La notte delle stelle cadenti tra poesie e telescopi

Quest’anno l’evento si preannuncia ancor più spettacolare, grazie a un cielo senza luna. Ecco gli appuntamenti che abbiamo scelto per voi

di Giulio Giallombardo

Tutti con gli occhi all’insù, nella speranza che i desideri si avverino. Quest’anno la notte di San Lorenzo si preannuncia ancora più spettacolare, grazie ad un cielo senza luna. Il 10 agosto le “lacrime” del martire inizieranno a scorrere, solcando i cieli estivi, ma il picco è previsto in realtà tra il 12 e 13 agosto. Sarà allora che lo sciame meteorico delle Perseidi attraverserà l’atmosfera terrestre molto più intensamente del solito. Il momento ideale per godersi la magia delle stelle cadenti, poetica immagine di un fenomeno astronomico ben più prosaico, è nel cuore della notte, quando la costellazione di Perseo è ben alta nel cielo.

Dunque, in attesa che le scie di luce affollino la notte più ammirata dell’estate, vi proponiamo alcuni appuntamenti per godersi al meglio lo spettacolo. Non si può non cominciare dall’osservatorio astronomico di Isnello “Gal Hassin”, sulle Madonie, in cui, la sera del 12 agosto, si potrà scrutare il cielo con i telescopi. “Prevediamo l’arrivo di circa 200 persone che, divise in gruppi, si alterneranno in tre postazioni diverse – spiega a Le Vie dei Tesori News, l’astronomo Claudio Zellermayer – , la serata durerà circa tre ore e si articolerà tra l’osservazione al telescopio, al planetario e ad occhio nudo, sempre sotto la guida di un esperto”.

Spostandosi a Palermo, dove i cieli non sono sicuramente così limpidi come quelli delle Madonie, la visione delle stelle cadenti sarà accompagnata dall’undicesima edizione de “La Notte della poesia”, che si svolgerà simbolicamente nell’oratorio di San Lorenzo, il 10 agosto a partire dalle 22. Lettori, poeti, amatori saranno protagonisti, declamando una poesia, edita o inedita, che abbia come tema la notte, le stelle, i desideri, l’amore e le poesie del mondo. Il chiostro accoglierà i partecipanti, riproponendo, durante le letture, la proiezione delle foto della performance di Nora Turato, artista croata, che per Manifesta 12, ha creato un installazione all’interno dell’oratorio decorato da Giacomo Serpotta. Inoltre, la performer palermitana Martina Martire si esibirà con un’azione scenica accompagnata dal sitar di Davide Lopes e le percussioni di Ferdinando Dante.

Restando in città, si può scegliere anche di osservare il cielo da Villa Filippina, dove, la sera di San Lorenzo, il planetario sarà aperto ed offrirà un fitto programma di osservazioni speciali. Chi preferisce, invece, guardare in un sol colpo, il centro storico dall’alto e il cielo stellato, potrà salire sulla Torre di San Nicolò all’Albergheria e lanciare un palloncino esprimendo un desiderio. Chi vuole invece perdersi nei vicoli del cuore della città, prevista anche una passeggiata sotto le stelle durante la quale saranno raccontate storie e leggende di personaggi che risuonano nella memoria collettiva dei palermitani, da Procopio Cutò a Giovanna Bonanno, dalla regina Giovanna d’Angiò al comico Ferrazzano. Per non dimenticare i luoghi che hanno segnato la storia di Palermo, da piazza Croce dei Vespri a via Materassai. Appuntamento davanti al Teatro Massimo, il 10 agosto alle 20,45.

Facendo un salto fuori Palermo, invece, il Comune di Capaci, in collaborazione con l’Osservatorio astronomico del capoluogo, ha organizzato una serata per osservare le stelle dal belvedere di contrada Zercate. Sarà possibile ammirare Venere, Giove, Saturno e Marte, con i telescopi, insieme ad ammassi, nebulose e stelle cadenti, in compagnia dell’astrofisico Mario Giuseppe Guarcello. Nella vicina Isola delle Femmine, infine, si potrà assistere a “La notte di San Lorenzo alla Torre”, una sfilata in abiti medievali che partirà da piazza Vincenzo Enea e arriverà ai piedi della Torre del Senato, organizzata dall’associazione Bc Sicilia.

Quest’anno l’evento si preannuncia ancor più spettacolare, grazie a un cielo senza luna. Ecco gli appuntamenti che abbiamo scelto per voi

di Giulio Giallombardo

Tutti con gli occhi all’insù, nella speranza che i desideri si avverino. Quest’anno la notte di San Lorenzo si preannuncia ancora più spettacolare, grazie ad un cielo senza luna. Il 10 agosto le “lacrime” del martire inizieranno a scorrere, solcando i cieli estivi, ma il picco è previsto in realtà tra il 12 e 13 agosto. Sarà allora che lo sciame meteorico delle Perseidi attraverserà l’atmosfera terrestre molto più intensamente del solito. Il momento ideale per godersi la magia delle stelle cadenti, poetica immagine di un fenomeno astronomico ben più prosaico, è nel cuore della notte, quando la costellazione di Perseo è ben alta nel cielo.

Dunque, in attesa che le scie di luce affollino la notte più ammirata dell’estate, vi proponiamo alcuni appuntamenti per godersi al meglio lo spettacolo. Non si può non cominciare dall’osservatorio astronomico di Isnello “Gal Hassin”, sulle Madonie, in cui, la sera del 12 agosto, si potrà scrutare il cielo con i telescopi. “Prevediamo l’arrivo di circa 200 persone che, divise in gruppi, si alterneranno in tre postazioni diverse – spiega a Le Vie dei Tesori News, l’astronomo Claudio Zellermayer – , la serata durerà circa tre ore e si articolerà tra l’osservazione al telescopio, al planetario e ad occhio nudo, sempre sotto la guida di un esperto”.

Spostandosi a Palermo, dove i cieli non sono sicuramente così limpidi come quelli delle Madonie, la visione delle stelle cadenti sarà accompagnata dall’undicesima edizione de “La Notte della poesia”, che si svolgerà simbolicamente nell’oratorio di San Lorenzo, il 10 agosto a partire dalle 22. Lettori, poeti, amatori saranno protagonisti, declamando una poesia, edita o inedita, che abbia come tema la notte, le stelle, i desideri, l’amore e le poesie del mondo. Il chiostro accoglierà i partecipanti, riproponendo, durante le letture, la proiezione delle foto della performance di Nora Turato, artista croata, che per Manifesta 12, ha creato un installazione all’interno dell’oratorio decorato da Giacomo Serpotta. Inoltre, la performer palermitana Martina Martire si esibirà con un’azione scenica accompagnata dal sitar di Davide Lopes e le percussioni di Ferdinando Dante.

Restando in città, si può scegliere anche di osservare il cielo da Villa Filippina, dove, la sera di San Lorenzo, il planetario sarà aperto ed offrirà un fitto programma di osservazioni speciali. Chi preferisce, invece, guardare in un sol colpo, il centro storico dall’alto e il cielo stellato, potrà salire sulla Torre di San Nicolò all’Albergheria e lanciare un palloncino esprimendo un desiderio. Chi vuole invece perdersi nei vicoli del cuore della città, prevista anche una passeggiata sotto le stelle durante la quale saranno raccontate storie e leggende di personaggi che risuonano nella memoria collettiva dei palermitani, da Procopio Cutò a Giovanna Bonanno, dalla regina Giovanna d’Angiò al comico Ferrazzano. Per non dimenticare i luoghi che hanno segnato la storia di Palermo, da piazza Croce dei Vespri a via Materassai. Appuntamento davanti al Teatro Massimo, il 10 agosto alle 20,45.

Facendo un salto fuori Palermo, invece, il Comune di Capaci, in collaborazione con l’Osservatorio astronomico del capoluogo, ha organizzato una serata per osservare le stelle dal belvedere di contrada Zercate. Sarà possibile ammirare Venere, Giove, Saturno e Marte, con i telescopi, insieme ad ammassi, nebulose e stelle cadenti, in compagnia dell’astrofisico Mario Giuseppe Guarcello. Nella vicina Isola delle Femmine, infine, si potrà assistere a “La notte di San Lorenzo alla Torre”, una sfilata in abiti medievali che partirà da piazza Vincenzo Enea e arriverà ai piedi della Torre del Senato, organizzata dall’associazione Bc Sicilia.

Condividi
Tags

In evidenza

Porta Nuova presa d’assalto dal popolo delle Vie dei Tesori

Porta Nuova apre per la prima volta in occasione della sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori a Palermo. Già nel primo weekend tanti visitatori hanno salito gli ottanta alti gradini che dal piano di Palazzo Reale conducono fino al corridoio scoperto di collegamento tra la residenza normanna e la Porta costruita nel 1460, riedificata un secolo dopo dal viceré di Sicilia Marcantonio Colonna per celebrare l’arrivo di Carlo V

Le Vie dei Tesori a Scicli tra palazzi, chiese e il set del Commissario Montalbano

Tredici sono i luoghi nella cittadina ragusana, dove si è girata la famosa fiction. Aprono tre dimore nobiliari, si visita la collezione del Gruppo di Scicli e si scende nella Grotta delle Cento scale. Coinvolti 40 studenti e le guide in Lingua dei segni

Stefania Blandeburgo si fa in cinque per Le Vie dei Tesori

Sono cinque i personaggi che l'attrice Stefania Blandeburgo interpreta per la sedicesima edizione delle Vie dei Tesori a Palermo: ognuno rivive nei suoi abiti d’epoca, con una storia da raccontare

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Stefania Blandeburgo si fa in cinque per Le Vie dei Tesori

Sono cinque i personaggi che l'attrice Stefania Blandeburgo interpreta per la sedicesima edizione delle Vie dei Tesori a Palermo: ognuno rivive nei suoi abiti d’epoca, con una storia da raccontare

Nell’aula bunker il racconto del Maxiprocesso con cronisti e magistrati

Il Maxiprocesso dalla voce di chi c’era: i cronisti di mafia e i magistrati raccontano quei mesi. Apre al pubblico durante il festival Le Vie dei Tesori l'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. Al primo weekend pieno di visitatori sono intervenuti: il giudice Giuseppe Ayala, il videomaker Giuseppe Di Lorenzo e l’allora cronista di giudiziaria Marcello Barbaro

Articoli correlati