Quel santo in fuga da Kiev, un restauro che s’intreccia col presente

La tela proveniente dalla chiesa di San Domenico, a Enna, rievoca il miracolo della statua della Madonna che parlò a San Giacinto nella città ucraina assediata dai tartari nel 1240

di Antonio Messina

Nell’inverno del 1240 i tartari assediarono e conquistarono Kiev, provocando morte e distruzione. Una leggenda narra che il sacerdote domenicano Giacinto Odrovaz si apprestò a fuggire dalla città insieme ai suoi compagni, ma prima si recò al tabernacolo per portare con sé la pisside del Santissimo Sacramento, per sottrarla agli invasori. In quello stesso istante, una statua in alabastro raffigurante la Madonna con il Bambino parlò a Giacinto, pregandolo di salvarla dalla dissacrazione e, facendosi improvvisamente leggera, fu portata fuori dalle mura della città, sino a Cracovia.

La tela in fase di restauro

Sono passati quasi otto secoli dal prodigioso accadimento e i drammatici fatti della storia contemporanea sembrano intrecciarsi con il passato, riemergendo in un’antica pala d’altare della città di Enna, proprio in questi mesi oggetto di restauro. L’opera ennese, infatti, rappresenterebbe proprio San Giacinto in fuga da Kiev. L’olio su tela, pregiatissima opera pittorica di autore ignoto, fa parte dei beni mobili della chiesa di San Domenico, sede della parrocchia di San Giovanni Battista e patrimonio del Fondo Edifici di Culto del Ministero dell’Interno. I lavori di restauro, infatti, hanno ricevuto il nulla osta della Prefettura di Enna, guidata da Matilde Pirrera, sono supportati dal parroco don Giacomo Zangara e finanziati dal Rotary Club di Enna. Il restauro del dipinto di San Giacinto è stato affidato alla restauratrice Sonia Sutera, iscritta all’albo dei professionisti dei Beni Culturali, ed è coordinato passo dopo passo da Paolo Russo, storico dell’arte della Soprintendenza per i Beni Culturali di Enna.

Particolare della statua della Madonna tratta in salvo da Kiev

La tela raffigura il santo polacco in abito domenicano, nell’atto di reggere la pisside e la statua miracolosa della Madonna. Ai suoi piedi un putto alato regge un drappo con un’iscrizione latina e la datazione dell’opera al 1723, mentre sullo sfondo si staglia un tipico paesaggio dell’Europa dell’Est. I risultati dei primi interventi hanno confermano che l’opera è stata realizzata da un pittore esperto, del quale purtroppo non si conosce il nome per la lacunosità dell’estremità sinistra della tela. La preparazione di base, infatti, conferisce ai pigmenti utilizzati una particolare brillantezza, con effetti chiaroscurali tipici del Settecento.

Particolare del centro fortificato dietro l’immagine di San Giacinto

La maestria del pittore è evidente anche nella resa dei panneggi e nello sguardo di San Giacinto, rivolto alla statua della Madonna con senso di fermezza e di fede. Il senso prospettico del dipinto richiama l’eleganza dei paesaggi, probabilmente quelli dell’attuale Ucraina, caratterizzati da laghi e montagne dai colori velati ben intrecciati tra quelli caldi e quelli freddi.

La pala raffigurante San Giacinto

Il restauro è ancora in corso e consentirà di beneficiare di un prezioso bene storico-artistico dell’entroterra, capace di valorizzare il patrimonio locale attraverso la riscoperta di antichi culti che legano la Sicilia anche al cuore dell’Europa. La tela del santo polacco dispensatore di miracoli, infatti, verrà ricollocata all’interno della chiesa di San Domenico, in uno degli altari che si affacciano sulle navate laterali dell’edificio di culto.

Condividi
Tags

In evidenza

Tornano i laboratori gratuiti di Mimmo Cuticchio, seconda tappa allo Stand Florio

In questo nuovo appuntamento si apprendono i primi rudimenti dell'arte dei Pupi, incrociando il pensiero dello scrittore Gianni Rodari

SPAZIO AZIENDE | Un’Alleanza per i tesori

di Redazione Alleanza Assicurazioni ha stretto una partnership con Le Vie dei Tesori e ha aperto uno sportello di accoglienza nell’hub del festival di piazza...

Nell’aula bunker il racconto del Maxiprocesso con cronisti e magistrati

Il Maxiprocesso dalla voce di chi c’era: i cronisti di mafia e i magistrati raccontano quei mesi. Apre al pubblico durante il festival Le Vie dei Tesori l'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. Al primo weekend pieno di visitatori sono intervenuti: il giudice Giuseppe Ayala, il videomaker Giuseppe Di Lorenzo e l’allora cronista di giudiziaria Marcello Barbaro

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori a Alcamo tra castelli e torri, tutto pronto per il secondo weekend

Preso d'assalto nel primo fine settimana, si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Dalla villa con i bozzetti di Zeffirelli alle terrazze sull’Etna, Catania e Acireale al secondo weekend

Si visita Villa Di Bella a Viagrande, dove il regista soggiornò e donò alla proprietaria i suoi disegni di scena per "Cavalleria Rustica". Apre Castello Ursino e si sale sul camminamento di San Nicolò l'Arena. A Acireale, tra chiese e palazzi sfarzosi

Le Vie dei Tesori a Ragusa e Scicli: secondo weekend tra cave, palazzi e chiese

Nel Duomo del capoluogo esposte le opere sopravvissute al sisma e si sale sul campanile di San Giovanni Battista. A Scicli, terza città più visitata del festival dopo Palermo e Catania, apre Palazzo Busacca e proseguono le visite al Municipio, set del Commissario Montalbano

Articoli correlati