Sul web il Requiem di Verdi diretto da Muti al Teatro Massimo

Il concerto registrato a fine marzo durante il soggiorno del maestro a Palermo, sarà trasmesso in streaming domenica 18 aprile alle 20

di Redazione

Arriva il giorno del Requiem di Verdi diretto da Riccardo Muti al Teatro Massimo. Il concerto registrato a fine marzo, durante il soggiorno del maestro a Palermo, sarà trasmesso in streaming domenica 18 aprile alle 20. Tornato dopo 50 anni sul podio dell’orchestra del Massimo, Muti ha diretto quattro solisti di grande rilievo come il soprano Joyce El-Khouri, il tenore Francesco Meli, il mezzosoprano Martina Belli, il basso Riccardo Zanellato. Alla direzione del coro il maestro Ciro Visco. Il concerto dopo lo streaming sulla web tv del teatro domenica 18 aprile (questo il link) resterà disponibile on line per sessanta giorni, sul sito della Fondazione Teatro Massimo, in collaborazione con RmMusic, riccardomutimusic.com.

Joyce El-Khouri e Martina Belli

“Un Requiem che sfida l’impossibile per dire al mondo che siamo vivi”, ha commentato Riccardo Muti, elogiando la sensibilità e la preparazione dell’Orchestra e del Coro del Teatro Massimo, distribuito per il distanziamento in ognuno dei palchi. Da più di un anno si lavora in condizioni proibitive per rispettare le misure di sicurezza ma nonostante questo il maestro Muti ha affermato: “Ho scoperto un teatro in pienissima forma, un’eccellente orchestra, un eccellente coro, preparato dal maestro Visco, e un ambiente estremamente professionale, di classe, degno della grande tradizione siciliana”.

Riccardo Muti con il sovrintendente del Teatro Massimo, Francesco Giambrone

E prosegue: “Svolgo gran parte della mia attività all’estero, tra Chicago, Vienna, Salisburgo, e tornare dopo tanti anni in un teatro del sud, uno dei più grandi al mondo, così in ottima forma, mi spinge alla possibilità di un ritorno al Teatro Massimo per fare musica per il pubblico in presenza, probabilmente con un’opera, per la prima volta a Palermo. Lo streaming va bene temporaneamente ma dobbiamo tornare assolutamente al teatro vivo, come ci è stato tramandato per millenni”. Nel corso della settimana trascorsa al Teatro Massimo, Muti ha ricevuto la cittadinanza onoraria di Palermo dal sindaco Leoluca Orlando durante una cerimonia a Palazzo delle Aquile a cui ha preso parte in collegamento anche il ministro Dario Franceschini.

Condividi
Tags

In evidenza

Mazara del Vallo raccontata in un libro tra immagini e parole

Scorci, riti e tradizioni della città trapanese in un volume di Giovanni Franco e Nicola Cristaldi. Dai vicoli della Casbah al mercato del pesce, dalle spiagge ritrovate alle chiese

Porta Nuova e l’aula bunker subito sold out per Le Vie dei Tesori

Apre per la prima volta al pubblico Porta Nuova, si entra nel carcere Ucciardone e nell’aula bunker con i cronisti che seguirono il maxiprocesso, si scopre il Gasometro, ma anche tre chiese inedite con le loro storie. Tante passeggiate e visite teatralizzate tra nobili dame e cortigiane

Porta Nuova presa d’assalto dal popolo delle Vie dei Tesori

Porta Nuova apre per la prima volta in occasione della sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori a Palermo. Già nel primo weekend tanti visitatori hanno salito gli ottanta alti gradini che dal piano di Palazzo Reale conducono fino al corridoio scoperto di collegamento tra la residenza normanna e la Porta costruita nel 1460, riedificata un secolo dopo dal viceré di Sicilia Marcantonio Colonna per celebrare l’arrivo di Carlo V

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Stefania Blandeburgo si fa in cinque per Le Vie dei Tesori

Sono cinque i personaggi che l'attrice Stefania Blandeburgo interpreta per la sedicesima edizione delle Vie dei Tesori a Palermo: ognuno rivive nei suoi abiti d’epoca, con una storia da raccontare

Nell’aula bunker il racconto del Maxiprocesso con cronisti e magistrati

Il Maxiprocesso dalla voce di chi c’era: i cronisti di mafia e i magistrati raccontano quei mesi. Apre al pubblico durante il festival Le Vie dei Tesori l'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. Al primo weekend pieno di visitatori sono intervenuti: il giudice Giuseppe Ayala, il videomaker Giuseppe Di Lorenzo e l’allora cronista di giudiziaria Marcello Barbaro

Articoli correlati