, i luoghi del festival saranno anche la Chiesa di San Mattia Apostolo dei Crociferi, la Chiesa dei Santissimi Euno e Giuliano e l’Istituto scolastico Rita Borsellino di Piazza Magione.  “Questa nuova edizione del Festival di Morgana – afferma Rosario Perricone, direttore del Museo delle Marionette – scava nelle profondità di racconti e storie che, riproposti instancabilmente in tempi e spazi talvolta lontani, sono custodi di antichi saperi e al contempo catalizzatori e manifestazione aperta dei bisogni, delle paure, dei sogni e dei desideri di chi ancora una volta, o per la prima volta, vi si imbatte”.

QUI IL PROGRAMMA COMPLETO DEL FESTIVAL DI MORGANA

Condividi
Tags

In evidenza

Monete, sigilli e medaglie del Salinas rivivranno in digitale

Presentato il progetto di digitalizzazione della collezione numismatica custodita nel museo archeologico di Palermo. Un patrimonio che, oltre al nucleo greco, comprende pezzi islamici, bizantini e normanni

Svelato il soffitto trecentesco del monastero di Santa Caterina

Nascosto al di sopra della volta della sacrestia, un prezioso tetto ligneo decorato simile a quello dello Steri. Si può ammirare attraverso una app realizzata dall’Università di Palermo. Esposto anche un raro affresco medievale scoperto durante il restauro

La Palermo degli anni Trenta rivive in una mostra

All’Albergo delle Povere un allestimento racconta la città di un secolo fa attraverso oggetti originali, filmati storici, pannelli esplicativi e ricostruzioni tridimensionali

Ultimi articoli

A Lentini è scontro per la gestione di Palazzo Beneventano

Monta la polemica tra il Comune e i privati per l’affidamento dell’ex residenza nobiliare diventata polo culturale. L’amministrazione ha invitato la cooperativa Badia Lost & Found a riconsegnare i locali del bene revocando la concessione

Il Duomo di Cefalù si prepara a rinascere, al via i lavori di restauro

Gli interventi finanziati con due milioni di euro dalla Regione Siciliana interesseranno le coperture, gli esterni e gli apparati decorativi del monumento normanno, che è parte del patrimonio Unesco. Le imprese avranno 365 giorni per ultimare le opere

Svelato il soffitto trecentesco del monastero di Santa Caterina

Nascosto al di sopra della volta della sacrestia, un prezioso tetto ligneo decorato simile a quello dello Steri. Si può ammirare attraverso una app realizzata dall’Università di Palermo. Esposto anche un raro affresco medievale scoperto durante il restauro

Articoli correlati