Prove di ripartenza: nuovi voli dall’aeroporto di Palermo

La compagnia Wizz Air farà base nello scalo siciliano con due aerei e sette rotte, un segnale di speranza per il turismo

di Guido Fiorito

Il turismo scommette ancora sull’estate. L’annuncio di Wizz Air di aprire una base al Falcone-Borsellino con due aerei stanziali e sette nuove rotte dall’inizio di giugno, rimette in modo le speranze di un comparto che vale il quindici per cento circa del prodotto interno lordo siciliano. La pandemia ha bloccato la crescita del turismo in Sicilia. Nel 2019 il movimento passeggeri a Palermo aveva raggiunto i sette milioni, con un incremento del sei per cento sull’anno precedente. Nel 2020, i voli sono stati dimezzati dalle conseguenze del Covid 19, e così i passeggeri dei voli nazionali; mentre sono stati persi più di due terzi dei turisti stranieri. In totale il movimento è stato di  2,6 milioni di passeggeri.

Uno degli aerei Wizz Air

L’annuncio di Wizz Air, una delle compagnie low cost europee più agguerrite, porta una ventata di ottimismo in tempi di grande incertezza, perché solo una vaccinazione diffusa potrà salvare il turismo e non sappiamo in che misura avverrà entro l’estate. “Viviamo un momento complesso – ha detto il sindaco Leoluca Orlando, nella conferenza stampa di presentazione dei nuovi voli  – e questo è il modo migliore per non farsi rubare il diritto al futuro. Pensiamo nello stesso modo della compagnia, il nostro turismo deve essere attrattivo, sicuro e poco caro”.

L’aeroporto di Palermo

Attualmente si vola soprattutto in Italia, per motivi di lavoro o salute. Ad accogliere in aeroporto i passeggeri, non dotati di un test molecolare effettuato nelle precedenti 48 ore, sono i tamponi rapidi gratuiti dell’Asp o di un altro laboratorio a proprie spese, che, con la negatività, danno il via libera alla visita, secondo l’ordinanza regionale in vigore. A chi rimane senza test, tocca una quarantena fiduciaria di dieci giorni.

Viaggiatori in aeroporto (foto Rudy and Peter Skitterians, da Pixabay)

Si spera vada meglio nei prossimi mesi. Tutte le compagnie vendono i biglietti estivi con flessibilità fino al limite del 30 settembre o 31 ottobre. Alcune danno una possibilità di cambio illimitata, altre permettono uno o due cambi di data. Questo per favorire le prenotazioni estive, ma, appunto, in un periodo ancora di incertezza. In questo quadro si inserisce Wizz Air con le sue nuove rotte da Palermo su Bologna e Pisa (giornalieri), Treviso (5 voli settimanali), Torino (4) e Verona (3) in Italia, Basilea (2) e Londra Luton (3) all’estero.

L’ingresso dell’aeroporto

“Questo è un giorno importante per la nostra crescita in Sicilia – dice George Michalopoulos, direttore commerciale di Wizz Air -. L’apertura di una base a Palermo permetterà anche orari più favorevoli, come partenze la mattina presto e arrivi di sera. Grazie alla nostra politica di acquisto di nuovi airbus, possiamo far volare questi aerei di età media bassa in continuità per una intera giornata, potendo così offrire tariffe in media più basse di tutti. Abbiamo potuto continuare ad espanderci anche con la pandemia, grazie ai successi degli anni precedenti”. Ha commentato il direttore generale di Gesap, Natale Chieppa: “Da ogni crisi, dicono i manuali di management, nasce una opportunità”.

Intanto l’aeroporto Falcone e Borsellino non si ferma: “Anche noi siamo impegnati a migliorare la sostenibilità ambientale – dice l’amministratore delegato Giovanni Scalia – con parcheggi verdi, il parco a mare, il riutilizzo dell’acqua. I lavori sulle infrastrutture non si sono mai fermati, il terminal sarà sempre più accogliente, con più servizi e sicurezza. Ogni passeggero che arriva porta in media 500 euro di pil alla Sicilia. Far ripartire il traffico è una opportunità importante di sviluppo e di posti di lavoro per il nostro territorio”.

Articolo PrecedenteProssimo Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le Vie dei Tesori News

Send this to a friend