Sul web il Requiem di Verdi diretto da Muti al Teatro Massimo

Il concerto registrato a fine marzo durante il soggiorno del maestro a Palermo, sarà trasmesso in streaming domenica 18 aprile alle 20

di Redazione

Arriva il giorno del Requiem di Verdi diretto da Riccardo Muti al Teatro Massimo. Il concerto registrato a fine marzo, durante il soggiorno del maestro a Palermo, sarà trasmesso in streaming domenica 18 aprile alle 20. Tornato dopo 50 anni sul podio dell’orchestra del Massimo, Muti ha diretto quattro solisti di grande rilievo come il soprano Joyce El-Khouri, il tenore Francesco Meli, il mezzosoprano Martina Belli, il basso Riccardo Zanellato. Alla direzione del coro il maestro Ciro Visco. Il concerto dopo lo streaming sulla web tv del teatro domenica 18 aprile (questo il link) resterà disponibile on line per sessanta giorni, sul sito della Fondazione Teatro Massimo, in collaborazione con RmMusic, riccardomutimusic.com.

Joyce El-Khouri e Martina Belli

“Un Requiem che sfida l’impossibile per dire al mondo che siamo vivi”, ha commentato Riccardo Muti, elogiando la sensibilità e la preparazione dell’Orchestra e del Coro del Teatro Massimo, distribuito per il distanziamento in ognuno dei palchi. Da più di un anno si lavora in condizioni proibitive per rispettare le misure di sicurezza ma nonostante questo il maestro Muti ha affermato: “Ho scoperto un teatro in pienissima forma, un’eccellente orchestra, un eccellente coro, preparato dal maestro Visco, e un ambiente estremamente professionale, di classe, degno della grande tradizione siciliana”.

Riccardo Muti con il sovrintendente del Teatro Massimo, Francesco Giambrone

E prosegue: “Svolgo gran parte della mia attività all’estero, tra Chicago, Vienna, Salisburgo, e tornare dopo tanti anni in un teatro del sud, uno dei più grandi al mondo, così in ottima forma, mi spinge alla possibilità di un ritorno al Teatro Massimo per fare musica per il pubblico in presenza, probabilmente con un’opera, per la prima volta a Palermo. Lo streaming va bene temporaneamente ma dobbiamo tornare assolutamente al teatro vivo, come ci è stato tramandato per millenni”. Nel corso della settimana trascorsa al Teatro Massimo, Muti ha ricevuto la cittadinanza onoraria di Palermo dal sindaco Leoluca Orlando durante una cerimonia a Palazzo delle Aquile a cui ha preso parte in collegamento anche il ministro Dario Franceschini.

Condividi
Tags

In evidenza

Si vota per il concorso Art Bonus 2023: ecco i progetti siciliani in gara

Si potrà scegliere tra i beneficiari dei fondi donati dai mecenati a sostegno della cultura. Nell’Isola selezionati gli interventi per il Teatro Greco di Siracusa, il Massimo di Palermo e l’Accademia Filarmonica di Messina

Tele in cerca d’autore: a Salemi svelato il mistero del “pittore senza opere”

Nella chiesa della Madonna degli Angeli custodita una preziosa pala d’altare dell'artista seicentesco Gabriele Cabrera e Cardona, finora attribuita ad un anonimo. Adesso sono due i dipinti firmati da questo maestro originario di Naro di cui poco si conosce

Acireale, una mostra racchiude le opere dei Gagini nel territorio etneo

Nel Palazzo Comunale un percorso espositivo che unisce Sicilia, Calabria e Bissone, terra di origine di Domenico Gagini, capostipite della famiglia di artisti e protagonista di un “approdo” che favorì l'interscambio tra sperimentazioni d'arte nel Rinascimento

Ultimi articoli

Tele in cerca d’autore: a Salemi svelato il mistero del “pittore senza opere”

Nella chiesa della Madonna degli Angeli custodita una preziosa pala d’altare dell'artista seicentesco Gabriele Cabrera e Cardona, finora attribuita ad un anonimo. Adesso sono due i dipinti firmati da questo maestro originario di Naro di cui poco si conosce

L’ex “fabbrica della luce” di Palermo diventa bene d’interesse culturale

Il complesso che un tempo ospitava la centrale elettrica Enel di via Cusmano, progettata dall’architetto Salvatore Li Volsi Palmigiano nel 1912, è stata sottoposta a vincolo poiché rappresenta “pregevole esempio di architettura industriale novecentesca legato alla storia della città”

Ho scelto il Sud, comprano un mulino a pietra e tornano alla terra: la scommessa di due giovani agricoltori

Mauro Calvagna e Rosario Claudio La Placa sono due quarantenni di Belpasso che hanno fondato una società agricola, puntando sugli insegnamenti e l’esperienza delle rispettive famiglie

Articoli correlati