Performance con 50 artisti a Selinunte tra musica e danza

È l’evento “Suoni senza confine”, un’esperienza sensoriale itinerante dedicata alla caduta del Muro di Berlino e ideata dal contrabbassista Lelio Giannetto

di Redazione

Una performace sensoriale, tra canti, danze e musica, nel Parco archeologico di Selinunte, ricordando la caduta del Muro di Berlino. È l’evento “Suoni senza confine – Haus der Kulturen der Welt, ovvero la notte in cui cadde il muro”, un’esperienza sensoriale itinerante, su musiche di Johann Sebastian Bach, pensata appositamente per l’area archeologica con cinquanta performer tra attori, musicisti, danzatori, pittori e scrittori. Si tratta di progetto dell’associazione Curva Minore, ideato dal contrabbassista Lelio Giannetto, che ne cura anche la drammaturgia, nell’ambito di Bam, la Biennale arcipelago mediterraneo. L’evento andrà in scena domenica 8 dicembre, al tramonto, dalle 16 alle 17.

La locandina dell’evento

“Il pubblico itinerante – spiegano da Curva Minore – si aggira tra i performer alla ricerca del suono liberato. I performer bendati enunciano micro-storie sulla notte in cui cadde il Muro. Un velo sonoro rappresenta la cortina, mentre i danzatori si troveranno costretti o ingabbiati su superfici limitatissime e i pittori evocheranno le storie sul Muro. Eruzioni sonore condurranno a esecuzioni di musiche di liberazione con canti e danze evocando la festa spontanea creatasi a Berlino il 9 novembre 1989”.

In scena un gruppo corale di artisti che daranno vita alla performance. Ci sarà la danzatrice Sofia Kakouri, poi tra i musicisti, il contrabbassista Peter Jacquemyn e il violoncellista Mauro Cottone che si esibiranno insieme a Gianneto e alla Sicilian Improvisers Orchestra e al Curva minore performing ensemble. Poi i pittori Igor Scalisi Palminteri, Linda Randazzo, Toni Costagliola, Alice Sanzillo e Paola Giattini.

L’area del Tempio R

La compagine degli attori sarà formata da: Simona Martelli, Silvia Di Blasi, Valeria Sara Lo Bue, Alma Passarelli Pula, Rosalba Santoro, Diego Aiello, Caterina Pantaleo, Marisa Moretti, Giuseppe Distefano, Ornella Scibilia, Rosaria Tranchida, Isabelle Gandolfi, Anna Valenti, Rosanna Costantino, Marco Russo, Salvatore Insalaco, Bernardo Quaranta, Geraldina Albegiani, Egle Mazzamuto e Ilenia Modica.

Le danzatrici saranno Emilia Guarino, Mara Rubino, Lucia Poma, Laura Strack e Marta Kaja Romanszka e infine i musicisti: Eva Geraci, Alessandra Pipitone, Alessandro Librio, Dario Compagna, Marcello Cinà, Giuseppe Viola, Gandolfo Pagano, Benedetto Basile, Giuseppe Greco, Gabriele Sutera, Vincenzo Bono, Bintu Badiane, Faber Gray, Domenico Sabella, Claudia Piccione, Giuseppe Marco Zammuto, Maria Merlino e Fabrizio Pezzino Calogero Genco.

L’ingresso alla performance è libero.

Condividi
Tags

In evidenza

Capolavori dell’arte rivivono in digitale a Palazzo Reale

Al via Meta Experience con due esempi di cloni: un Satiro danzante d’argento scintillante e un Giovinetto di Mozia in rosso di sapore pop. Poi c’è un opera autentica, il busto di Ottaviano Augusto che si confronta con il suo doppio tecnologico

Da Porta Nuova all’aula bunker, Le Vie dei Tesori torna a Palermo con tante novità

Oltre 150 tra visite nei luoghi ed esperienze, 90 passeggiate d’autore e 10 fuoriporta. Dal 30 settembre al 30 ottobre, si potrà entrare nel carcere Ucciardone e si scoprirà il gasometro. Tour in chiese inedite del centro, in luoghi strappati alla mafia e rigenerati con i cittadini.  E ancora teatralizzazioni, mostre negli antichi palazzi e passeggiate

Le Vie dei Tesori debutta a Alcamo tra castelli, chiese e cisterne arabe

Il festival arriva per la prima volta nella cittadina trapanese nei tre weekend dall’1 al 16 ottobre. Si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Ultimi articoli

Dalla Prefettura all’aula bunker fino all’Ucciardone, porte aperte ai tesori della legalità

Tre luoghi normalmente chiusi al pubblico, dove è viva la presenza dello Stato, si potranno visitare in occasione della sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori, che torna a Palermo dal 30 settembre al 30 ottobre

Le Vie dei Tesori debutta a Alcamo tra castelli, chiese e cisterne arabe

Il festival arriva per la prima volta nella cittadina trapanese nei tre weekend dall’1 al 16 ottobre. Si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Le Vie dei Tesori saluta le prime otto città, ecco le passeggiate dell’ultimo weekend

Da Messina a Enna, da Caltanissetta a Trapani e Mazara del Vallo, fino a Termini Imerese, sono tanti gli itinerari in programma per l'ultimo fine settimana del festival di settembre, tra grotte, cripte, antichi villaggi e reperti preistorici

Articoli correlati