Viaggio tra le ferite del centro storico

Appuntamento sabato a Porta Felice con Bc Sicilia, guidati dalle testimonianze di chi ancora ricorda il tragico bombardamento degli alleati il 9 maggio del 1943 che ha stravolto fisionomia di palazzi e chiese del capoluogo

di Marco Russo

Un percorso tra le ferite aperte di Palermo, guidati dalla lettura delle testimonianze orali di chi ancora ricorda il suono assordante di quelle sirene che, il 9 maggio del 1943, preannunciarono il massiccio bombardamento degli alleati in città. È l’iniziativa promossa dall’associazione Bc Sicilia insieme alla cooperativa “Dedalus, I labirinti dell’arte” con il patrocinio dell’assessorato regionale dei Beni Culturali e dell’Identità siciliana per sabato 11 agosto.

Dal maggio del ’43 sul centro storico di Palermo una pioggia di 1114 ordigni ridusse il centro storico a un cumulo di detriti. Soltanto tre settimane prima, il 18 Aprile, la città aveva subito un altro bombardamento in cui morirono centinaia di donne e bambini. A distanza di 75 anni, Palermo mostra ancora le sue ferite in un percorso che, partendo alle 21 da Porta Felice, condurrà i visitatori alla scoperta delle piaghe belliche della città, tra palazzi nobiliari e chiese distrutte, accompagnati dalle testimonianze di chi ancora ricorda quei tragici giorni.

Per partecipare al percorso, che rientra nella manifestazione “Le Notti di Bcsicilia”, è necessario prenotarsi per telefono ai numeri 3270256906 e 3483648486 o alla mail segreteria@bcsicilia.it.

Appuntamento sabato a Porta Felice con Bc Sicilia, guidati dalle testimonianze di chi ancora ricorda il tragico bombardamento degli alleati il 9 maggio del 1943 che ha stravolto fisionomia di palazzi e chiese del capoluogo

di Marco Russo

Un percorso tra le ferite aperte di Palermo, guidati dalla lettura delle testimonianze orali di chi ancora ricorda il suono assordante di quelle sirene che, il 9 maggio del 1943, preannunciarono il massiccio bombardamento degli alleati in città. È l’iniziativa promossa dall’associazione Bc Sicilia insieme alla cooperativa “Dedalus, I labirinti dell’arte” con il patrocinio dell’assessorato regionale dei Beni Culturali e dell’Identità siciliana per sabato 11 agosto.

Dal maggio del ’43 sul centro storico di Palermo una pioggia di 1114 ordigni ridusse il centro storico a un cumulo di detriti. Soltanto tre settimane prima, il 18 Aprile, la città aveva subito un altro bombardamento in cui morirono centinaia di donne e bambini. A distanza di 75 anni, Palermo mostra ancora le sue ferite in un percorso che, partendo alle 21 da Porta Felice, condurrà i visitatori alla scoperta delle piaghe belliche della città, tra palazzi nobiliari e chiese distrutte, accompagnati dalle testimonianze di chi ancora ricorda quei tragici giorni.

Per partecipare al percorso, che rientra nella manifestazione “Le Notti di Bcsicilia”, è necessario prenotarsi per telefono ai numeri 3270256906 e 3483648486 o alla mail segreteria@bcsicilia.it.

Condividi
Tags

In evidenza

Le Vie dei Tesori a Scicli tra palazzi, chiese e il set del Commissario Montalbano

Tredici sono i luoghi nella cittadina ragusana, dove si è girata la famosa fiction. Aprono tre dimore nobiliari, si visita la collezione del Gruppo di Scicli e si scende nella Grotta delle Cento scale. Coinvolti 40 studenti e le guide in Lingua dei segni

Le Vie dei Tesori supera le 40mila visite nelle prime otto città

Trapani la più visitata, seguita a breve distanza da Messina. Grande exploit di Termini Imerese, tanto interesse per Enna e Bagheria. Caltanissetta supera Mazara e Marsala dove si è andati per cantine

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Stefania Blandeburgo si fa in cinque per Le Vie dei Tesori

Sono cinque i personaggi che l'attrice Stefania Blandeburgo interpreta per la sedicesima edizione delle Vie dei Tesori a Palermo: ognuno rivive nei suoi abiti d’epoca, con una storia da raccontare

Nell’aula bunker il racconto del Maxiprocesso con cronisti e magistrati

Il Maxiprocesso dalla voce di chi c’era: i cronisti di mafia e i magistrati raccontano quei mesi. Apre al pubblico durante il festival Le Vie dei Tesori l'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. Al primo weekend pieno di visitatori sono intervenuti: il giudice Giuseppe Ayala, il videomaker Giuseppe Di Lorenzo e l’allora cronista di giudiziaria Marcello Barbaro

Articoli correlati