Sicilia e Sardegna insieme per valorizzare il loro patrimonio

Firmata un’alleanza tra Le Vie dei Tesori e Monumenti aperti. Le due più grandi organizzazioni presenti nelle due Isole si federano per obiettivi comuni

di Redazione

L’uno è il più grande circuito di valorizzazione del patrimonio culturale in Sicilia, nato nel 2006 e oggi presente in venti città e in 60 borghi dell’Isola (con uno spin off in Lombardia, a Mantova), l’altra è la più grande festa dei monumenti della Sardegna, una storia cominciata nel 1997 e oggi diffusa in tutto il suo territorio e con innesti in altre regioni d’Italia, dall’Emilia alla Lombardia, dalla Puglia a Roma. Insieme, hanno siglato un’alleanza che pone le premesse di una valorizzazione congiunta delle due più grandi Isole del Mediterraneo, con ricadute in ambito culturale, turistico, economico.

Cagliari, itinerario Colle Sant’Elia (foto Giuseppe Ungari)

Due isole con storie diverse, Sicilia e Sardegna, cinque milioni di abitanti l’una, poco più di un milione e mezzo l’altra, una forte identità territoriale, patrimoni storici e naturalistici straordinari. Le due organizzazioni condividono la stessa mission e la stessa origine: una nascita “dal basso” voluta da giovani professionisti innamorati della propria terra. Primo obiettivo, quello di scambiarsi le esperienze nei reciproci territori, con un’esportazione di iniziative del Festival Le Vie dei Tesori in Sardegna, e dell’importazione di progetti di Monumenti aperti in Sicilia. Poi altri progetti comuni, come scambio di pubblici, manifestazioni e promozione congiunte, progetti in altre regioni italiane per portare in tutto il Paese l’idea del patrimonio come leva di inclusione e di coesione sociale e di crescita civile della comunità.

Le Vie dei Tesori al Castello a Mare di Palermo

Anni importanti e di crescita, questi, nonostante la pandemia, per le due organizzazioni, entrambe insignite da molti anni della medaglia di rappresentanza del Presidente della Repubblica. Monumenti aperti ha vinto nel 2018 il Premio dell’Unione Europea per il Patrimonio Culturale/Europa Nostra Awards, assegnato a Berlino, su 160 candidature presentate da organizzazioni provenienti da 31 paesi di tutta Europa. Le Vie dei Tesori è stata tra le pochissime manifestazioni che si è svolta in Italia in presenza anche nel 2020 attanagliato dal Covid, e si è classificata l’anno scorso prima tra decine di candidature, al Premio Cultura + Impresa, il più importante riconoscimento italiano dedicato ai progetti nati dall’alleanza tra istituzioni culturali e mondo produttivo.

Info point delle Vie dei Tesori

Le due organizzazioni sono state presenti alle ultime edizioni dei reciproci Festival, che quest’anno si sono svolte entrambe a ottobre (Monumenti aperti ha spostato a causa del Covid le sue tradizionali date di maggio). La delegazione siciliana ha fatto tappa a Cagliari, per un itinerario inconsueto che ha attraversato alcuni dei luoghi aperti alle visite e raccontati dai ragazzi delle scuole, a partire dal nuovo Parco Nervi, realizzato con percorsi pedonali, ciclabili e naturalistici dall’Autorità di Sistema portuale del Mare di Sardegna intorno all’immenso riqualificato Padiglione Nervi, realizzato tra il 1955 e il 1958 per potenziare il trasporto del sale prodotto nella salina di Molentargius, e oggi imponente esempio di archeologia industriale.

Le Vie dei Tesori a Catania

E poi visite all’immenso mercato del pesce della città, il più grande d’Europa dopo quello di Barcellona; al curioso museo delle Ferrovie sarde, con gli arredi dedicati alla carrozza del re di Vittorio Emanuele III; tra i viali alberati della città percorsi da autobus ecologici (l’azienda di trasporto pubblico di Cagliari è tra le prime in Italia per sostenibilità e performance); alla magnifica spiaggia del Poetto, con i suoi fenicotteri. Una delegazione sarda ha “ricambiato la visita” subito dopo a Palermo, durante un weekend del Festival che ha attraversato centinaia di luoghi tra visite guidate e passeggiate.

Condividi
Tags

In evidenza

Le Vie dei Tesori svelano Palermo, tutto il meglio del secondo weekend

Aprono la Banca d’Italia, le sorgenti del Gabriele e i serbatoi di San Ciro, la Specola astronomica, il Convitto Nazionale e la caserma Ruggero Settimo. Rivivono Margheritina nel rifugio Bombace e Margherita Biondo in una tela

Stefania Blandeburgo si fa in cinque per Le Vie dei Tesori

Sono cinque i personaggi che l'attrice Stefania Blandeburgo interpreta per la sedicesima edizione delle Vie dei Tesori a Palermo: ognuno rivive nei suoi abiti d’epoca, con una storia da raccontare

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori a Alcamo tra castelli e torri, tutto pronto per il secondo weekend

Preso d'assalto nel primo fine settimana, si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Dalla villa con i bozzetti di Zeffirelli alle terrazze sull’Etna, Catania e Acireale al secondo weekend

Si visita Villa Di Bella a Viagrande, dove il regista soggiornò e donò alla proprietaria i suoi disegni di scena per "Cavalleria Rustica". Apre Castello Ursino e si sale sul camminamento di San Nicolò l'Arena. A Acireale, tra chiese e palazzi sfarzosi

Le Vie dei Tesori a Ragusa e Scicli: secondo weekend tra cave, palazzi e chiese

Nel Duomo del capoluogo esposte le opere sopravvissute al sisma e si sale sul campanile di San Giovanni Battista. A Scicli, terza città più visitata del festival dopo Palermo e Catania, apre Palazzo Busacca e proseguono le visite al Municipio, set del Commissario Montalbano

Articoli correlati