Sambuca celebra il profeta del Verismo, torna il Premio Navarro

Partecipano alla 13esima edizione della manifestazione studenti, dirigenti, docenti e protagonisti culturali del territorio. Premiati autori provenienti da diverse regioni italiane

di Ruggero Altavilla

Una giornata che coniuga letteratura, poesia e i valori antichi di un territorio prezioso. A Sambuca di Sicilia si celebra il 13esimo Premio Internazionale Navarro, ideato e coordinato da Enzo Randazzo, scrittore e presidente del Lions Club Sambuca Belice, in concomitanza con il sesto Convegno di Studi Navarriani, con la partecipazione di studenti, dirigenti, docenti e protagonisti culturali del territorio.

Un momento della giornata di studi

È tornata, dunque, sabato 2 luglio, la manifestazione culturale dedicata a Emanuele Navarro della Miraglia, scrittore considerato precursore del Verismo nato a Sambuca, rivalutato da Leonardo Sciascia, che fece ripubblicare “La nana”, il romanzo più conosciuto dell’autore sambucese. “Sulla scia del tema di quest’anno dedicato agli alter ego navarriani, ci sono stati diversi interventi nel corso della giornata che hanno sviluppato diverse ipotesi su quali dei personaggi delle novelle di Navarro siano considerabili alter ego dell’autore – spiega Gisella Mondino, curatore scientifico della manifestazione, che si è svolta nella Biblioteca Navarriana di Sambuca – . ci si è soffermato anche sulla consuetudine che aveva lo scrittore di ricorrere a pseudonimi usati da giornalista per firmare i suoi articoli su quotidiani e riviste francesi”.

Il convegno di studi navarriani

Sempre in tema di “alter ego” si è discusso del romanzo “Caleidoscopio” di Enzo Randazzo, che è tra i maggiori conoscitori dell’opera di Navarro. Un libro che ha come protagonista proprio lo scrittore sambucese, descritto attraverso atmosfere e suggestioni degli ambienti parigini e milanesi a lui cari. “Quest’anno – prosegue Gisella Mondino – è stato molto importante anche il coinvolgimento e la presenza delle scuole, che hanno avuto un ruolo di primo piano all’interno del premio. Gli studenti sambucesi sono stati i narratori dei luoghi di Navarro, a partire dalla Biblioteca Navarriana”.

Alcuni dei premiati

Nel pomeriggio la cerimonia di premiazione con una lettura coordinata da Enzo Randazzo, tratto dagli scritti di Vincenzo Navarro, Emanuele Navarro Della Miraglia e di alcuni testi premiati, con le voci narranti di Paolo Buscemi, Lilly Mulè, e con le suggestioni musicali dei ragazzi dell’Istituto comprensivo di Sambuca. “Abbiamo avuto anche un contributo importante di una studiosa premiata proveniente da Formia, – ha sottolineato Mondino – che ha colto l’occasione per confrontare l’opera di Navarro con quella di Carlo Del Balzo, poliedrico protagonista del naturalismo italiano. Un segnale importante di come questa manifestazione si arricchisca sempre più di testimonianze provenienti da tutta Italia”.

Condividi
Tags

In evidenza

Dal Castello della baronessa alle chiese preziose, Carini fa il bis con Le Vie dei Tesori

Il festival torna per il secondo anno consecutivo nella cittadina del Palermitano per tre weekend dall'1 al 16 ottobre. In programma sette luoghi e un'esperienza da non perdere: si ascolterà un organo “bandistico” scoprendone il meccanismo

Dulciora, Agata e le altre: in scena nobildonne e cortigiane con Le Vie dei Tesori

A Palermo tornano le visite teatralizzate del festival. L’attrice Stefania Blandeburgo protagonista nella cripta delle Repentite, nelle carceri dell’Inquisizione dello Steri e a Villa Pottino. Francesca Picciurro tra i saloni di Palazzo Alliata di Villafranca

Tornano i laboratori gratuiti di Mimmo Cuticchio, seconda tappa allo Stand Florio

In questo nuovo appuntamento si apprendono i primi rudimenti dell'arte dei Pupi, incrociando il pensiero dello scrittore Gianni Rodari

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori svelano Palermo, tutto il meglio del secondo weekend

Aprono la Banca d’Italia, le sorgenti del Gabriele e i serbatoi di San Ciro, la Specola astronomica, il Convitto Nazionale e la caserma Ruggero Settimo. Rivivono Margheritina nel rifugio Bombace e Margherita Biondo in una tela

Tornano i laboratori gratuiti di Mimmo Cuticchio, seconda tappa allo Stand Florio

In questo nuovo appuntamento si apprendono i primi rudimenti dell'arte dei Pupi, incrociando il pensiero dello scrittore Gianni Rodari

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Articoli correlati