Verso il recupero del Castello arabo-normanno

Pubblicata la gara d’appalto per la riqualificazione del castello, previsti lavori che miglioreranno l’edificio e il polo museale

di Redazione

Al via la gara d’appalto per il recupero e la riqualificazione del Castello arabo-normanno di Castellammare del Golfo. Il bando, pubblicato pochi giorni fa sulla Gazzetta ufficiale della Regione Siciliana, prevede lavori di adeguamento dell’edificio, la cui sede espositiva – fanno sapere dall’assessorato regionale ai Beni culturali – realizzerà appieno il polo museale “La memoria del Mediterraneo” che ha lo scopo di conservare e valorizzare il patrimonio storico, artistico, archeologico ed etno-antropologico della città e del suo territorio.

La scala elicoidale

Grazie ai lavori che si andranno a realizzare il castello farà un complessivo restyling che comporterà l’adeguamento strutturale, la rimozione delle parti di intonaco e il ripristino della pietra sottostante, la sostituzione delle parti danneggiate anche sotto l’aspetto degli infissi e della rimozione delle parti umide e danneggiate. Di particolare importanza – sottolineano dall’assessorato – il recupero del tetto ligneo arabo che, insieme alla scala elicoidale rappresentano importanti testimonianze dell’epoca. Quanto al museo, che attraverso i lavori oggetto della gara, verrà adeguato nella fruibilità e migliorato sotto il profilo delle tecnologie e degli aspetti espositivi, è attualmente articolato in quattro sezioni: archeologico, attività marinare, acqua e mulini e, infine, attività produttive. Quest’ultimo curato dalla Fondazione “Annalisa Buccellato” che è stata riconosciuta dall’assessorato dei Beni Culturali di interesse etno-antropologico particolarmente importante nel 2014.

Castellammare del Golfo

Gli ultimi interventi sul castello erano stati effettuati tra il 1992 e il 1997, mentre l’attuale gara, che prevede lavori per un milione di euro, sarà espletata con procedura telematica il 30 settembre prossimo. Per quanto riguarda il museo, saranno inseriti percorsi interattivi e viaggi multimediali che illustreranno le peculiarità e le identità locali, ma anche le numerose eccellenze del territorio, quali Scopello e le attività della Tonnara, la Riserva dello Zingaro, le grotte di Monte Inici, gli attrezzi e i reperti – già presenti nelle testimonianze di una ricca attività marinara, archeologica, naturalistica e agro-silvo-pastorale – che hanno caratterizzato la vita della cittadina fino al recente passato.

Il castello visto dal mare

“Gli interventi all’interno del Castello di Castellammare del Golfo – sottolinea l’assessore ai Beni Culturali, Alberto Samonà – assumono una particolare importanza perché incidono sia sulla salvaguardia di un bene patrimoniale di importanza storica e architettonica, sia perché definiscono ancora meglio l’offerta complessiva del circuito museale della provincia di Trapani, rafforzando il valore identitario del territorio”.

Articolo PrecedenteProssimo Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le Vie dei Tesori News

Send this to a friend