Nuove luci illumineranno il mare di Palermo

Saranno riqualificati gli impianti di illuminazione dalla Cala a Villa Giulia, con sistemi di videosorveglianza, wi-fi e monitoraggio ambientale

di Giulio Giallombardo

Una lunga scia di luci “intelligenti” attraverserà l’antico porto di Palermo e il Foro Italico. A illuminare la Cala e la passeggiata a mare fino a Villa Giulia saranno centinaia di nuovi lampioni su sostegni alti otto metri, con impianti di videosorveglianza, wi-fi e sistemi di monitoraggio ambientale. È entrato nel vivo il progetto “Luci sul mare” per la valorizzazione del tratto “Porto Fenicio”, che prevede la riqualificazione degli impianti di illuminazione pubblica, con un finanziamento di 2,2 milioni di euro nell’ambito del Pon Metro. È scaduto oggi il bando per appaltare i lavori, che – secondo il cronoprogramma – dureranno poco più di un anno, esattamente 430 giorni. Dunque, adesso si procederà all’apertura delle buste con le offerte pervenute e all’aggiudicazione dell’appalto.

L’area interessata dal progetto Luci sul mare

L’obiettivo del progetto, redatto dall’Area tecnica della riqualificazione urbana e delle infrastrutture del Comune, è quello di realizzare un impianto di nuova generazione a basso consumo, che prenderà il posto della vecchia illuminazione ormai obsoleta, sostituendo anche i semafori esistenti con altri dotati di un sistema di controllo intelligente per la rilevazione dei dati di traffico. È previsto, inoltre, il completo rifacimento dell’impianto di illuminazione del tratto di marciapiede dalle Mura delle Cattive, Porta dei Greci, fino all’incrocio con via Lincoln.

Alcuni dei lampioni che saranno installati

Il nuovo impianto di illuminazione prevede l’installazione di 143 sostegni, alti circa 8 metri fuori terra a singolo braccio e 21 a doppio braccio, disposti sullo spartitraffico centrale. Saranno utilizzati sostegni in ghisa tipo “Palermo”, simili a quelli usati in altre zone del centro storico. Il linea con le “smart cities” sarà attivato un sistema intelligente che consentirà la regolazione dei semafori ed il controllo remoto dei quadri attraverso una piattaforma di monitoraggio. L’area, oltre che adeguatamente illuminata, sarà dotata di copertura wi-fi, di sistemi per la rilevazione del traffico e impianti di videosorveglianza.

Le Mura delle Cattive

Un capitolo a parte spetta all’illuminazione dell’area pedonale davanti alle Mura delle Cattive. Il progetto del Comune, dato l’interesse storico della zona tutelata da vincoli monumentali, mira a mantenere l’impianto esistente, potenziandolo dove serve. Saranno installati all’interno delle aiuole 39 sostegni in ghisa alti circa 3,50 metri, con lanterne a forma tronco-piramidale, dotate di sistema di illuminazione a led, senza interferire con l’illuminazione artistica delle mura che sarà realizzata ripristinando e potenziando l’impianto preesistente, costituito da 56 luci incassate a terra. L’obiettivo da raggiungere – secondo l’amministrazione comunale – è un risparmio energetico di almeno il 50 per cento, la riduzione dell’inquinamento luminoso e delle emissioni di Co2, rendendo il Foro Italico più sicuro per cittadini e turisti.

Condividi
Tags

In evidenza

Dalla Prefettura all’aula bunker fino all’Ucciardone, porte aperte ai tesori della legalità

Tre luoghi normalmente chiusi al pubblico, dove è viva la presenza dello Stato, si potranno visitare in occasione della sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori, che torna a Palermo dal 30 settembre al 30 ottobre

Le Vie dei Tesori saluta le prime otto città, ecco le passeggiate dell’ultimo weekend

Da Messina a Enna, da Caltanissetta a Trapani e Mazara del Vallo, fino a Termini Imerese, sono tanti gli itinerari in programma per l'ultimo fine settimana del festival di settembre, tra grotte, cripte, antichi villaggi e reperti preistorici

Da Porta Nuova all’aula bunker, Le Vie dei Tesori torna a Palermo con tante novità

Oltre 150 tra visite nei luoghi ed esperienze, 90 passeggiate d’autore e 10 fuoriporta. Dal 30 settembre al 30 ottobre, si potrà entrare nel carcere Ucciardone e si scoprirà il gasometro. Tour in chiese inedite del centro, in luoghi strappati alla mafia e rigenerati con i cittadini.  E ancora teatralizzazioni, mostre negli antichi palazzi e passeggiate

Ultimi articoli

Dalla Prefettura all’aula bunker fino all’Ucciardone, porte aperte ai tesori della legalità

Tre luoghi normalmente chiusi al pubblico, dove è viva la presenza dello Stato, si potranno visitare in occasione della sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori, che torna a Palermo dal 30 settembre al 30 ottobre

Le Vie dei Tesori debutta a Alcamo tra castelli, chiese e cisterne arabe

Il festival arriva per la prima volta nella cittadina trapanese nei tre weekend dall’1 al 16 ottobre. Si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Le Vie dei Tesori saluta le prime otto città, ecco le passeggiate dell’ultimo weekend

Da Messina a Enna, da Caltanissetta a Trapani e Mazara del Vallo, fino a Termini Imerese, sono tanti gli itinerari in programma per l'ultimo fine settimana del festival di settembre, tra grotte, cripte, antichi villaggi e reperti preistorici

Articoli correlati