A sud della Sicilia con i treni del gusto

Domenica 9 settembre la prima partenza dalle stazioni di Licata e Caltanissetta centrale, tra laboratori del gusto di Slow Food ed escursioni guidate

di Redazione

Dai pani votivi ai dolci conventuali, fino al cibo povero delle zolfare, tra borgate marinare, aree archeologiche e antiche stazioni ferroviarie: è l’itinerario dei Treni del gusto che da domenica 9 settembre partiranno dalle stazioni di Licata e Caltanissetta Centrale. L’iniziativa, realizzata dalla fondazione Ferrovie dello Stato insieme a Slow Food Sicilia, su programma dell’assessorato regionale al Turismo e con i finanziamenti del Programma Operativo FESR Sicilia 2014/2020, si ripeterà le due domeniche finali di settembre, poi il 14 e 28 ottobre e il 4 novembre.

Quello di domenica 9 settembre, in partenza da Licata, sarà il treno delle dolcezze del convento e dei pani sacri e arriverà fino a Tempio di Vulcano, dove si potrà scegliere tra un’escursione al Giardino della Kolymbetra o nell’area archeologica, o continuare in treno fino alla stazione di Porto Empedocle da dove sarà possibile raggiungere i vicini lidi o visitare il centro storico della “Vigata del Commissario Montalbano”. A bordo del treno storico Slow Food organizzerà nella corsa di andata un laboratorio con degustazioni di pani votivi e dolcetti di mandorla, itinerario che sarà possibile ripetere le domeniche del 30 settembre e del 28 ottobre.

Il 23 settembre, invece, partirà dalla stazione di Caltanissetta Centrale il treno delle pizze, focacce e ciambelle che arriverà a Comitini Zolfare, dove i passeggeri potranno optare tra escursioni guidate nel grande parco minerario delle zolfare e visite al museo di Palazzo Bellacera. Anche qui ci saranno i laboratori del gusto curati dalla condotta Slow Food di Caltanissetta, poi il treno fermerà ad Aragona Caldare e Agrigento Bassa, dove si potrà scegliere se fare un’escursione alle rovine dell’antica Akragas o raggiungere la borgata marinara di Porto Empedocle e visitare l’ottocentesca stazione ferroviaria, dove è in programma un altro laboratorio del gusto. Stesso programma ci sarà durante le domeniche del 14 ottobre e del 4 novembre.

Per maggiori informazioni su biglietti, programma e tappe dei treni storici è possibile inviare una mail a info@fondazionefs.it o visitare la pagina Facebook della Fondazione FS Italiane.

Domenica 9 settembre la prima partenza dalle stazioni di Licata e Caltanissetta centrale, tra laboratori del gusto di Slow Food ed escursioni guidate

di Redazione

Dai pani votivi ai dolci conventuali, fino al cibo povero delle zolfare, tra borgate marinare, aree archeologiche e antiche stazioni ferroviarie: è l’itinerario dei Treni del gusto che da domenica 9 settembre partiranno dalle stazioni di Licata e Caltanissetta Centrale. L’iniziativa, realizzata dalla fondazione Ferrovie dello Stato insieme a Slow Food Sicilia, su programma dell’assessorato regionale al Turismo e con i finanziamenti del Programma Operativo FESR Sicilia 2014/2020, si ripeterà le due domeniche finali di settembre, poi il 14 e 28 ottobre e il 4 novembre.

Quello di domenica 9 settembre, in partenza da Licata, sarà il treno delle dolcezze del convento e dei pani sacri e arriverà fino a Tempio di Vulcano, dove si potrà scegliere tra un’escursione al Giardino della Kolymbetra o nell’area archeologica, o continuare in treno fino alla stazione di Porto Empedocle da dove sarà possibile raggiungere i vicini lidi o visitare il centro storico della “Vigata del Commissario Montalbano”. A bordo del treno storico Slow Food organizzerà nella corsa di andata un laboratorio con degustazioni di pani votivi e dolcetti di mandorla, itinerario che sarà possibile ripetere le domeniche del 30 settembre e del 28 ottobre.

Il 23 settembre, invece, partirà dalla stazione di Caltanissetta Centrale il treno delle pizze, focacce e ciambelle che arriverà a Comitini Zolfare, dove i passeggeri potranno optare tra escursioni guidate nel grande parco minerario delle zolfare e visite al museo di Palazzo Bellacera. Anche qui ci saranno i laboratori del gusto curati dalla condotta Slow Food di Caltanissetta, poi il treno fermerà ad Aragona Caldare e Agrigento Bassa, dove si potrà scegliere se fare un’escursione alle rovine dell’antica Akragas o raggiungere la borgata marinara di Porto Empedocle e visitare l’ottocentesca stazione ferroviaria, dove è in programma un altro laboratorio del gusto. Stesso programma ci sarà durante le domeniche del 14 ottobre e del 4 novembre.

Hai letto questi articoli?
Articolo PrecedenteProssimo Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le vie dei Tesori News

Send this to a friend