Primavera in festa all’Orto Botanico: torna la Zagara

Dopo lo stop causato dalla pandemia, la storica area verde di Palermo ospita nuovamente la mostra mercato dedicata al florovivaismo

di Redazione

Dopo l’annullamento delle edizioni 2020 a causa della pandemia, torna da oggi fino a domenica 13 giugno, la Zagara di primavera, la mostra mercato di giardinaggio e florovivaismo, promossa, ideata e organizzata dall’Orto Botanico dell’Università degli Studi di Palermo. La manifestazione torna ad accogliere in sicurezza gli appassionati di giardinaggio, piante e fiori.

Tillandsie

La manifestazione ospita i migliori vivaisti provenienti da tutta Italia, con le loro collezioni botaniche, piante e fiori rari, insoliti ma anche artigiani-artisti di ispirazione botanica. Una ricca selezione di piante sarà a disposizione di chi vorrà introdurre una nota verde tra le mura domestiche o nel terrazzo di casa e di chi vorrà rinnovare il proprio giardino: dalle piante carnivore alle tillandsie, orchidee botaniche e rose moderne, agrumi, gelsomini, pomelie e molto altro; non mancheranno per gli appassionati i vivai specializzati in succulente e piante aromatiche.

La Zagara all’Orto botanico (foto Eliana Lombardo)

Un appuntamento che in questo momento assume una valenza particolare, un ritorno alla “normalità”, alle piccole cose che riempiono e consolano la nostra quotidianità: l’abbraccio e il dialogo con la natura, il contatto fisico con le piante, i loro profumi, l’incontro e la condivisione di una passione, quella di costruire il proprio spazio verde, di coltivare la bellezza. Un’edizione speciale, leggermente ridimensionata, nel rispetto di tutte le norme anti-covid di sicurezza.

Per partecipare alla manifestazione è obbligatorio indossare la mascherina, rispettare gli ingressi contingentati e acquistare il ticket in base a fasce orarie con un numero massimo di 300 persone per ogni fascia. Ingressi dalle 9 alle 12, dalle 12 alle 15, dalle 15 alle 17,30 e dalle 17,30 alle 20, con chiusura alle 20,30. Maggiori informazioni a questo link.

Condividi
Tags

In evidenza

Svelato il soffitto trecentesco del monastero di Santa Caterina

Nascosto al di sopra della volta della sacrestia, un prezioso tetto ligneo decorato simile a quello dello Steri. Si può ammirare attraverso una app realizzata dall’Università di Palermo. Esposto anche un raro affresco medievale scoperto durante il restauro

Il Duomo di Cefalù si prepara a rinascere, al via i lavori di restauro

Gli interventi finanziati con due milioni di euro dalla Regione Siciliana interesseranno le coperture, gli esterni e gli apparati decorativi del monumento normanno, che è parte del patrimonio Unesco. Le imprese avranno 365 giorni per ultimare le opere

A Lentini è scontro per la gestione di Palazzo Beneventano

Monta la polemica tra il Comune e i privati per l’affidamento dell’ex residenza nobiliare diventata polo culturale. L’amministrazione ha invitato la cooperativa Badia Lost & Found a riconsegnare i locali del bene revocando la concessione

Ultimi articoli

A Lentini è scontro per la gestione di Palazzo Beneventano

Monta la polemica tra il Comune e i privati per l’affidamento dell’ex residenza nobiliare diventata polo culturale. L’amministrazione ha invitato la cooperativa Badia Lost & Found a riconsegnare i locali del bene revocando la concessione

Il Duomo di Cefalù si prepara a rinascere, al via i lavori di restauro

Gli interventi finanziati con due milioni di euro dalla Regione Siciliana interesseranno le coperture, gli esterni e gli apparati decorativi del monumento normanno, che è parte del patrimonio Unesco. Le imprese avranno 365 giorni per ultimare le opere

Svelato il soffitto trecentesco del monastero di Santa Caterina

Nascosto al di sopra della volta della sacrestia, un prezioso tetto ligneo decorato simile a quello dello Steri. Si può ammirare attraverso una app realizzata dall’Università di Palermo. Esposto anche un raro affresco medievale scoperto durante il restauro

Articoli correlati