Qanat inagibili: annullate le visite di ottobre

Il Cai di Palermo ci informa che per ragioni di sicurezza al momento non sarà possibile effettuare la visita. Tutti i coupon emessi saranno rimborsati

di Redazione

Eventi sopravvenuti e non prevedibili rendono inagibile temporaneamente il sito, che ora richiede lavori straordinari”. Con questa motivazione il gruppo speleologico della sezione Cai di Palermo ci informa che la visita ai Qanat, andata già esaurita sul nostro sito nelle date del Festival, dovrà essere annullata per ragioni di sicurezza e quindi del tutto indipendenti dalla nostra volontà.

Ci preme precisare che tutti coloro che hanno prenotato saranno contattati e i coupon già emessi saranno rimborsati. Il Cai di Palermo si è comunque impegnato a comunicarci tempestivamente la riapertura del sito.

Infatti, visto il successo delle scorse esperienze, stiamo cercando di individuare insieme delle date speciali per recuperare la possibilità di ripetere il percorso dei Qanat.

Il sito dovrebbe tornare ad essere agibile intorno a novembre. Non appena avremo il via libera dal Cai vi terremo informati.

Il Cai di Palermo ci informa che per ragioni di sicurezza al momento non sarà possibile effettuare la visita. Tutti i coupon emessi saranno rimborsati

di Redazione

Eventi sopravvenuti e non prevedibili  rendono inagibile temporaneamente il sito, che ora richiede lavori straordinari”. Con questa motivazione il gruppo speleologico della sezione Cai di Palermo ci informa che la visita ai Qanat, andata già esaurita sul nostro sito nelle date del Festival, dovrà essere annullata per ragioni di sicurezza e quindi del tutto indipendenti dalla nostra volontà.

Ci preme precisare che tutti coloro che hanno prenotato saranno contattati e i coupon già emessi saranno rimborsati. Il Cai di Palermo si è comunque impegnato a comunicarci tempestivamente la riapertura del sito.

Infatti, visto il successo delle scorse esperienze, stiamo cercando di individuare insieme delle date speciali per recuperare la possibilità di ripetere il percorso dei Qanat.
Il sito dovrebbe tornare ad essere agibile intorno a novembre. Non appena avremo il via libera dal Cai vi terremo informati.

Condividi
Tags

In evidenza

Porta Nuova presa d’assalto dal popolo delle Vie dei Tesori

Porta Nuova apre per la prima volta in occasione della sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori a Palermo. Già nel primo weekend tanti visitatori hanno salito gli ottanta alti gradini che dal piano di Palazzo Reale conducono fino al corridoio scoperto di collegamento tra la residenza normanna e la Porta costruita nel 1460, riedificata un secolo dopo dal viceré di Sicilia Marcantonio Colonna per celebrare l’arrivo di Carlo V

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Mazara del Vallo raccontata in un libro tra immagini e parole

Scorci, riti e tradizioni della città trapanese in un volume di Giovanni Franco e Nicola Cristaldi. Dai vicoli della Casbah al mercato del pesce, dalle spiagge ritrovate alle chiese

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Stefania Blandeburgo si fa in cinque per Le Vie dei Tesori

Sono cinque i personaggi che l'attrice Stefania Blandeburgo interpreta per la sedicesima edizione delle Vie dei Tesori a Palermo: ognuno rivive nei suoi abiti d’epoca, con una storia da raccontare

Nell’aula bunker il racconto del Maxiprocesso con cronisti e magistrati

Il Maxiprocesso dalla voce di chi c’era: i cronisti di mafia e i magistrati raccontano quei mesi. Apre al pubblico durante il festival Le Vie dei Tesori l'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. Al primo weekend pieno di visitatori sono intervenuti: il giudice Giuseppe Ayala, il videomaker Giuseppe Di Lorenzo e l’allora cronista di giudiziaria Marcello Barbaro

Articoli correlati