Tornano a vivere due borghi rurali siciliani

Riqualificazione in vista per Libertinia, che ricade nel territorio di Ramacca, e Pietro Lupo, che fa parte del Comune di Mineo

di Marco Russo

Recuperare i borghi rurali sparsi per la Sicilia, trasformandoli in centri attrattivi per il territorio. È l’obiettivo dell’amministrazione regionale, che ha sottoscritto un piano di riqualificazione per recuperare gli insediamenti costruiti negli anni Trenta del secolo scorso dall’Ente di colonizzazione del latifondo siciliano, ampliati con la riforma agraria negli anni Cinquanta e assorbiti dall’Ente di sviluppo agricolo nel 1965.

Adesso, altri due borghi rurali si andranno ad aggiungere agli altri dieci che fanno parte del progetto. Si tratta di Libertinia, che ricade nel territorio di Ramacca, e quello di Pietro Lupo, che fa parte del Comune di Mineo. L’accordo di programma che prevede la loro riqualificazione è stato firmato dall’assessore dei Beni culturali Sebastiano Tusa, dai sindaci Giuseppe Limoli e Giuseppe Mistretta e da Giosuè Catania dell’Ente Sviluppo Agricolo.

Borgo Libertinia

Anche per Libertinia e Pietro Lupo sono stati predisposti interventi di recupero e di trasformazione di diversi edifici che saranno destinati all’accoglienza ma anche allo studio e alla promozione del territorio. Previsto, inoltre, il loro inserimento nella “Via dei borghi” e nel circuito di “greenways”, con la creazione di ippovie lungo le antiche trazzere. In base all’accordo, gli enti coinvolti reperiranno i finanziamenti necessari per la realizzazione delle opere, con la possibilità di creare partnership con soggetti pubblici e privati.

“Continuiamo ad avere una grande attenzione – sottolinea il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci – per le nostre aree rurali e per questi spicchi di territorio che trasudano storia e cultura e che, se adeguatamente valorizzati, sono in grado di stimolare un forte interesse da parte di turisti e studiosi. Non è un caso che negli ultimi anni, in ben quattro edizioni del premio nazionale ‘Il Borgo dei Borghi’, questi suggestivi angoli della Sicilia siano risultati in assoluto i più apprezzati”.

“Queste realtà, oggi in profondo stato di abbandono – dichiara l’assessore Tusa – oltre a testimoniare un importante momento del passato e un riuscito esempio di pianificazione territoriale, custodiscono interessanti esperienze urbanistiche e architettoniche. Il governo regionale intende valorizzare questo patrimonio storico nel quadro di un rilancio delle aree interne meno ricche dell’Isola e di un nuovo sviluppo culturale”.

Riqualificazione in vista per Libertinia, che ricade nel territorio di Ramacca, e Pietro Lupo, che fa parte del Comune di Mineo

di Marco Russo

Recuperare i borghi rurali sparsi per la Sicilia, trasformandoli in centri attrattivi per il territorio. È l’obiettivo dell’amministrazione regionale, che ha sottoscritto un piano di riqualificazione per recuperare gli insediamenti costruiti negli anni Trenta del secolo scorso dall’Ente di colonizzazione del latifondo siciliano, ampliati con la riforma agraria negli anni Cinquanta e assorbiti dall’Ente di sviluppo agricolo nel 1965.

Adesso, altri due borghi rurali si andranno ad aggiungere agli altri dieci che fanno parte del progetto. Si tratta di Libertinia, che ricade nel territorio di Ramacca, e quello di Pietro Lupo, che fa parte del Comune di Mineo. L’accordo di programma che prevede la loro riqualificazione è stato firmato dall’assessore dei Beni culturali Sebastiano Tusa, dai sindaci Giuseppe Limoli e Giuseppe Mistretta e da Giosuè Catania dell’Ente Sviluppo Agricolo.

Borgo Libertinia

Anche per Libertinia e Pietro Lupo sono stati predisposti interventi di recupero e di trasformazione di diversi edifici che saranno destinati all’accoglienza ma anche allo studio e alla promozione del territorio. Previsto, inoltre, il loro inserimento nella “Via dei borghi” e nel circuito di “greenways”, con la creazione di ippovie lungo le antiche trazzere. In base all’accordo, gli enti coinvolti reperiranno i finanziamenti necessari per la realizzazione delle opere, con la possibilità di creare partnership con soggetti pubblici e privati.

“Continuiamo ad avere una grande attenzione – sottolinea il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci – per le nostre aree rurali e per questi spicchi di territorio che trasudano storia e cultura e che, se adeguatamente valorizzati, sono in grado di stimolare un forte interesse da parte di turisti e studiosi. Non è un caso che negli ultimi anni, in ben quattro edizioni del premio nazionale ‘Il Borgo dei Borghi’, questi suggestivi angoli della Sicilia siano risultati in assoluto i più apprezzati”.

“Queste realtà, oggi in profondo stato di abbandono – dichiara l’assessore Tusa – oltre a testimoniare un importante momento del passato e un riuscito esempio di pianificazione territoriale, custodiscono interessanti esperienze urbanistiche e architettoniche. Il governo regionale intende valorizzare questo patrimonio storico nel quadro di un rilancio delle aree interne meno ricche dell’Isola e di un nuovo sviluppo culturale”.

Condividi
Tags

In evidenza

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Dal Castello della baronessa alle chiese preziose, Carini fa il bis con Le Vie dei Tesori

Il festival torna per il secondo anno consecutivo nella cittadina del Palermitano per tre weekend dall'1 al 16 ottobre. In programma sette luoghi e un'esperienza da non perdere: si ascolterà un organo “bandistico” scoprendone il meccanismo

Le Vie dei Tesori supera le 40mila visite nelle prime otto città

Trapani la più visitata, seguita a breve distanza da Messina. Grande exploit di Termini Imerese, tanto interesse per Enna e Bagheria. Caltanissetta supera Mazara e Marsala dove si è andati per cantine

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Stefania Blandeburgo si fa in cinque per Le Vie dei Tesori

Sono cinque i personaggi che l'attrice Stefania Blandeburgo interpreta per la sedicesima edizione delle Vie dei Tesori a Palermo: ognuno rivive nei suoi abiti d’epoca, con una storia da raccontare

Nell’aula bunker il racconto del Maxiprocesso con cronisti e magistrati

Il Maxiprocesso dalla voce di chi c’era: i cronisti di mafia e i magistrati raccontano quei mesi. Apre al pubblico durante il festival Le Vie dei Tesori l'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. Al primo weekend pieno di visitatori sono intervenuti: il giudice Giuseppe Ayala, il videomaker Giuseppe Di Lorenzo e l’allora cronista di giudiziaria Marcello Barbaro

Articoli correlati