Il gigante verde di piazza Marina torna a respirare

Terminati i lavori di restyling nell’area davanti al maestoso Ficus di Villa Garibaldi, a Palermo. Gli interventi serviranno a far crescere meglio l’albero

di Marco Russo

Una boccata d’ossigeno per il maestoso Ficus di Villa Garibaldi. Sono terminati i lavori di restyling dell’area di piazza Marina, davanti al gigantesco albero bicentenario inserito nell’elenco degli Alberi monumentali italiani. Si chiude, così, il cantiere inaugurato lo scorso marzo con l’obiettivo di “far respirare” il monumento della natura e permettergli di crescere ancora. L’intervento delle maestranze del Coime e del Settore Verde ha permesso la realizzazione di una passerella e di alcuni cercini, aperture nel basolato che permetteranno alle radici aeree di crescere regolarmente, fornendo così sostegno ai rami orizzontali. I lavori sono stati eseguiti in raccordo con il Corpo forestale della Regione Siciliana e con la Sovrintendenza, cui sarà sottoposto il piano di manutenzione periodica.

Il Ficus di Villa Garibaldi e la nuova passerella

“Questo piccolo ma significativo intervento – commentano il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore al Decoro, Fabio Giambrone – restituisce alla piena fruizione questa porzione della piazza che era stata chiusa per motivi di sicurezza, ma soprattutto mostra che si possono, anzi a volte si devono, programmare e realizzare degli interventi che partono dalla necessità dei nostri monumenti, in questo caso di un albero monumentale, che sono parte fondamentale della nostra storia, della nostra cultura, del nostro patrimonio”.

Le aperture nelle basole per le radici

I lavori sono stati eseguiti su progetto di Giuseppe Barbera, ordinario di Culture arboree all’Università degli Studi di Palermo. “Ad un albero eccezionale, attenzioni eccezionali – ha commentato l’agronomo – . Un intervento che accompagna la prodigiosa crescita dell’albero, dà maggiore sicurezza ai passanti e rende possibile l’ancoraggio delle radici aeree su porzioni di marciapiede liberate da alcune basole verso le quali sarà indirizzata la loro crescita. Con la passerella provvisoria e con il previsto impianto di illuminazione, il ficus può finalmente mostrare appieno il suo valore di albero monumentale noto in tutto il mondo. L’università di Palermo, gli arboricoltori e i paesaggisti che hanno donato il progetto, mantengono il loro impegno per la piena valorizzazione del verde storico cittadino”.

La passerella davanti al ficus

Il Ficus macrophylla è sicuramente l’attrazione principale di Villa Garibaldi, essendo considerato uno fra i più grandi d’Europa, con un’altezza di 30 metri, una circonferenza del tronco che supera i 21 metri ed una chioma con diametro di 50 metri.

Condividi
Tags

In evidenza

L’ex “fabbrica della luce” di Palermo diventa bene d’interesse culturale

Il complesso che un tempo ospitava la centrale elettrica Enel di via Cusmano, progettata dall’architetto Salvatore Li Volsi Palmigiano nel 1912, è stata sottoposta a vincolo poiché rappresenta “pregevole esempio di architettura industriale novecentesca legato alla storia della città”

Tele in cerca d’autore: a Salemi svelato il mistero del “pittore senza opere”

Nella chiesa della Madonna degli Angeli custodita una preziosa pala d’altare dell'artista seicentesco Gabriele Cabrera e Cardona, finora attribuita ad un anonimo. Adesso sono due i dipinti firmati da questo maestro originario di Naro di cui poco si conosce

Si vota per il concorso Art Bonus 2023: ecco i progetti siciliani in gara

Si potrà scegliere tra i beneficiari dei fondi donati dai mecenati a sostegno della cultura. Nell’Isola selezionati gli interventi per il Teatro Greco di Siracusa, il Massimo di Palermo e l’Accademia Filarmonica di Messina

Ultimi articoli

Arriva Carnevale: la Sicilia in festa tra carri, musica e maschere

Da Termini Imerese ad Acireale e Sciacca, passando per Avola e Melilli, sono tantissime le città dell’Isola che portano avanti antiche tradizioni, animando piccole e grandi comunità

Tele in cerca d’autore: a Salemi svelato il mistero del “pittore senza opere”

Nella chiesa della Madonna degli Angeli custodita una preziosa pala d’altare dell'artista seicentesco Gabriele Cabrera e Cardona, finora attribuita ad un anonimo. Adesso sono due i dipinti firmati da questo maestro originario di Naro di cui poco si conosce

L’ex “fabbrica della luce” di Palermo diventa bene d’interesse culturale

Il complesso che un tempo ospitava la centrale elettrica Enel di via Cusmano, progettata dall’architetto Salvatore Li Volsi Palmigiano nel 1912, è stata sottoposta a vincolo poiché rappresenta “pregevole esempio di architettura industriale novecentesca legato alla storia della città”

Articoli correlati