Pronta a rinascere la storica sughereta di Geraci Siculo

La casa del campiere sarà utilizzata come sala museale naturalistica, previsto un percorso avventura, la creazione di sentieri, cartellonistica didattica e recinzioni

di Redazione

Un pezzo di verde storico delle Madonie si prepara a diventare ancora più bello. Previsti oltre 220mila euro, a cui vanno aggiunte le somme a disposizione destinate dell’amministrazione comunale con fondi del Psr, per il miglioramento, fruizione e valorizzazione del patrimonio boschivo di Geraci Siculo, in particolare della storica sughereta, unica nel suo genere. Ad aggiudicarsi la gara – fanno sapere dall’amministrazione comunale –  l’impresa Sabatino Luciano di Petralia Soprana. I lavori cominceranno già la settimana prossima per concludersi entro la fine di ottobre.

La sughereta Geraci Siculo

Gli interventi riguardano l’area naturalistica di contrada Sugheri, vicino alla casa del campiere. Si tratta di un’area di grande valore, non solo per gli aspetti naturalistici, ma anche per la tipica tradizione edilizia rurale delle Madonie. Gli interventi sono stati progettati per la tutela ambientale, il miglioramento dell’efficienza ecologica degli ecosistemi forestali, la mitigazione e l’adattamento ai cambiamenti climatici, ma anche per la valorizzazione delle foreste e delle aree boschive per la collettività.

Uno scorcio di Geraci

Tutti i lavori prevedono la conservazione e rinaturalizzazione degli habitat forestali e delle aree forestali ricadenti nelle aree di pregio del Parco delle Madonie, con la creazione di sentieri, cartellonistica didattica e recinzioni. Oltre a un miglioramento della biodiversità floristica e faunistica in ambiente forestale. La casa del campiere sarà utilizzata come sala museale naturalistica e anche come zona briefing, in cui personale specializzato illustrerà ai visitatori le attività che verranno effettuate nelle aree esterne.

Le montagne attorno a Geraci dal “Salto dei Ventimiglia”

Ovviamente sarà il bosco la principale attrazione turistica. La sughereta di Geraci è unica nel comprensorio delle Madonie. Tra le attività che si potranno fare, c’è l’orienteering naturalistico e sensoriale e il percorso avventura che, con la presenza di ostacoli, costituisce un mini viaggio di sopravvivenza. Per le attività ci si potrà avvalere anche di alcune guide naturalistiche specializzate.

“L’intervento è stato programmato nell’ottica di valorizzare ancora di più il nostro immenso patrimonio boschivo – dice il sindaco di Geraci Siculo Luigi Iuppa – . Siamo certi che tutto ciò avrà effetti positivi non solo sulla flora e fauna locale, ma anche sugli aspetti turistici. C’è, nel mondo, un turismo ‘green’ che è alla ricerca di località meravigliose da visitare. E il nostro territorio non è secondo a nessuno. L’iniziativa si integra con quella legata alla via dei marcati e al percorso di mountain bike. Ultimati i lavori l’area sarà concessa a terzi per la valorizzazione”.

Condividi
Tags

In evidenza

Tele in cerca d’autore: a Salemi svelato il mistero del “pittore senza opere”

Nella chiesa della Madonna degli Angeli custodita una preziosa pala d’altare dell'artista seicentesco Gabriele Cabrera e Cardona, finora attribuita ad un anonimo. Adesso sono due i dipinti firmati da questo maestro originario di Naro di cui poco si conosce

Si vota per il concorso Art Bonus 2023: ecco i progetti siciliani in gara

Si potrà scegliere tra i beneficiari dei fondi donati dai mecenati a sostegno della cultura. Nell’Isola selezionati gli interventi per il Teatro Greco di Siracusa, il Massimo di Palermo e l’Accademia Filarmonica di Messina

Ho scelto il Sud, comprano un mulino a pietra e tornano alla terra: la scommessa di due giovani agricoltori

Mauro Calvagna e Rosario Claudio La Placa sono due quarantenni di Belpasso che hanno fondato una società agricola, puntando sugli insegnamenti e l’esperienza delle rispettive famiglie

Ultimi articoli

Arriva Carnevale: la Sicilia in festa tra carri, musica e maschere

Da Termini Imerese ad Acireale e Sciacca, passando per Avola e Melilli, sono tantissime le città dell’Isola che portano avanti antiche tradizioni, animando piccole e grandi comunità

Tele in cerca d’autore: a Salemi svelato il mistero del “pittore senza opere”

Nella chiesa della Madonna degli Angeli custodita una preziosa pala d’altare dell'artista seicentesco Gabriele Cabrera e Cardona, finora attribuita ad un anonimo. Adesso sono due i dipinti firmati da questo maestro originario di Naro di cui poco si conosce

L’ex “fabbrica della luce” di Palermo diventa bene d’interesse culturale

Il complesso che un tempo ospitava la centrale elettrica Enel di via Cusmano, progettata dall’architetto Salvatore Li Volsi Palmigiano nel 1912, è stata sottoposta a vincolo poiché rappresenta “pregevole esempio di architettura industriale novecentesca legato alla storia della città”

Articoli correlati