Quelle fiabe che conquistano gli adulti

Partito da una ricerca sul racconto, Alberto Nicolino oggi organizza laboratori di narrazione per un pubblico trasversale. E alla Zisa ci sarà un incontro per fare un regalo di natale speciale

di Alessia Franco

Dici fiaba e pensi a mondi incantati, abitati da streghe con pozioni magiche, da fate e da bambini che si perdono nel bosco per poi ritrovarsi – cambiati e spesso anche più ricchi di quando si erano smarriti – sulla strada di casa. Pensi, soprattutto, ai bambini, naturali destinatari della fiaba. O no?
In realtà, la storia non è proprio così: basti pensare ai conte de fée che spopolavano nelle corti francesi (e che quindi erano pensate, scritte e narrate per un pubblico di adulti), ma anche alla funzione del racconto come momento di coesione delle comunità rurali.

Proprio da questo assunto è partito Alberto Nicolino, attore e narratore milanese a cui, più di dieci anni fa, venne in mente di tornare in Sicilia, a Camporeale, la terra dei suoi genitori, per raccogliere le fiabe del luogo dagli anziani. Ne restò totalmente affascinato, e da questa prima iniziativa scaturì un progetto triennale in cui tutta la comunità era coinvolta, giovani compresi.
“Mi sono trasferito in Sicilia perché questo tipo di narrazione mi aveva preso completamente – dice Nicolino – da tempo gravitavo in questo mondo. Ho collaborato molto con la radio svizzera, per cui ho realizzato delle trasmissioni sul racconto rivolte a tutta la famiglia. Poi sono arrivato in Sicilia e pensavo di starci un paio d’anni: ne sono passati quattordici e come vedete sono ancora qua”.

E da ormai sei anni Nicolino organizza con successo laboratori di narrazione di fiabe rivolte ad adulti: in genere genitori, ma anche insegnanti, psicologi, formatori. Un pubblico attento che vuole avvicinarsi al mondo dell’infanzia e imparare le tecniche della narrazione. E che, soprattutto, sa bene che l’equazione fiaba uguale infanzia è davvero troppo semplicistica.

“In questo laboratorio che organizzerò dal 14 al 16 dicembre ai cantieri culturali alla Zisa ho pensato anche a una variante, che può trasformarsi in un regalo di Natale speciale. Chi vorrà – dice il narratore – potrà presentarmi un racconto su cui lavorare che “confezioneremo” insieme, in modo da trasformarlo in un dono da destinare a una o più persone”.

Un dono di Natale decisamente fuori dal comune, che però ha moltissimi pregi: l’originalità innanzi tutto. E poi l’importanza di regalare del tempo da passare insieme e di donare qualcosa che non sia soggetto all’usura. Anzi: la storia, più si racconta e più diventa bella.

Partito da una ricerca sul racconto, Alberto Nicolino oggi organizza laboratori di narrazione per un pubblico trasversale. E alla Zisa ci sarà un incontro per fare un regalo di natale speciale

di Alessia Franco

Dici fiaba e pensi a mondi incantati, abitati da streghe con pozioni magiche, da fate e da bambini che si perdono nel bosco per poi ritrovarsi – cambiati e spesso anche più ricchi di quando si erano smarriti – sulla strada di casa. Pensi, soprattutto, ai bambini, naturali destinatari della fiaba. O no?
In realtà, la storia non è proprio così: basti pensare ai conte de fée che spopolavano nelle corti francesi (e che quindi erano pensate, scritte e narrate per un pubblico di adulti), ma anche alla funzione del racconto come momento di coesione delle comunità rurali.

Proprio da questo assunto è partito Alberto Nicolino, attore e narratore milanese a cui, più di dieci anni fa, venne in mente di tornare in Sicilia, a Camporeale, la terra dei suoi genitori, per raccogliere le fiabe del luogo dagli anziani. Ne restò totalmente affascinato, e da questa prima iniziativa scaturì un progetto triennale in cui tutta la comunità era coinvolta, giovani compresi.
“Mi sono trasferito in Sicilia perché questo tipo di narrazione mi aveva preso completamente – dice Nicolino – da tempo gravitavo in questo mondo. Ho collaborato molto con la radio svizzera, per cui ho realizzato delle trasmissioni sul racconto rivolte a tutta la famiglia. Poi sono arrivato in Sicilia e pensavo di starci un paio d’anni: ne sono passati quattordici e come vedete sono ancora qua”.

E da ormai sei anni Nicolino organizza con successo laboratori di narrazione di fiabe rivolte ad adulti: in genere genitori, ma anche insegnanti, psicologi, formatori. Un pubblico attento che vuole avvicinarsi al mondo dell’infanzia e imparare le tecniche della narrazione. E che, soprattutto, sa bene che l’equazione fiaba uguale infanzia è davvero troppo semplicistica.

“In questo laboratorio che organizzerò dal 14 al 16 dicembre ai cantieri culturali alla Zisa ho pensato anche a una variante, che può trasformarsi in un regalo di Natale speciale. Chi vorrà – dice il narratore – potrà presentarmi un racconto su cui lavorare che “confezioneremo” insieme, in modo da trasformarlo in un dono da destinare a una o più persone”.

Un dono di Natale decisamente fuori dal comune, che però ha moltissimi pregi: l’originalità innanzi tutto. E poi l’importanza di regalare del tempo da passare insieme e di donare qualcosa che non sia soggetto all’usura. Anzi: la storia, più si racconta e più diventa bella.

Condividi
Tags

In evidenza

Tutto pronto a Taormina per il restauro della tomba romana La Guardiola

Consegnati i lavori per gli interventi di recupero del monumento sepolcrale all’interno del giardino dell’hotel Villa Fiorita. La sepoltura fa parte di un vasto complesso che risale al Primo secolo dopo Cristo 

Ho scelto il Sud, comprano un mulino a pietra e tornano alla terra: la scommessa di due giovani agricoltori

Mauro Calvagna e Rosario Claudio La Placa sono due quarantenni di Belpasso che hanno fondato una società agricola, puntando sugli insegnamenti e l’esperienza delle rispettive famiglie

Tele in cerca d’autore: a Salemi svelato il mistero del “pittore senza opere”

Nella chiesa della Madonna degli Angeli custodita una preziosa pala d’altare dell'artista seicentesco Gabriele Cabrera e Cardona, finora attribuita ad un anonimo. Adesso sono due i dipinti firmati da questo maestro originario di Naro di cui poco si conosce

Ultimi articoli

Arriva Carnevale: la Sicilia in festa tra carri, musica e maschere

Da Termini Imerese ad Acireale e Sciacca, passando per Avola e Melilli, sono tantissime le città dell’Isola che portano avanti antiche tradizioni, animando piccole e grandi comunità

Tele in cerca d’autore: a Salemi svelato il mistero del “pittore senza opere”

Nella chiesa della Madonna degli Angeli custodita una preziosa pala d’altare dell'artista seicentesco Gabriele Cabrera e Cardona, finora attribuita ad un anonimo. Adesso sono due i dipinti firmati da questo maestro originario di Naro di cui poco si conosce

L’ex “fabbrica della luce” di Palermo diventa bene d’interesse culturale

Il complesso che un tempo ospitava la centrale elettrica Enel di via Cusmano, progettata dall’architetto Salvatore Li Volsi Palmigiano nel 1912, è stata sottoposta a vincolo poiché rappresenta “pregevole esempio di architettura industriale novecentesca legato alla storia della città”

Articoli correlati