Segesta al Tourisma di Firenze, nuovi scavi in arrivo

Il Parco archeologico presenta al Salone dell’archeologia traccia un bilancio del lavoro svolto e presenta tutte le novità in arrivo

di Redazione

Archeologi da tutto il mondo in arrivo a Segesta. Il Parco archeologico ha annunciato nuove campagne di scavo, grazie alle convenzioni stipulate con l’Università di Tucson in Arizona, da cui giungeranno gli archeologi Emma Blake e Roberto Schon; l’università della Tuscia di Viterbo con il professore Salvatore De Vincenzo; la Freie Universität di Berlino con Monika Truemper, e il professore Randall W.Younker dell’Andrews University del Michigan.

Rossella Giglio

Lo ha reso noto il direttore del Parco Rossella Giglio, partecipando a Firenze al “TouismA – Salone dell’archeologia e del Turismo culturale” organizzato da Archeologia Viva a Palazzo dei Congressi. I nuovi rapporti di collaborazione si aggiungono a quelli già storicizzati, attivati con la Scuola Superiore Normale di Pisa che proseguirà le campagne sia a Segesta che a Entella; e all’Università di Palermo che proseguirà i lavori a Segesta, Mokarta e Monte Castellazzo (Poggioreale). Il tutto in vista dell’estate quando il teatro antico di Segesta sarà animato dalla nuova edizione del Festival che, da questa stagione, sarà firmato dal regista Claudio Collovà.

Scavi a Segesta

In primavera nasceranno anche nuovi servizi, con l’obiettivo di aumentare la visibilità e le prestazioni di un Parco che, nonostante le risorse contingentate, non ha conosciuto un solo momento di pausa. Tra le novità anche un nuovo team di giovani siciliani per l’accoglienza che lavorerà nella nuova biglietteria in costruzione nel piazzale d’ingresso. L’illustrazione dei luoghi sarà garantita, inoltre, attraverso nuovi pannelli divulgativi firmati da Simone Boni, che introdurranno ad una lettura immediata. CoopCulture, che da agosto cura i servizi al pubblico del Parco, curerà, inoltre, audioguide in più lingue, visite guidate tematiche, laboratori didattici per bambini e sarà possibile acquistare i biglietti online. Il progetto è quello di creare a breve una destinazione turistica, green e sostenibile, che possa attirare nuove fette di mercato e sviluppare un sistema di fruizione più inclusivo, con una particolare attenzione ai visitatori “fragili”.

Il teatro greco di Segesta

“Per il Parco archeologico di Segesta si prepara una nuova stagione – sottolinea l’assessore regionale ai Beni culturali, Alberto Samonà, che ha partecipato ai lavori con un video messaggio – . L’intensa attività preparatoria e le collaborazioni scientifiche daranno al Parco un volto nuovo e maggiori prospettive di valorizzazione”.

Mura medievali

“La presenza a Firenze e la possibilità di presentare il grande lavoro di ricerca e valorizzazione del Parco, – da detto la direttrice Rossella Giglio – rappresenta un’opportunità e un’importante vetrina per portare alla ribalta attività svolte da un ente pubblico come il Parco di Segesta che danno nuovo impulso al turismo culturale”.

(Nella prima foto grande in alto il Tempio di Segesta – foto Ludvig14, Wikipedia)

Condividi
Tags

In evidenza

Svelato il soffitto trecentesco del monastero di Santa Caterina

Nascosto al di sopra della volta della sacrestia, un prezioso tetto ligneo decorato simile a quello dello Steri. Si può ammirare attraverso una app realizzata dall’Università di Palermo. Esposto anche un raro affresco medievale scoperto durante il restauro

Il grande Ficus dell’Orto botanico di Palermo trionfa al concorso Albero dell’anno

Lo storico esemplare è attualmente al primo posto dell’edizione 2022 nella competizione organizzata dalla Giant Trees Foundation Onlus. Alto 25 metri per forma e dimensioni può essere considerato l’albero con la chioma più grande d’Europa

La Palermo degli anni Trenta rivive in una mostra

All’Albergo delle Povere un allestimento racconta la città di un secolo fa attraverso oggetti originali, filmati storici, pannelli esplicativi e ricostruzioni tridimensionali

Ultimi articoli

Svelato il soffitto trecentesco del monastero di Santa Caterina

Nascosto al di sopra della volta della sacrestia, un prezioso tetto ligneo decorato simile a quello dello Steri. Si può ammirare attraverso una app realizzata dall’Università di Palermo. Esposto anche un raro affresco medievale scoperto durante il restauro

A lezione di felicità col maestro buddista Tsenshab Serkong Rinpoce

Il giovane lama sarà a Palermo per una tre giorni organizzata dal Centro Muni Gyana, preceduta da una conferenza aperta che si svolgerà ai Cantieri Culturali alla Zisa

La Palermo degli anni Trenta rivive in una mostra

All’Albergo delle Povere un allestimento racconta la città di un secolo fa attraverso oggetti originali, filmati storici, pannelli esplicativi e ricostruzioni tridimensionali

Articoli correlati