Quando l’arte mostra i limiti di ‘una questione di pelle’

Un’installazione di Igor Scalisi Palminteri in un liceo linguistico di Palermo racconta, a partire dalla tecnica utilizzata, il tratto comune a individui diversi. L’opera sarà svelata venerdì ed è dedicata all’intercultura

di Antonella Lombardi

“A volte è solo una questione di pelle. Soltanto un colore che purtroppo, ancora oggi, discrimina”. A parlare è Igor Scalisi Palminteri, artista che con la sua tavolozza di colori ha contribuito a salvare dal degrado il quartiere di Ballarò, raccontandone l’anima multietnica. Ora il suo appello all’accoglienza si rivolge a un’altra comunità: quella degli studenti del liceo linguistico Keynes di Palermo, dove venerdì, in occasione dell’Open day dell’istituto, sarà inaugurata una sua installazione pittorica dedicata all’intercultura e intitolata “Una questione di pelle”.

“Quando conosci la lingua di qualcuno quella persona diventa meno straniera, perché hai un codice che ti permette di entrare in contatto con l’altro e abbattere le barriere – spiega Palminteri. Mentre parla a Le Vie dei Tesori News si trova ad Alcamo, dove sta realizzando un murales per l’associazione ‘Mediterraneo di pace’.

“Mi è sembrata un’occasione importante realizzare un’opera sull’intercultura in un liceo linguistico, permette di evidenziare l’importanza della lingua del mondo. E proprio per questo la mia installazione doveva trovarsi in un luogo visibile a tutti e di passaggio, come i corridoi dell’istituto. Per ricordare a tutti l’importanza della ricchezza, il valore della diversità, il rispetto per chi conosce luoghi diversi dai tuoi ed è comunque portatore di un’altra storia. Spesso lavoro anche con i bambini perché credo che questi percorsi vadano avviati nell’infanzia e da grandi portano dei frutti meravigliosi. Non dobbiamo mai smettere di parlare ai nostri ragazzi e bambini dell’importanza e della ricchezza della diversità, soprattutto oggi”.

Il progetto finale sarà svelato soltanto venerdì (l’inaugurazione alle 11 in via Marchese Ugo, 6) ma l’artista anticipa che si tratterà di “un’installazione pittorica su dodici tele 40 x 50 che si svilupperà come un unicuum”. Un numero non casuale il 12, un tributo a quelle “12 tribù di Israele dalle quali, secondo la versione biblica, sarebbero partiti tutti i popoli del mondo – dice Igor Scalisi Palminteri – io sono cristiano e credo innanzitutto nel principio per cui si possa essere tutti diversi e costruire comunque un percorso insieme, evitare di pensare che l’altro sia un nemico, perché siamo tutti della stessa razza, quella umana, siamo persone”.

Un’affermazione di principio che si rivela anche nella tecnica pittorica utilizzata: l’artista, infatti, ha usato soltanto sei colori per dipingere persone dal colore di pelle diverso: “c’è chi ha la pelle chiarissima e chi ce l’ha ebano – spiega – eppure ho voluto usare le stesse tinteseppure con dosaggi diversi. Perché siamo tutti diversi, ma parte dello stesso ceppo. E non può essere una ‘questione di pelle’. Mai”.

Un’installazione di Igor Scalisi Palminteri in un liceo linguistico di Palermo racconta, a partire dalla tecnica utilizzata, il tratto comune a individui diversi. L’opera sarà svelata venerdì ed è dedicata all’intercultura

di Antonella Lombardi

“A volte è solo una questione di pelle. Soltanto un colore che purtroppo, ancora oggi, discrimina”. A parlare è Igor Scalisi Palminteri, artista che con la sua tavolozza di colori ha contribuito a salvare dal degrado il quartiere di Ballarò, raccontandone l’anima multietnica. Ora il suo appello all’accoglienza si rivolge a un’altra comunità: quella degli studenti del liceo linguistico Keynes di Palermo, dove venerdì, in occasione dell’Open day dell’istituto, sarà inaugurata una sua installazione pittorica dedicata all’intercultura e intitolata “Una questione di pelle”.

“Quando conosci la lingua di qualcuno quella persona diventa meno straniera, perché hai un codice che ti permette di entrare in contatto con l’altro e abbattere le barriere – spiega Palminteri. Mentre parla a Le Vie dei Tesori News si trova ad Alcamo, dove sta realizzando un murales per l’associazione ‘Mediterraneo di pace’.

“Mi è sembrata un’occasione importante realizzare un’opera sull’intercultura in un liceo linguistico, permette di evidenziare l’importanza della lingua del mondo. E proprio per questo la mia installazione doveva trovarsi in un luogo visibile a tutti e di passaggio, come i corridoi dell’istituto. Per ricordare a tutti l’importanza della ricchezza, il valore della diversità, il rispetto per chi conosce luoghi diversi dai tuoi ed è comunque portatore di un’altra storia. Spesso lavoro anche con i bambini perché credo che questi percorsi vadano avviati nell’infanzia e da grandi portano dei frutti meravigliosi. Non dobbiamo mai smettere di parlare ai nostri ragazzi e bambini dell’importanza e della ricchezza della diversità, soprattutto oggi”.

Il progetto finale sarà svelato soltanto venerdì (l’inaugurazione alle 11 in via Marchese Ugo, 6) ma l’artista anticipa che si tratterà di “un’installazione pittorica su dodici tele 40 x 50 che si svilupperà come un unicuum”. Un numero non casuale il 12, un tributo a quelle “12 tribù di Israele dalle quali, secondo la versione biblica, sarebbero partiti tutti i popoli del mondo – dice Igor Scalisi Palminteri – io sono cristiano e credo innanzitutto nel principio per cui si possa essere tutti diversi e costruire comunque un percorso insieme, evitare di pensare che l’altro sia un nemico, perché siamo tutti della stessa razza, quella umana, siamo persone”.

Un’affermazione di principio che si rivela anche nella tecnica pittorica utilizzata: l’artista, infatti, ha usato soltanto sei colori per dipingere persone dal colore di pelle diverso: “c’è chi ha la pelle chiarissima e chi ce l’ha ebano – spiega – eppure ho voluto usare le stesse tinteseppure con dosaggi diversi. Perché siamo tutti diversi, ma parte dello stesso ceppo. E non può essere una ‘questione di pelle’. Mai”.

Condividi
Tags

In evidenza

Arriva Carnevale: la Sicilia in festa tra carri, musica e maschere

Da Termini Imerese ad Acireale e Sciacca, passando per Avola e Melilli, sono tantissime le città dell’Isola che portano avanti antiche tradizioni, animando piccole e grandi comunità

Si vota per il concorso Art Bonus 2023: ecco i progetti siciliani in gara

Si potrà scegliere tra i beneficiari dei fondi donati dai mecenati a sostegno della cultura. Nell’Isola selezionati gli interventi per il Teatro Greco di Siracusa, il Massimo di Palermo e l’Accademia Filarmonica di Messina

Tutto pronto a Taormina per il restauro della tomba romana La Guardiola

Consegnati i lavori per gli interventi di recupero del monumento sepolcrale all’interno del giardino dell’hotel Villa Fiorita. La sepoltura fa parte di un vasto complesso che risale al Primo secolo dopo Cristo 

Ultimi articoli

Arriva Carnevale: la Sicilia in festa tra carri, musica e maschere

Da Termini Imerese ad Acireale e Sciacca, passando per Avola e Melilli, sono tantissime le città dell’Isola che portano avanti antiche tradizioni, animando piccole e grandi comunità

Tele in cerca d’autore: a Salemi svelato il mistero del “pittore senza opere”

Nella chiesa della Madonna degli Angeli custodita una preziosa pala d’altare dell'artista seicentesco Gabriele Cabrera e Cardona, finora attribuita ad un anonimo. Adesso sono due i dipinti firmati da questo maestro originario di Naro di cui poco si conosce

L’ex “fabbrica della luce” di Palermo diventa bene d’interesse culturale

Il complesso che un tempo ospitava la centrale elettrica Enel di via Cusmano, progettata dall’architetto Salvatore Li Volsi Palmigiano nel 1912, è stata sottoposta a vincolo poiché rappresenta “pregevole esempio di architettura industriale novecentesca legato alla storia della città”

Articoli correlati