Rinascono i luoghi di Eleonora d’Aragona: murale d’autore a Contessa Entellina

Un’opera di Igor Scalisi Palminteri rende omaggio alla nobildonna sepolta nel monastero di Santa Maria del Bosco. Il Comune ha anche stretto una sinergia con Le Vie dei Tesori

di Redazione

Un viso dolcissimo, enigmatico, quello della nobile signora di borghi e castelli che attraversò leggera la seconda metà del Trecento: alla contessa Eleonora d’Aragona, nipote del re di Sicilia Federico III, moglie di Carlo Peralta, signore di Sciacca, Francesco Laurana dedicò il busto oggi conservato a Palazzo Abatellis a Palermo, simile a un altro custodito al Louvre di cui esiste un prezioso calco ottocentesco al Museo archeologico Salinas, sempre a Palermo.

L’ingresso di Palazzo Abatellis

Ma la nobildonna visse, governò e morì nel lembo di Sicilia tra Giuliana e Caltabellotta, e fu sepolta per suo volere nell’amato monastero di Santa Maria del Bosco di Calatamauro, a pochi chilometri da Contessa Entellina. E proprio Contessa, il borgo arbëreshe, adesso ha deciso di renderle omaggio, commissionando a Igor Scalisi Palminteri un grande murale che prende spunto dal busto del Laurana, ed è parte di un progetto del Comune, “Mecenati di noi stessi”, che proseguirà con altre realizzazioni artistiche riconducibili a periodi storici diversi come quello dell’insediamento albanese.

L’abbazia di Santa Maria del Bosco

Contessa Entellina ha anche stretto una sinergia con Le Vie dei Tesori, il festival che da quindici anni mette in rete, apre al pubblico e racconta il patrimonio dell’Isola e oltre. Proprio nelle scorse settimane è stato lanciato un network di 42 borghi siciliani (ve ne abbiamo parlato qui) che – sotto l’egida della Fondazione – hanno deciso di fare sistema per portare avanti politiche di rigenerazione, valorizzazione, lotta allo spopolamento, ma soprattutto crescita comune dei territori: un primo network cui si sono aggiunti altri 15 borghi tra cui quello di Contessa Entellina.

Igor Scalisi Palminteri è già al lavoro su un muro alto otto metri, nel borgo arbëreshe. Il lavoro sarà presentato sabato 20 marzo alle 11,30, nel corso di una conferenza stampa in diretta sui canali social del Comune di Contessa Entellina e de Le Vie dei Tesori. Con l’artista, parteciperanno il sindaco di Contessa Entellina, Leonardo Spera, gli assessori alla Cultura Carolina Lala, e alla comunicazione e marketing territoriale Ciro Benanti; Laura Anello, presidente della Fondazione Le Vie dei Tesori e Pierfilippo Spoto, esperto del Comune per il Turismo esperienziale. Evelina De Castro, direttore della Galleria regionale di Palazzo Abatellis, invierà un contributo video dalla sala dove è custodito il busto di Eleonora d’Aragona, a tracciare un filo ideale tra l’opera e i luoghi della contessa.

Condividi
Tags

In evidenza

Monete, sigilli e medaglie del Salinas rivivranno in digitale

Presentato il progetto di digitalizzazione della collezione numismatica custodita nel museo archeologico di Palermo. Un patrimonio che, oltre al nucleo greco, comprende pezzi islamici, bizantini e normanni

Un’opera del “Raffaello” di Messina all’asta in Francia, la Regione prova a riportarla a casa

La Madonna col Bambino e San Giovannino del maestro rinascimentale Girolamo Alibrandi sarà venduta da una casa parigina. Dopo l’appello di studiosi e cittadini il governo regionale vorrebbe acquisire il quadro

Nascerà un itinerario geologico lungo la scogliera di Cefalù

Un percorso tematico per la valorizzazione dei fossili sarà realizzato grazie alla collaborazione tra il Comune e il Parco delle Madonie, con la partecipazione dell'Università di Palermo. Saranno installate targhe e codici Qr per informazioni sul sito in tempo reale

Ultimi articoli

A Lentini è scontro per la gestione di Palazzo Beneventano

Monta la polemica tra il Comune e i privati per l’affidamento dell’ex residenza nobiliare diventata polo culturale. L’amministrazione ha invitato la cooperativa Badia Lost & Found a riconsegnare i locali del bene revocando la concessione

Il Duomo di Cefalù si prepara a rinascere, al via i lavori di restauro

Gli interventi finanziati con due milioni di euro dalla Regione Siciliana interesseranno le coperture, gli esterni e gli apparati decorativi del monumento normanno, che è parte del patrimonio Unesco. Le imprese avranno 365 giorni per ultimare le opere

Svelato il soffitto trecentesco del monastero di Santa Caterina

Nascosto al di sopra della volta della sacrestia, un prezioso tetto ligneo decorato simile a quello dello Steri. Si può ammirare attraverso una app realizzata dall’Università di Palermo. Esposto anche un raro affresco medievale scoperto durante il restauro

Articoli correlati