Nascerà un parco avventura nel Bosco della Ficuzza, in arrivo 2 milioni di euro

Finanziato dal ministero del Turismo il progetto presentato dal Gal Terre Normanne che prevede la realizzazione di percorsi sugli alberi, teleferiche, attività di arrampicata sportiva, parapendio e anche un trenino per gli escursionisti

di Redazione

La frazione di Ficuzza con la Casina reale (foto Giulio Giallombardo)

Percorsi acrobatici, teleferiche, piattaforme sugli alberi, voli in parapendio e anche un trenino panoramico che ripercorrerà la tratta della vecchia ferrovia. È un progetto ambizioso quello approvato dal ministero del Turismo per valorizzare la riserva naturale orientata del Bosco della Ficuzza, nel Palermitano, dove nascerà un parco avventura. Il ministero ha dato l’ok al finanziamento da 2 milioni di euro per il progetto presentato dal Gal Terre Normanne dal titolo “I monti delle Terre Normanne”, unico a rappresentare la Sicilia nell’elenco dei sedici interventi approvati per il rilancio del turismo montano italiano attraverso adeguamenti infrastrutturali, pianificazione e promozione dei prodotti turistici in ottica di sostenibilità, a valere sulla misura Montagna Italia del Piano Sviluppo e Coesione.

Bosco della Ficuzza, un lembo della riserva (foto Giulio Giallombardo)

Il progetto – messo a punto d’intesa con il Dipartimento dello Sviluppo rurale e territoriale della Regione Siciliana – prevede, tra le altre cose, la realizzazione di un parco avventura su un’area di 10mila metri quadrati che – fanno sapere dal Gal – sarà aperto otto mesi l’anno. Ci saranno percorsi acrobatici, teleferiche, tirolesi, piattaforme installate sugli alberi, un campo di orienteering e il climbing-wall per l’arrampicata sportiva, oltre al noleggio di quad, biciclette ed e-bike per escursioni anche con l’assistenza di guide professioniste.

Casina reale di Ficuzza (foto Tato Grasso, Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

Sarà anche possibile sorvolare il bosco con un volo biposto in parapendio con istruttore e praticare l’astro-trekking e il birdwatching pernottando in geodomi mobili – tende a forma di igloo dotate di ogni comfort, compreso telescopio – con copertura in parte trasparente per osservare il cielo e la montagna. Altri servizi saranno un trenino panoramico ad alimentazione ibrida che dalla piazza principale del Borgo Ficuzza consentirà escursioni ripercorrendo un’antica tratta ferroviaria di fine ‘800 e un punto bici-grill in uno spazio adiacente al Palazzo Reale a disposizione dei ciclisti per la ricarica delle biciclette elettrice, con spogliatoi e officina meccanica.

Rocca Busambra (foto Tato Grasso, Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

Per realizzare sinergie con il sistema economico, culturale e sociale del comprensorio dei comuni di Corleone, Monreale, Godrano e Marineo che abbracciano la Riserva – spiegano dal Gal – sarà costituito un comitato per contribuire alla promozione della montagna, anche con un calendario di degustazioni, passeggiate ecologiche, workshop e laboratori per bambini, attività di animazione durante le feste locali e la partecipazione al grande evento finale, in bassa stagione e di richiamo internazionale, battezzato “Vivere i monti delle Terre Normanne”, per illustrare i risultati finali raggiunti dal progetto.

Condividi
Tags

In evidenza

Si vota per il concorso Art Bonus 2023: ecco i progetti siciliani in gara

Si potrà scegliere tra i beneficiari dei fondi donati dai mecenati a sostegno della cultura. Nell’Isola selezionati gli interventi per il Teatro Greco di Siracusa, il Massimo di Palermo e l’Accademia Filarmonica di Messina

La Casa delle Farfalle torna a Siracusa

Il progetto di divulgazione naturalistica dal 14 febbraio sarà nuovamente ospitato all’interno del giardino dell’Artemision in piazza Duomo a Ortigia. Esperti a disposizione durante la visita spiegano il ciclo di vita degli insetti, la loro riproduzione e l'habitat

Rinascerà un’area inaccessibile del Palazzo Reale, al via il restauro della Cavallerizza

L’antico maneggio diventerà un monumentale salone per conferenze, mentre sarà avviata anche una campagna di scavi per far riemergere l’originario piano pavimentale della piazza e per studiare le strutture difensive

Ultimi articoli

Si vota per il concorso Art Bonus 2023: ecco i progetti siciliani in gara

Si potrà scegliere tra i beneficiari dei fondi donati dai mecenati a sostegno della cultura. Nell’Isola selezionati gli interventi per il Teatro Greco di Siracusa, il Massimo di Palermo e l’Accademia Filarmonica di Messina

Palermo, Sorgenti del Gabriele

Un piacevole senso di frescura e il gorgoglio dell’acqua accolgono il visitatore che, a Palermo,  raggiunge le sorgenti naturali ai piedi della “conigliera”, oggi...

Acireale, una mostra racchiude le opere dei Gagini nel territorio etneo

Nel Palazzo Comunale un percorso espositivo che unisce Sicilia, Calabria e Bissone, terra di origine di Domenico Gagini, capostipite della famiglia di artisti e protagonista di un “approdo” che favorì l'interscambio tra sperimentazioni d'arte nel Rinascimento

Articoli correlati