Nuove musiche al teatro Massimo

Prosegue la rassegna dedicata al contemporaneo, tra concerti e incontri. Giovedi l’attrice Galatea Ranzi leggerà una selezione di brani in omaggio a Incardona

di Ruggero Altavilla

È l’attenzione ai compositori siciliani il filo rosso che lega tutti gli appuntamenti di “Nuove musiche”, la rassegna del teatro Massimo dedicata alla musica contemporanea ora alla sua quinta edizione. Le musiche dei giovani autori legati al conservatorio di Palermo sottolineano la collaborazione tra le due istituzioni e lo sguardo attento rivolto al contemporaneo. Denso il calendario di appuntamenti, tra concerti e incontri.

Domani, alle 17.30 in sala Onu, Ivano Cavallini, docente di Storia della musica all’Università di Palermo presenta insieme all’autore il libro di Federico Capitoni “Canone boreale. 100 opere del ’900 musicale (colto sopra l’equatore)”. Capitoni ha composto un ‘canone’ di cento opere della musica colta del ‘900, una guida per orientarsi fra la miriade di capolavori e opere straordinarie che ne hanno delineato il paesaggio sonoro. 

Sempre domani alle 20.30 al Conservatorio Scarlatti ci sarà un concerto di musica elettroacustica con le musiche di Giuseppe Rapisarda, Giorgio Satta, Pietro Bonanno, Giorgio Cascio, Manfredi Clemente, Luca Rizzo, Maksym Kokoiev, Roberto Palazzolo, Mario Crispi, Alberto Tudisca, Ignazio Parisi e Marco Accardi. Mercoledi alle 20.30 la Sala Onu del Teatro Massimo accoglierà il concerto di un ensemble di sax e percussioni del conservatorio di Palermo. In programma opere di Salvatore Passantino, Marco Salvaggio, Fabiano Spanu, Giuseppe Rapisarda e Sextet per due vibrafoni, tre marimbe, due pianoforti e due tastiere elettroniche di Steve Reich.

Infine, giovedi 29 novembre alle 20.30 ancora nella sala Onu del Massimo, ci sarà il concerto “Il suono delle cose” in omaggio a Federico Incardona. Il titolo proviene infatti da una frase del compositore, del quale ricorre quest’anno il sessantesimo anniversario della nascita. Le musiche di Francesco Pennisi, Aldo Clementi, Marco Spagnolo, Giovanni Saitta, Giovanni Sollima e ovviamente dello stesso Incardona saranno eseguite da L’Offerta musicale ensemble con la direzione di Claudia Patanè e l’attrice Galatea Ranzi che leggerà una selezione di scritti di Federico Incardona curata da Marco Spagnolo.

Prosegue la rassegna dedicata al contemporaneo, tra concerti e incontri. Giovedi l’attrice Galatea Ranzi leggerà una selezione di brani in omaggio a Incardona

di Ruggero Altavilla

È l’attenzione ai compositori siciliani il filo rosso che lega tutti gli appuntamenti di “Nuove musiche”, la rassegna del teatro Massimo dedicata alla musica contemporanea ora alla sua quinta edizione. Le musiche dei giovani autori legati al conservatorio di Palermo sottolineano la collaborazione tra le due istituzioni e lo sguardo attento rivolto al contemporaneo. Denso il calendario di appuntamenti, tra concerti e incontri.

Domani, alle 17.30 in sala Onu, Ivano Cavallini, docente di Storia della musica all’Università di Palermo presenta insieme all’autore il libro di Federico Capitoni “Canone boreale. 100 opere del ’900 musicale (colto sopra l’equatore)”. Capitoni ha composto un ‘canone’ di cento opere della musica colta del ‘900, una guida per orientarsi fra la miriade di capolavori e opere straordinarie che ne hanno delineato il paesaggio sonoro. 

Sempre domani alle 20.30 al Conservatorio Scarlatti ci sarà un concerto di musica elettroacustica con le musiche di Giuseppe Rapisarda, Giorgio Satta, Pietro Bonanno, Giorgio Cascio, Manfredi Clemente, Luca Rizzo, Maksym Kokoiev, Roberto Palazzolo, Mario Crispi, Alberto Tudisca, Ignazio Parisi e Marco Accardi. Mercoledi alle 20.30 la Sala Onu del Teatro Massimo accoglierà il concerto di un ensemble di sax e percussioni del conservatorio di Palermo. In programma opere di Salvatore Passantino, Marco Salvaggio, Fabiano Spanu, Giuseppe Rapisarda e Sextet per due vibrafoni, tre marimbe, due pianoforti e due tastiere elettroniche di Steve Reich.

Infine, giovedi 29 novembre alle 20.30 ancora nella sala Onu del Massimo, ci sarà il concerto “Il suono delle cose” in omaggio a Federico Incardona. Il titolo proviene infatti da una frase del compositore, del quale ricorre quest’anno il sessantesimo anniversario della nascita. Le musiche di Francesco Pennisi, Aldo Clementi, Marco Spagnolo, Giovanni Saitta, Giovanni Sollima e ovviamente dello stesso Incardona saranno eseguite da L’Offerta musicale ensemble con la direzione di Claudia Patanè e l’attrice Galatea Ranzi che leggerà una selezione di scritti di Federico Incardona curata da Marco Spagnolo.

Hai letto questi articoli?
Articolo PrecedenteProssimo Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le vie dei Tesori News

Send this to a friend