Nasce il Festival di Lampedusa

Un invito al rispetto dei diritti umani, di natura, arte e cultura nell’isola più a sud d’Europa. La direzione artistica porta la firma di Luca Vullo

di Marco Russo

Una grande festa che dall’isola più a sud d’Europa vuole raccontare al mondo intero l’importanza di rispettare e supportare i diritti umani, l’ambiente, l’arte e la cultura. Questo lo spirito con cui nasce il Festival di Lampedusa, punto d’incontro tra cinema, musica, teatro e cibo.

Il progetto si avvale della direzione artistica di Luca Vullo, autore, regista e produttore poliedrico, riconosciuto nel panorama internazionale. L’evento si svolgerà in un’unica data, domenica 16 settembre, in piazza Castello a partire dalle 19. Ospiti della serata saranno: Shakalab, Emotional Waves di Luca Vullo & Jah Sazzah, Mary Di Malta Trio con Andrea Marino e Mario Mutolo, Antoine Michel, Giordano Gambogi, Alessio Greco e Luca Casanovi.

Il festival comprenderà un area food, con diversi stand dove i ristoratori potranno proporre degustazioni di piatti tipici dell’area mediterranea e di bevande. Una vera sagra internazionale dello street food che coinvolge persone e tradizioni di tutto il bacino mediterraneo. Per la degustazione dei diversi piatti sarà però necessario il previo acquisto di un ticket, valido per una sola pietanza o bevanda.

Ci sarà un’area spettacoli, dove si esibiranno i protagonisti dell’evento, artisti isolani, nazionali ed internazionali, le cui performance musicali, teatrali e cinematografiche rispecchiano lo spirito del festival, ovvero il rispetto dei diritti umani, dell’ambiente, dell’arte e della cultura.

Previsto, inoltre, un concorso cinematografico. Questa prima edizione sarà contraddistinta dalla proiezione di due documentari “Ccà semu”, a cura di Luca Vullo e “Lampedusa Turtle Group”, a cura di Salvatore Tuccio. Alla proiezione dei documentari seguirà la presentazione del concorso cinematografico, che si terrà nella seconda edizione del festival.

A dare vita al progetto sono stati: Hub Turistico Lampedusa, progetto nato per garantire un’offerta turistica adeguata a promuovere il territorio dell’isola; Nuovo Service, impresa locale specializzata nella gestione di servizi audiovisivi; Ondemotive Productions Ltd, società di produzione cinematografica e teatrale, con sede a Londra, che da anni organizza eventi culturali in giro per il mondo.

L’evento è stato realizzato con il patrocinio gratuito del Comune di Lampedusa e Linosa e il contributo del Consorzio balneare turistico isole Pelagie. L’ingresso al festival è libero.

Un invito al rispetto dei diritti umani, di natura, arte e cultura nell’isola più a sud d’Europa. La direzione artistica porta la firma di Luca Vullo

di Marco Russo

Una grande festa che dall’isola più a sud d’Europa vuole raccontare al mondo intero l’importanza di rispettare e supportare i diritti umani, l’ambiente, l’arte e la cultura. Questo lo spirito con cui nasce il Festival di Lampedusa, punto d’incontro tra cinema, musica, teatro e cibo.

Il progetto si avvale della direzione artistica di Luca Vullo, autore, regista e produttore poliedrico, riconosciuto nel panorama internazionale. L’evento si svolgerà in un’unica data, domenica 16 settembre, in piazza Castello a partire dalle 19. Ospiti della serata saranno: Shakalab, Emotional Waves di Luca Vullo & Jah Sazzah, Mary Di Malta Trio con Andrea Marino e Mario Mutolo, Antoine Michel, Giordano Gambogi, Alessio Greco e Luca Casanovi.

Il festival comprenderà un area food, con diversi stand dove i ristoratori potranno proporre degustazioni di piatti tipici dell’area mediterranea e di bevande. Una vera sagra internazionale dello street food che coinvolge persone e tradizioni di tutto il bacino mediterraneo. Per la degustazione dei diversi piatti sarà però necessario il previo acquisto di un ticket, valido per una sola pietanza o bevanda.

Ci sarà un’area spettacoli, dove si esibiranno i protagonisti dell’evento, artisti isolani, nazionali ed internazionali, le cui performance musicali, teatrali e cinematografiche rispecchiano lo spirito del festival, ovvero il rispetto dei diritti umani, dell’ambiente, dell’arte e della cultura.

Previsto, inoltre, un concorso cinematografico. Questa prima edizione sarà contraddistinta dalla proiezione di due documentari “Ccà semu”, a cura di Luca Vullo e “Lampedusa Turtle Group”, a cura di Salvatore Tuccio. Alla proiezione dei documentari seguirà la presentazione del concorso cinematografico, che si terrà nella seconda edizione del festival.

A dare vita al progetto sono stati: Hub Turistico Lampedusa, progetto nato per garantire un’offerta turistica adeguata a promuovere il territorio dell’isola; Nuovo Service, impresa locale specializzata nella gestione di servizi audiovisivi; Ondemotive Productions Ltd, società di produzione cinematografica e teatrale, con sede a Londra, che da anni organizza eventi culturali in giro per il mondo.

L’evento è stato realizzato con il patrocinio gratuito del Comune di Lampedusa e Linosa e il contributo del Consorzio balneare turistico isole Pelagie. L’ingresso al festival è libero.

Hai letto questi articoli?
Articolo PrecedenteProssimo Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le vie dei Tesori News

Send this to a friend