Sciacca dal Medioevo al cinema, le passeggiate del secondo weekend di FerdinanDea

Ci sarà un tour tra i luoghi delle nobildonne Giuditta d’Altavilla e Eleonora d’Aragona, un altro tra i set dei film di Pietro Germi, fino alla necropoli di contrada Tranchina, con un itinerario per grandi e piccoli

di Redazione

C’è la Sciacca medievale, con tanto di figuranti in costume, e quella cinematografica, che ha ispirato registi come Pietro Germi, fino ai tesori archeologici fuori porta raccontati anche ai più piccoli. Sono tre passeggiate speciali quelle in programma sabato 2 e domenica 3 aprile, per il secondo weekend del Festival Ferdinandea, organizzato dalle Vie dei Tesori, in collaborazione col Comune.

Uno scorcio di Sciacca dalla Torre di San Michele

Si comincia sabato con un itinerario guidato da Michele Termine, che parte dal centro storico della città (appuntamento alle 10 in piazza Saverio Friscia) e si srotola attraverso vie e vicoli per scoprire angoli dell’antica e autentica città medievale (qui per prenotare). Un tour che tocca monumenti e testimonianze architettoniche segnate dall’impronta della contessa normanna Giuditta d’Altavilla, e della famosa contessa Eleonora d’Aragona, moglie di Guglielmo Peralta, signore di Sciacca. Sembrerà di calarsi in una corte medievale, visto che la passeggiata sarà animata dai figuranti in costume d’epoca della Asd La Danza di Sciacca.

Una scena dal film “In nome della legge”

Domenica 3 aprile alle 10 un tour tra i luoghi trasformati in set cinematografici nella passeggiata “Sciak, si gira”, in compagnia della giornalista saccense Santina Matalone e di Vincenzo Raso dell’associazione Pietro Germi (qui per prenotare). Da sempre la città agrigentina ha ispirato i registi, a partire proprio da Germi che ha trasformato per ben due volte Sciacca in un set cinematografico, prima per “In nome della Legge” (1949) e poi per “Sedotta e Abbandonata” (1964). Si ripercorreranno i vari luoghi trasformati in set per questi due film divenuti uno spaccato della Sicilia del passato, con i suoi monumenti ed edifici storici come la chiesa di San Nicolò La Latina e Palazzo Quartararo. Durante il percorso varie degustazioni di dolci come le “ova murina”, un tempo realizzati dalle monache che abitavano nel monastero della Badia Grande.

Necropoli Tranchina

Sempre domenica alle 10,30, in compagnia dell’archeologa Viviana Caparelli, si torna alla necropoli di contrada Tranchina, dove si farà una passeggiata per grandi e piccoli (qui per prenotare). I bambini avranno la possibilità di diventare per qualche ora dei piccoli archeologi, acquisendo con semplicità e chiarezza, nozioni importanti. Scopriranno la necropoli che risale all’età del Rame, periodo di grandi trasformazioni tra la metà del IV e gli ultimi secoli del III millennio avanti Cristo. La scoperta della necropoli avvenne casualmente nel 1957 quando un aratro fece emergere l’entrata di una tomba. I corredi funerari sono costituiti da quattro o cinque vasi, ciotole, bicchieri, tazze che gli studiosi legano alla cultura San Cono – Piano Notaro.

Per prenotazioni, informazioni e per scoprire il programma completo del Festival Ferdinandea cliccare qui o chiamare lo 0917745575 tutti i giorni dalle 10 alle 18.

Condividi
Tags

In evidenza

A lezione di felicità col maestro buddista Tsenshab Serkong Rinpoce

Il giovane lama sarà a Palermo per una tre giorni organizzata dal Centro Muni Gyana, preceduta da una conferenza aperta che si svolgerà ai Cantieri Culturali alla Zisa

Il Duomo di Cefalù si prepara a rinascere, al via i lavori di restauro

Gli interventi finanziati con due milioni di euro dalla Regione Siciliana interesseranno le coperture, gli esterni e gli apparati decorativi del monumento normanno, che è parte del patrimonio Unesco. Le imprese avranno 365 giorni per ultimare le opere

Un’opera del “Raffaello” di Messina all’asta in Francia, la Regione prova a riportarla a casa

La Madonna col Bambino e San Giovannino del maestro rinascimentale Girolamo Alibrandi sarà venduta da una casa parigina. Dopo l’appello di studiosi e cittadini il governo regionale vorrebbe acquisire il quadro

Ultimi articoli

A Lentini è scontro per la gestione di Palazzo Beneventano

Monta la polemica tra il Comune e i privati per l’affidamento dell’ex residenza nobiliare diventata polo culturale. L’amministrazione ha invitato la cooperativa Badia Lost & Found a riconsegnare i locali del bene revocando la concessione

Il Duomo di Cefalù si prepara a rinascere, al via i lavori di restauro

Gli interventi finanziati con due milioni di euro dalla Regione Siciliana interesseranno le coperture, gli esterni e gli apparati decorativi del monumento normanno, che è parte del patrimonio Unesco. Le imprese avranno 365 giorni per ultimare le opere

Svelato il soffitto trecentesco del monastero di Santa Caterina

Nascosto al di sopra della volta della sacrestia, un prezioso tetto ligneo decorato simile a quello dello Steri. Si può ammirare attraverso una app realizzata dall’Università di Palermo. Esposto anche un raro affresco medievale scoperto durante il restauro

Articoli correlati