Premio Efebo d’oro, ecco i prossimi film in programma

Fino al 10 novembre lungometraggi, cortometraggi, prime visioni e incontri al Cinema De Seta dei Cantieri Culturali alla Zisa

di Marco Russo

Entra nel vivo la programmazione della 40esima edizione del Premio Efebo d’Oro. Fino al 10 novembre lungometraggi, cortometraggi, prime visioni e incontri in varie sedi come il Cinema De Seta, il Centro sperimentale di cinematografia ai Cantieri culturali alla Zisa e il Teatro Garibaldi.

Le proiezioni proseguono martedì 6 novembre al De Seta con due film a ingresso libero. Alle 17,30 “Hannah Arendt” di Margaret Von Trotta, in collaborazione con il Goethe Institut e alle 20,30 “Le pressentiment” di Jean-Pierre Darroussin, in collaborazione con Institut Français Palermo.

Mercoledì 7 novembre, saranno invece cinque in film in programma. Alle 16,30 “H is for House” di Peter Greenaway, per la sezione Nuovi linguaggi. Un elenco di parole e d’immagini che iniziano con la lettera H acuisce l’assurdità familiare delle civiltà sofisticate che ordinano il loro mondo basandosi sull’arbitrarietà dell’alfabeto. A seguire ancora Greenaway con “Il cuoco, il ladro, sua moglie e l’amante”, film feroce e visionario, in cui il regista mescola sapientemente rozzezza ed eleganza, carnalità e ripugnanza, violenza ed erotismo, ma senza mai perdere di vista il suo piglio sarcastico e canzonatorio. Questi due film sono ad ingresso libero. Alle 18,30, invece, preceduto da un incontro con il regista, “Manuel” di Dario Albertini, in prima visione per la sezione Esordi (ingresso 4 euro). Un racconto di formazione scritto sul corpo e sul volto del giovane protagonista, reso con sorprendente credibilità da Andrea Lattanzi.

“El autor” di Manuel Martin Cuenca sarà la prima visione delle 20,30, per la sezione Film in concorso, una affinata commedia nera e un insolito thriller da camera, capace di condurre abilmente un’inquietante riflessione sui limiti che intercorrono tra creazione letteraria e vita reale. Infine, alle 22,30 preceduto da un incontro con i registi, sarà la volta de “Il contagio” di Matteo Botrugno e Daniele Coluccini, prima visione per la sezione Film in concorso (ingresso 4 euro). Un dramma corale, duro e impietoso, che sa prendersi struggenti pause poetiche, in grado di mettere in scena “il contagio” non solo geografico bensì umano fra periferia e centro. Tratto dal romanzo che ha anticipato gli eventi di Mafia Capitale.

Per ogni informazione è possibile visitare il sito della manifestazione www.efebodoro.it.

Fino al 10 novembre lungometraggi, cortometraggi, prime visioni e incontri al Cinema De Seta dei Cantieri Culturali alla Zisa

di Marco Russo

Entra nel vivo la programmazione della 40esima edizione del Premio Efebo d’Oro. Fino al 10 novembre lungometraggi, cortometraggi, prime visioni e incontri in varie sedi come il Cinema De Seta, il Centro sperimentale di cinematografia ai Cantieri culturali alla Zisa e il Teatro Garibaldi.

Le proiezioni proseguono martedì 6 novembre al De Seta con due film a ingresso libero. Alle 17,30 “Hannah Arendt” di Margaret Von Trotta, in collaborazione con il Goethe Institut e alle 20,30 “Le pressentiment” di Jean-Pierre Darroussin, in collaborazione con Institut Français Palermo.

Mercoledì 7 novembre, saranno invece cinque in film in programma. Alle 16,30 “H is for House” di Peter Greenaway, per la sezione Nuovi linguaggi. Un elenco di parole e d’immagini che iniziano con la lettera H acuisce l’assurdità familiare delle civiltà sofisticate che ordinano il loro mondo basandosi sull’arbitrarietà dell’alfabeto. A seguire ancora Greenaway con “Il cuoco, il ladro, sua moglie e l’amante”, film feroce e visionario, in cui il regista mescola sapientemente rozzezza ed eleganza, carnalità e ripugnanza, violenza ed erotismo, ma senza mai perdere di vista il suo piglio sarcastico e canzonatorio. Questi due film sono ad ingresso libero. Alle 18,30, invece, preceduto da un incontro con il regista, “Manuel” di Dario Albertini, in prima visione per la sezione Esordi (ingresso 4 euro). Un racconto di formazione scritto sul corpo e sul volto del giovane protagonista, reso con sorprendente credibilità da Andrea Lattanzi.

“El autor” di Manuel Martin Cuenca sarà la prima visione delle 20,30, per la sezione Film in concorso, una affinata commedia nera e un insolito thriller da camera, capace di condurre abilmente un’inquietante riflessione sui limiti che intercorrono tra creazione letteraria e vita reale. Infine, alle 22,30 preceduto da un incontro con i registi, sarà la volta de “Il contagio” di Matteo Botrugno e Daniele Coluccini, prima visione per la sezione Film in concorso (ingresso 4 euro). Un dramma corale, duro e impietoso, che sa prendersi struggenti pause poetiche, in grado di mettere in scena “il contagio” non solo geografico bensì umano fra periferia e centro. Tratto dal romanzo che ha anticipato gli eventi di Mafia Capitale.

Per ogni informazione è possibile visitare il sito della manifestazione www.efebodoro.it.

Condividi
Tags

In evidenza

Un’opera del “Raffaello” di Messina all’asta in Francia, la Regione prova a riportarla a casa

La Madonna col Bambino e San Giovannino del maestro rinascimentale Girolamo Alibrandi sarà venduta da una casa parigina. Dopo l’appello di studiosi e cittadini il governo regionale vorrebbe acquisire il quadro

A lezione di felicità col maestro buddista Tsenshab Serkong Rinpoce

Il giovane lama sarà a Palermo per una tre giorni organizzata dal Centro Muni Gyana, preceduta da una conferenza aperta che si svolgerà ai Cantieri Culturali alla Zisa

La Palermo degli anni Trenta rivive in una mostra

All’Albergo delle Povere un allestimento racconta la città di un secolo fa attraverso oggetti originali, filmati storici, pannelli esplicativi e ricostruzioni tridimensionali

Ultimi articoli

A Lentini è scontro per la gestione di Palazzo Beneventano

Monta la polemica tra il Comune e i privati per l’affidamento dell’ex residenza nobiliare diventata polo culturale. L’amministrazione ha invitato la cooperativa Badia Lost & Found a riconsegnare i locali del bene revocando la concessione

Il Duomo di Cefalù si prepara a rinascere, al via i lavori di restauro

Gli interventi finanziati con due milioni di euro dalla Regione Siciliana interesseranno le coperture, gli esterni e gli apparati decorativi del monumento normanno, che è parte del patrimonio Unesco. Le imprese avranno 365 giorni per ultimare le opere

Svelato il soffitto trecentesco del monastero di Santa Caterina

Nascosto al di sopra della volta della sacrestia, un prezioso tetto ligneo decorato simile a quello dello Steri. Si può ammirare attraverso una app realizzata dall’Università di Palermo. Esposto anche un raro affresco medievale scoperto durante il restauro

Articoli correlati