Riapre dopo quattro anni il museo archeologico di Kamarina

Il progetto complessivo prevede anche la riqualificazione dell’area, la creazione di nuovi percorsi, con illuminazione e sistemazione a verde, cartellonistica e videosorveglianza

di Redazione

Una riapertura attesa da quattro anni, che rivitalizza uno dei siti archeologici più importanti della Sicilia. Tutto pronto per la cerimonia di inaugurazione del museo regionale di Kamarina. Parte importante del Parco archeologico regionale di Kamarina e Cava d’Ispica, il museo riapre lunedì 1 agosto alle 19, alla presenza dell’assessore regionale ai Beni culturali, Alberto Samonà. Sarà nuovamente fruibile grazie a un’importante opera di riqualificazione e allestimento all’interno di un progetto di complessiva revisione, finanziato – fanno sapere dalla Regione – con risorse del Pon Cultura 2014-2020. I lavori, realizzati dalla Ati Consorzio Artigiani Romagnolo, per un importo di oltre un milione e 800mila euro, sono stati appaltati dalla Soprintendenza dei Beni culturali di Ragusa e la direzione dei lavori affidata all’architetto Domenico Buzzone, direttore del parco archeologico.

L’area archeologica di Kamarina

Il progetto complessivo prevede la riqualificazione dell’area archeologica di Kamarina, con la creazione di nuovi percorsi che vanno dal museo fino all’area dell’agorà, la copertura della stoa nord ed ovest, l’illuminazione dei percorsi, il sistema di videosorveglianza, la sistemazione a verde dell’aria adiacente al museo, l’apposizione di nuova cartellonistica esterna e la realizzazione del nuovo museo che è stato allestito con la sistemazione anche degli spazi esterni.

Museo di Kamarina

“La riapertura del museo, che era stato chiuso nell’ottobre del 2018, è parte di un’azione complessiva di riqualificazione dell’intero parco archeologico – sottolinea l’assessore regionale ai Beni culturali, Alberto Samonà – che trova nello spazio museale un elemento di grande pregio e valore per le opere contenute che raccontano la storia del territorio. Riaprire il museo è una priorità che abbiamo fortemente voluto e rappresenta bene la nostra politica tesa a rafforzare l’offerta turistico-culturale del sud est e del Ragusano in particolare”.

Cratere a calice a figure rosse

Il sito archeologico di Kamarina costituisce un prezioso patrimonio di archeologia terrestre e sottomarina. Kamarina, il cui nome secondo Strabone significa “Abitata dopo molta fatica”, fu un’importante colonia di Siracusa, costruita alla foce del fiume Ippari in Provincia di Ragusa. Di essa oggi non rimangono che rovine e importanti reperti archeologici, principalmente sul colle Cammarana nel territorio del Comune di Ragusa. Situata su una collina, l’acropoli mostra, oggi, i resti del Tempio di Athena; all’estremità sud-occidentale della collina, fra il tempio di Atena Poliade ed il porto, si estende l’agorà, i cui scavi non sono stati ancora portati a termine. I resti meglio conservati della cinta muraria sono, invece, collocati al di sotto della collina di Eracle.

Nella prima foto in alto, il nuovo allestimento del museo (foto Alberto Samonà, da Facebook)

Condividi
Tags

In evidenza

Il gioco del Maiorchino diventa patrimonio immateriale dell’Unesco

La tradizionale gara praticata nel periodo del Carnevale a Novara di Sicilia, consiste nel far rotolare una forma di pecorino tra i vicoli del paese. Una festa per la comunità adesso iscritta nel registro delle buone pratica di salvaguardia

Presentato il Sicilia Jazz Festival 2023: anteprima invernale con Servillo, Ayane e Hadley

La kermesse tornerà a Palermo dal 23 giugno al 2 luglio con stelle del calibro di Gregory Porter e Marcus Miller, produzioni inedite e prime internazionali, artisti di fama mondiale e giovani musicisti dei conservatori

Ho scelto il Sud, parla lo chef Pino Cuttaia: “La cucina è il mio ritorno alle origini”

Il cuoco licatese è protagonista del primo video del progetto presentato la scorsa primavera dalla Fondazione Le Vie dei Tesori. Storie di chi è tornato nel Mezzogiorno o di chi ha deciso di restare scommettendo su progetti innovativi

Ultimi articoli

A Mazara cercasi sponsor per restaurare i mosaici romani di San Nicolò Regale

L’amministrazione comunale è alla ricerca di finanziatori per il recupero delle preziose decorazioni musive custodite nella piccola chiesetta normanna. C’è tempo fino al 9 gennaio per rispondere all’appello

Sapori e tradizioni di Kuntisa arrivano nel cuore di Palermo

Mostra mercato con artigiani, aziende e prodotti di Contessa Entellina per tre giorni, dal 9 all'11 dicembre, in piazza Castelnuovo, nel centro del capoluogo. Un'immersione nel territorio del borgo arbëreshe, dove oltre ai vini e all’olio profumato, nascono legumi selezionati, grani antichi, miele, formaggi

A Giuliana torna lo sfincione dolce, eccellenza dimenticata da trent’anni

Nel borgo del Palermitano fine settimana all’insegna di una tradizione gastronomica da riscoprire. Previste visite al Castello di Federico II, spettacoli e degustazioni gratuite

Articoli correlati