Quel siciliano che fece parlare il cinema muto

Al Museo Riso di Palermo una mostra celebra Giovanni Rappazzo, considerato l’inventore del cinema sonoro. Costruì i primi prototipi, ma gli furono negati i diritti d’autore

di Redazione

Il creatore del sonoro al cinema era un siciliano, Giovanni Rappazzo nato a Messina nel 1893 e morto nel 1995 dopo aver ricevuto, appena un anno prima, la nomina di Grande Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana come primo ad aver brevettato il cinema sonoro. E a lui è dedicata la mostra “Rappazzo, l’inventore del cinema parlante” che si inaugura al Museo Riso di Palermo giovedì 16 dicembre alle 18 e sarà visitabile fino al prossimo 16 gennaio.

Ritratto di Giovanni Rappazzo

Durante la giornata inaugurale, l’attrice Erika La Ragione, racconterà brani della storia di Rappazzo, mentre il cinema in bianco e nero verrà celebrato con una sonorizzazione dal vivo di Angelo Sicurella per un inedito video su Beckett, di Martino Lo Cascio che della mostra ha curato l’allestimento sfruttando uno spazio del museo in chiave fortemente iconica e minimalista. “Bisogna finalmente restituire a Giovanni Rappazzo ciò che gli è proprio. La mostra – dice Lo Cascio – è solo il primo passo per riscattare un’ingiustizia storica e restituire visibilità a chi per primo ideò e costruì i prototipi funzionanti del sonoro nel cinema. E che riuscì anche a brevettarli, esattamente 100 anni fa, collezionando solo rifiuti e silenzi assordanti. Purtroppo la paternità della creazione, i diritti d’autore, la fama meritata, gli furono negate per una serie di vicissitudini, ma anche di raggiri di cui fu vittima”.

Una delle opere in mostra

La mostra è un’iniziativa dell’Associazione Culturale Nottedoro con il patrocinio dell’Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana. “Una mostra che è anche un atto di giustizia storica – sottolinea l’assessore regionale ai Beni culturali, Alberto Samonà – per dare il giusto merito a un figlio della Sicilia che si è distinto per la genialità della sua invenzione. Purtroppo non sempre la storia riconosce i reali meriti e spesso prevalgono rapporti di forza e dinamiche economiche. Una mostra importante perché restituisce la verità storica negata, attribuendo la paternità del sonoro nel cinema a questo grande siciliano”.

Rappazzo a vent’anni

Anche il regista Marco Tullio Giordana, che firma l’introduzione al catalogo, sostiene: “Magnifica dunque l’idea di ricordare Giovanni Rappazzo e rendere omaggio ai suoi talenti, sottraendolo all’oblio o alla celebrazione dei soli specialisti”. L’allestimento si compone di 11 tavole che raccontano altrettanti episodi biografici dell’inventore messinese. L’odissea di questo straordinario siciliano scorre attraverso le opere di 11 disegnatori italiani: da Acciari a Allo, Cesalli, Ferrara, Ferraris, Massenzio, Melegari, Nobile, Oliveri, Raimondi, Sbacchi. Undici tavole di grande impatto visivo ed emotivo in stile “graphic novel”.

Una delle opere in mostra

Autori conosciuti e affermati ed altri meno noti, disegnatori di Milano, Genova, Bologna, Firenze, Napoli, Palermo, Messina, le stesse città delle peregrinazioni dell’inventore, che gli rendono onore attraverso un panorama variegato di opere rese nell’arte del fumetto-illustrazione. Tecniche diverse e propensione al gesto artistico che si compongono in un insieme armonioso.

Articolo PrecedenteProssimo Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le Vie dei Tesori News

Send this to a friend