Nascerà il Mosaico della Pace davanti alla Zisa

Si tratta di un’installazione che sarà al contempo elemento di arredo urbano, realizzata insieme ad un’area verde con cinque esemplari di Ginko Biloba

di Marco Russo

Un grande affresco con un cuore verde e composto da mille tessere, ognuna a simboleggiare una città diversa. È il Mosaico della Pace che sorgerà davanti ai giardini della Zisa, a ribadire la centralità di Palermo, capitale del Mediterraneo, e il suo abbraccio simbolico a tutti i popoli del mondo. Si tratta di un’installazione che sarà al contempo elemento di arredo urbano, realizzata insieme ad un’area verde. Questa mattina sono state presentate le prime tre tessere di Palermo, Beirut e Istanbul, ed è per questo che all’evento di presentazione ha assistito anche l’ambasciatrice del Libano, Mira Daher.

Presentato il Mosaico della Pace

L’iniziativa, oltre che il patrocinio del Comune, vede il supporto di diversi organismi internazionali pubblici e privati e dell’Unicef ed è stata promossa da CostaMed, associazione privata che mira alla promozione dei territori attraverso approcci integrati e alla collaborazione fra pubblico e privato. Alla presenza del vicesindaco Fabio Giambrone è stata inoltre presentata l’iniziativa dei “Gilet Verdi”, volontari che per conto di CostaMed cureranno l’area verde nella quale sorgerà il mosaico in funzione anche di “educatori civici” che promuoveranno il rispetto del decoro e la fruizione dell’area.

L’area dove sorgerà il Mosaico della Pace

Lo spazio immaginato come location per la realizzazione dell’installazione è un lembo di verde non curato, all’incrocio delle vie Guglielmo il Buono e Michele Piazza, condiviso con uno spazio usato come parcheggio e una pompa di benzina. “L’idea – spiegano da Costamed – è quella di generare una riqualificazione complessiva con un progetto di landscape integrato, capace di fondere la componente materica del mosaico, con un nuovo impianto arboreo di grande suggestione. L’area di circa 2.500 metri quadrati sarà caratterizzata dall’impianto policromo del mosaico, posato a correre con fughe aperte coltivate a prato, al cui centro sorgerà un’area verde caratterizzata dall’impianto arboreo di cinque esemplari di Ginko Biloba già adulti”.

“Questa iniziativa – ha affermato il sindaco Leoluca Orlando – ci ricorda che Palermo è una città mediterranea, una città che ha legami storici e culturali con le altre grandi città del Mediterraneo e che vede in questo grande mare non un elemento di divisione fra i popoli quanto piuttosto un ponte fra culture e persone”.

Condividi
Tags

In evidenza

Le Vie dei Tesori al via a Palermo, ecco il meglio del primo weekend

Apre per la prima volta al pubblico Porta Nuova, si entra nel carcere Ucciardone e nell’aula bunker con i cronisti che seguirono il maxiprocesso, si scopre il Gasometro, ma anche tre chiese inedite con le loro storie. Tante passeggiate e visite teatralizzate tra nobili dame e cortigiane

Dal Castello della baronessa alle chiese preziose, Carini fa il bis con Le Vie dei Tesori

Il festival torna per il secondo anno consecutivo nella cittadina del Palermitano per tre weekend dall'1 al 16 ottobre. In programma sette luoghi e un'esperienza da non perdere: si ascolterà un organo “bandistico” scoprendone il meccanismo

Nell’aula bunker il racconto del Maxiprocesso con cronisti e magistrati

Il Maxiprocesso dalla voce di chi c’era: i cronisti di mafia e i magistrati raccontano quei mesi. Apre al pubblico durante il festival Le Vie dei Tesori l'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. Al primo weekend pieno di visitatori sono intervenuti: il giudice Giuseppe Ayala, il videomaker Giuseppe Di Lorenzo e l’allora cronista di giudiziaria Marcello Barbaro

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Stefania Blandeburgo si fa in cinque per Le Vie dei Tesori

Sono cinque i personaggi che l'attrice Stefania Blandeburgo interpreta per la sedicesima edizione delle Vie dei Tesori a Palermo: ognuno rivive nei suoi abiti d’epoca, con una storia da raccontare

Nell’aula bunker il racconto del Maxiprocesso con cronisti e magistrati

Il Maxiprocesso dalla voce di chi c’era: i cronisti di mafia e i magistrati raccontano quei mesi. Apre al pubblico durante il festival Le Vie dei Tesori l'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. Al primo weekend pieno di visitatori sono intervenuti: il giudice Giuseppe Ayala, il videomaker Giuseppe Di Lorenzo e l’allora cronista di giudiziaria Marcello Barbaro

Articoli correlati