Riapre l’Orto Botanico di Palermo, dove la natura dà spettacolo

Fiori orientali, piante medicinali, il viale degli agrumi, le serre tropicali: torna fruibile in sicurezza uno dei polmoni verdi della città rigenerato dopo quattro mesi di chiusura

di Redazione

C’è la Tetradenia Riparia che riempie il Giardino dei Semplici di una cascata di piccoli fiori rosa confetto, protagonisti tra le altre piante medicinali e le verdure spontanee. E c’è la Bauhinia, l’albero-orchidea, coloratissima e in piena fioritura, con le sue infiorescenze a grappolo, bellissime: i fiori sbocciano al mattino per poi perdere tutti i petali verso mezzogiorno e il giorno seguente riparte una nuova fioritura.

Bahuinia

Insomma, passeggiare nei viali, respirare, riempirsi gli occhi di colori, di una primavera anticipata: lo si può di nuovo fare all’Orto Botanico di Palermo, che da questa mattina ha riaperto le porte, per il momento solo dalle 9 alle 14, dal lunedì al venerdì, in attesa di aprire nei fine settimana come ogni altro luogo della cultura. Già dopo il primo lockdown il polmone verde di Palermo aveva accolto una natura rigogliosa che in oltre due mesi era ritornata prorompente e straordinaria.

Agrumi dell’Orto Botanico

Adesso questo nuovo stop di quasi quattro mesi ha permesso una vera e propria esplosione green: specie rare rigogliose, angoli da riscoprire in completa sicurezza, all’ombra dell’enorme Ficus o lungo le vasche popolate da piante acquatiche. E non solo loro: basta percorrere il viale degli agrumi per perdersi tra la zagara, visto che “pompelmi, aranci e pomeli somigliano a tanti alberi di Natale spontanei”, sorride il direttore dell’Orto Botanico, Rosario Schicchi che invita anche a raggiungere la serra delle orchidee: è piccola e quindi non è possibile l’accesso in questo periodo, ma basta avvicinarsi ai vetri per scoprire le fioriture rare.

Pyrostegia

Ma frequentare l’Orto Botanico dell’Università di Palermo vuol dire entrare in un luogo innanzitutto “sicuro” con i suoi dieci ettari di verde, dove ognuno potrà muoversi come se ci si trovasse in un “giardino” personale ampio e libero – ma dove verrà sempre garantito il distanziamento di 2 metri tra i visitatori -, dove seguire percorsi di visita programmati, facilitati anche dalla app scaricabile sul proprio smartphone. Per garantire una maggiore sicurezza, viene caldamente consigliato l’acquisto online dei biglietti, che assicura uno slot di tempo preciso, senza attese all’ingresso. Si entra solo con mascherina e controllo della temperatura.

Articolo PrecedenteProssimo Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le Vie dei Tesori News

Send this to a friend