Si torna a volare su Palermo con Le Vie dei Tesori

Nell’ultimo weekend dell’anno, nuova occasione per decollare dall’aeroporto di Boccadifalco a bordo di un piper. Un’esperienza che consentirà di ripetere l’impresa pionieristica compiuta da Clemente Ravetto nel 1910

di Redazione

Si riaccendono i motori dei piper all’aeroporto di Boccadifalco. Chi non ha provato l’ebbrezza del battesimo del volo o vuole nuovamente ammirare Palermo dall’alto, potrà farlo venerdì 28, sabato 29 e domenica 30 dicembre. Un ultimo weekend dell’anno speciale, in compagnia dell’Aeroclub di Boccadifalco, per quella che è stata una delle novità più amate della passata edizione del festival Le Vie dei Tesori.

Si decolla dal piccolo scalo palermitano, intitolato al comandante Beppe Albanese, che legò il suo nome al mitico Giro aereo internazionale di Sicilia. Previsto un volo ogni ora, dalle 10 alle 14, per un’emozione lunga mezz’ora, tra decollo, volo e atterraggio, con un massimo di tre passeggeri per ogni velivolo, condotto da piloti di grande abilità. Potrete scegliere giorno del volo e fascia oraria cliccando su questo link.

Un’esperienza che consentirà di ripetere quella del primo volo sulla città, l’impresa pionieristica compiuta da Clemente Ravetto. Così come quest’ultimo – pilota piemontese di origine formatosi in Francia e poi stabilitosi a Palermo – il primo maggio 1910 accendeva il motore del suo velivolo Voisin, prendeva velocità e si alzava verso il cielo, realizzando il primo volo del Sud Italia, analogamente i passeggeri avranno la possibilità di vivere la stessa emozione. Un itinerario che si estenderà fino a Mondello-Valdesi. Un modo di accostarsi ai valori della cultura aeronautica per apprezzare il territorio da un’altra prospettiva.

Al termine dell’esperienza sarà consegnato ai passeggeri il “battesimo del volo”, un piccolo souvenir dell’esperienza vissuta. I partecipanti potranno lasciare i propri commenti in un libro dei voli-tesori istituito per l’occasione.

Per garantire il massimo della sicurezza, il volo non si svolgerà in condizioni meteo sfavorevoli.

Nell’ultimo weekend dell’anno, nuova occasione per decollare dall’aeroporto di Boccadifalco a bordo di un piper. Un’esperienza che consentirà di ripetere l’impresa pionieristica compiuta da Clemente Ravetto nel 1910

di Redazione

Si riaccendono i motori dei piper all’aeroporto di Boccadifalco. Chi non ha provato l’ebbrezza del battesimo del volo o vuole nuovamente ammirare Palermo dall’alto, potrà farlo venerdì 28, sabato 29 e domenica 30 dicembre. Un ultimo weekend dell’anno speciale, in compagnia dell’Aeroclub di Boccadifalco, per quella che è stata una delle novità più amate della passata edizione del festival Le Vie dei Tesori.

Si decolla dal piccolo scalo palermitano, intitolato al comandante Beppe Albanese, che legò il suo nome al mitico Giro aereo internazionale di Sicilia. Previsto un volo ogni ora, dalle 10 alle 14, per un’emozione lunga mezz’ora, tra decollo, volo e atterraggio, con un massimo di tre passeggeri per ogni velivolo, condotto da piloti di grande abilità. Potrete scegliere giorno del volo e fascia oraria cliccando su questo link.

Un’esperienza che consentirà di ripetere quella del primo volo sulla città, l’impresa pionieristica compiuta da Clemente Ravetto. Così come quest’ultimo – pilota piemontese di origine formatosi in Francia e poi stabilitosi a Palermo – il primo maggio 1910 accendeva il motore del suo velivolo Voisin, prendeva velocità e si alzava verso il cielo, realizzando il primo volo del Sud Italia, analogamente i passeggeri avranno la possibilità di vivere la stessa emozione. Un itinerario che si estenderà fino a Mondello-Valdesi. Un modo di accostarsi ai valori della cultura aeronautica per apprezzare il territorio da un’altra prospettiva.

Al termine dell’esperienza sarà consegnato ai passeggeri il “battesimo del volo”, un piccolo souvenir dell’esperienza vissuta. I partecipanti potranno lasciare i propri commenti in un libro dei voli-tesori istituito per l’occasione.

Per garantire il massimo della sicurezza, il volo non si svolgerà in condizioni meteo sfavorevoli.

Condividi
Tags

In evidenza

Nell’aula bunker il racconto del Maxiprocesso con cronisti e magistrati

Il Maxiprocesso dalla voce di chi c’era: i cronisti di mafia e i magistrati raccontano quei mesi. Apre al pubblico durante il festival Le Vie dei Tesori l'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. Al primo weekend pieno di visitatori sono intervenuti: il giudice Giuseppe Ayala, il videomaker Giuseppe Di Lorenzo e l’allora cronista di giudiziaria Marcello Barbaro

Le Vie dei Tesori supera le 40mila visite nelle prime otto città

Trapani la più visitata, seguita a breve distanza da Messina. Grande exploit di Termini Imerese, tanto interesse per Enna e Bagheria. Caltanissetta supera Mazara e Marsala dove si è andati per cantine

Mazara del Vallo raccontata in un libro tra immagini e parole

Scorci, riti e tradizioni della città trapanese in un volume di Giovanni Franco e Nicola Cristaldi. Dai vicoli della Casbah al mercato del pesce, dalle spiagge ritrovate alle chiese

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Stefania Blandeburgo si fa in cinque per Le Vie dei Tesori

Sono cinque i personaggi che l'attrice Stefania Blandeburgo interpreta per la sedicesima edizione delle Vie dei Tesori a Palermo: ognuno rivive nei suoi abiti d’epoca, con una storia da raccontare

Nell’aula bunker il racconto del Maxiprocesso con cronisti e magistrati

Il Maxiprocesso dalla voce di chi c’era: i cronisti di mafia e i magistrati raccontano quei mesi. Apre al pubblico durante il festival Le Vie dei Tesori l'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. Al primo weekend pieno di visitatori sono intervenuti: il giudice Giuseppe Ayala, il videomaker Giuseppe Di Lorenzo e l’allora cronista di giudiziaria Marcello Barbaro

Articoli correlati