Nasce La Via delle Icone a Contessa Entellina

di Giulio Giallombardo

Un percorso che unisce idealmente la chiesa latina con quella greca. Due anime religiose che convivono a Contessa Entellina, dove è stata inaugurata nei giorni scorsi La Via delle Icone, un itinerario attraverso otto icone in stile bizantino, installate nelle strade principali del paese arbëreshë in provincia di Palermo. È una delle tappe del progetto “Mecenati di noi stessi”, promosso dall’amministrazione comunale, che in questo caso ha coinvolto il giovane artista Vincenzo Bruno, che da anni realizza icone lasciandosi ispirare dallo stile bizantino.

In questo caso, diversamente dalla tradizione, le icone sono in ceramica, per garantire una migliore conservazione delle opere. Il percorso parte con “La nascita della Madre di Dio”, davanti al santuario della Madonna della Favara, patrona di Contessa, e si conclude con la Dormizione della Vergine ai piedi della Matrice di rito greco intitolata a Maria Santissima Annunziata e San Nicolò. Tra questi due estremi, lungo l’itinerario altre sei icone che raffigurano episodi della vita di Maria, come l’ingresso al tempio; Maria abbracciata dai genitori Gioacchino e Anna; l’albero di Jesse; l’abbraccio tra la Madonna e la cugina Elisabetta; l’Annunciazione e la nascita di Gesù.

Condividi
Tags

In evidenza

Le Vie dei Tesori tra i grandi eventi siciliani del 2023

Anche quest’anno il festival che trasforma città e borghi in grandi musei diffusi è stato inserito nel calendario delle manifestazioni di grande richiamo turistico adottato dalla Regione Siciliana

Dall’ex Palazzo delle Finanze alla Chimica Arenella, passi avanti per il recupero di quattro tesori abbandonati

Firmato un protocollo d’intesa tra il Comune e l’Agenzia del Demanio per avviare interventi di rigenerazione di alcuni edifici storici. Presto un tavolo tecnico per reperire i fondi necessari

Dall’Irlanda alla Sicilia, famiglia cambia vita e sceglie Sambuca

Una coppia con tre figli parte da Belfast e si ferma nel borgo agrigentino, dove decide di restare a tempo indeterminato. Lui bergamasco naturalizzato irlandese, artigiano del cuoio, ha ricavato il suo laboratorio in un vecchio granaio ristrutturato

Ultimi articoli

Dai depositi alle sale di Palazzo Abatellis, risplende un trittico medievale restaurato

In mostra una preziosa pala d’altare quattrocentesca, raffigurante l’incoronazione della Vergine fra i Santi Pietro e Paolo, tornata a nuova vita grazie a fondi privati erogati attraverso l’Art Bonus

Nasce a Palermo la scuola diffusa di arti e mestieri della tradizione

Il progetto prevede oltre 700 ore di percorsi di avviamento gratuiti, 20 borse di tirocinio per giovani meno abbienti, 10 inserimenti lavorativi in botteghe artigiane e il coinvolgimento di 100 professionisti

Inaugurato a Catania il museo virtuale dedicato a Vincenzo Bellini

Un innovativo allestimento scenografico e virtuale racconta la storia artistica e biografica del compositore e permette la fruizione di un inedito percorso, basato sull’impiego simultaneo di testi, suoni e immagini

Articoli correlati