Nasce un nuovo spazio culturale a Villa Riso

Si chiama Zeste Hub e mette insieme diverse realtà, impegnate nell’educazione allo sviluppo sostenibile, nella valorizzazione del territorio e delle sue eccellenze

di Ruggero Altavilla

Un nuovo spazio per la cultura nasce in una delle storiche ville della Piana dei Colli, a Palermo. Si chiama Zeste Hub e mette insieme diverse realtà, impegnate nell’educazione allo sviluppo sostenibile, nella valorizzazione del territorio e delle sue eccellenze, nella produzione culturale e creativa. Il quartier generale del progetto è Villa Riso, recentemente restaurata, che sorge nel territorio della borgata di Partanna Mondello, alle propaggini settentrionali della Piana dei Colli.

All’interno di quella che, insieme alla torre di via San Nicola, costituiva un unico complesso a carattere agricolo sorto attorno al XVI secolo e oggetto di successive trasformazioni, sorgerà adesso un contenitore culturale ispirato dal verde e dalla storia della Piana dei Colli. La “zesta” è, infatti, la scorza di limone e rimanda direttamente alla Conca d’Oro, un tempo carica di agrumi. Il progetto nasce dalla collaborazione tra la cooperativa Terre Normanne, la società OrsaConsulting, l’impresa culturale e creativa Kòrai – Territorio, Sviluppo e Cultura, Federazione delle Strade Vini e Sapori di Sicilia, Digital Magics-Factory Accademia, Assoreti PMI e Parchi Letterari di Sicilia.

Parco di Villa Riso

“Zeste Hub – si legge in una nota – sarà un luogo di valorizzazione e rivitalizzazione del nostro territorio, di promozione di buoni stili di vita e di sensibilizzazione sui temi della sostenibilità ambientale, economica e sociale. Un luogo di benessere e di condivisione di esperienze. Uno spazio dove recuperare la dimensione della socialità. Una ‘vetrina’ sulle risorse del territorio su scala regionale. Un riflettore puntato sulle buone pratiche implementate a livello nazionale ed internazionale”.

Il programma delle iniziative prevede convegni, talk tematici, laboratori, mostre, workshop, attività all’aria aperta per grandi e piccoli, appuntamenti gastronomici e musicali. La presentazione è fissata per venerdì 21 giugno alle 18. L’hub sarà articolato in spazi conferenze, per la formazione e l’informazione, una biblio-mediateca con una sezione dedicata anche ai più piccoli, il giardino per le attività all’aperto, un “CulTourism point” con servizi culturali e turistici alla scoperta del territorio siciliano e delle sue tipicità; numerosi spazi-eventi, un caffe letterario ed uno shop con tipicità del territorio e prodotti culturali e creativi.

Condividi
Tags

In evidenza

Svelato il soffitto trecentesco del monastero di Santa Caterina

Nascosto al di sopra della volta della sacrestia, un prezioso tetto ligneo decorato simile a quello dello Steri. Si può ammirare attraverso una app realizzata dall’Università di Palermo. Esposto anche un raro affresco medievale scoperto durante il restauro

Il Duomo di Cefalù si prepara a rinascere, al via i lavori di restauro

Gli interventi finanziati con due milioni di euro dalla Regione Siciliana interesseranno le coperture, gli esterni e gli apparati decorativi del monumento normanno, che è parte del patrimonio Unesco. Le imprese avranno 365 giorni per ultimare le opere

Un’opera del “Raffaello” di Messina all’asta in Francia, la Regione prova a riportarla a casa

La Madonna col Bambino e San Giovannino del maestro rinascimentale Girolamo Alibrandi sarà venduta da una casa parigina. Dopo l’appello di studiosi e cittadini il governo regionale vorrebbe acquisire il quadro

Ultimi articoli

Il Duomo di Cefalù si prepara a rinascere, al via i lavori di restauro

Gli interventi finanziati con due milioni di euro dalla Regione Siciliana interesseranno le coperture, gli esterni e gli apparati decorativi del monumento normanno, che è parte del patrimonio Unesco. Le imprese avranno 365 giorni per ultimare le opere

Svelato il soffitto trecentesco del monastero di Santa Caterina

Nascosto al di sopra della volta della sacrestia, un prezioso tetto ligneo decorato simile a quello dello Steri. Si può ammirare attraverso una app realizzata dall’Università di Palermo. Esposto anche un raro affresco medievale scoperto durante il restauro

A lezione di felicità col maestro buddista Tsenshab Serkong Rinpoce

Il giovane lama sarà a Palermo per una tre giorni organizzata dal Centro Muni Gyana, preceduta da una conferenza aperta che si svolgerà ai Cantieri Culturali alla Zisa

Articoli correlati