Mazara al debutto con Le Vie dei Tesori

Si potrà visitare interamente il complesso vescovile, ma ci sono anche tante chiese, case d’artista, passeggiate nei vicoli della Casbah o nelle cave sotterranee

di Redazione

Un debutto in grande stile: Mazara del Vallo accoglie per la prima volta Le Vie dei Tesori con l’apertura a 360 gradi dell’intero complesso vescovile. Un’occasione unica per scoprire l’edificio nato su una parte di Palazzo Chiaramonte, con il ponte coperto Tocchetto che lo collega alla vicina cattedrale, e il seminario, dove studiarono intellettuali e storici. Ma non saranno gli unici luoghi ad aprire i battenti: la città regia di Mazara del Vallo che nel 1097 ospitò il primo Parlamento di Sicilia, protegge la sua Kasbah dove vivono 2500 famiglie maghrebine, una comunità integrata che anima gli equipaggi multicolori sui pescherecci. Raccontarla sarà un’avventura. Da sabato 12 e domenica 13 settembre e per i due weekend successivi, Le Vie dei Tesori condurrà alla scoperta di una città dalle mille anime, per rinascere in piena sicurezza dalla bellezza dei luoghi, dove si entrerà preferibilmente su prenotazione e con numeri contingentati, nel pieno rispetto delle norme anticovid (qui per scoprire come funziona il Festival quest’anno).

Uno scorcio di Mazara

“Rinascere e ripartire: Mazara è pronta a farlo – dice il sindaco Salvatore Quinci – il nostro unico obiettivo è quello di renderla una meta appetibile per il turismo nazionale e internazionale. Ma è vero che anche i mazaresi devono riscoprire la loro bellissima città”. Come l’intera “città episcopale” che aprirà le porte per la prima volta. “A volte l’occhio si abitua e lo spirito non si nutre – interviene monsignor Domenico Mogavero, vescovo di Mazara – . Ecco, Le Vie dei Tesori è pensato da persone entusiaste, da gente che ci crede: ecco siamo felici di essere al loro fianco. Perché questa nuova realtà fluida, di meticciato, è unica e chi la sostiene dovrebbero essere le istituzioni e non i privati”.

Collegio dei Gesuiti

“Le Vie dei Tesori è un progetto di innovazione sociale che parte dal basso – interviene Laura Anello, presidente dell’Associazione Le Vie dei Tesori onlus – e che dà lavoro ad almeno 600 giovani sul territorio, ogni edizione cammina sulle loro gambe. E lo fa senza risorse pubbliche garantite: è il sogno riuscito di chi crede che fare qualcosa per la propria terra è meglio che crederla irredimibile”. Si spera di bissare a Mazara del Vallo, il successo delle sue “vicine”, ai primi posti nel gradimento del pubblico. Di fatto nasce un unico museo diffuso nel Trapanese: i coupon di Mazara saranno validi anche per i siti di Trapani e Marsala, e viceversa. “Questo progetto coinvolge risorse sul territorio – dice l’assessore alla Cultura Germana Abbagnato – Saranno i nostri giovani a supportare il festival qui a Mazara. Vorremmo riuscire ad allungare la stagione turistica il più possibile: e il nostro patrimonio monumentale è il mezzo per riuscirci, con l’aiuto di tutti, pubblico e privati”.

Casa Periferica

Quest’anno il Festival è sostenuto da Unicredit. “Per la nostra banca si tratta di un motivo di orgoglio questo supporto a Le Vie dei Tesori – spiega Vincenzo Evola, dell’Area Manager UniCredit Trapani – io stesso a Palermo ho scoperto angoli che non pensavo esistessero. Il festival trasforma le città in vere e proprie feste cittadine di riappropriazione. E quest’anno il suo significato sarà ancora più forte”. E’organizzato con l’aiuto logistico dei giovani di Casa Periferica. “Non si può parlare di promozione culturale senza recupero sociale – dice il presidente Carlo Roccafiorita – . Dieci luoghi, due passeggiate e un’esperienza scelte che non completano di certo l’offerta di Mazara, ma è già un buon inizio e speriamo che altre realtà si uniscano a noi”.

Palazzo Vescovile

Le Vie dei Tesori proporrà a Mazara visite in dieci siti (qui per sceglierli e prenotarli). La parte da leone la farà ovviamente il complesso del Vescovado: dal Seminario secondo l’ardito disegno neoclassico di Giovanni Biagio Amico, alla cattedrale con la bellissima Madonna del Soccorso di Domenico Gagini, fino al Palazzo Vescovile. Ma chi cerca l’anima religiosa di Mazara, non avrà che l’imbarazzo della scelta: in quella che fu la più estesa e ricca Diocesi di Sicilia, voluta da re Ruggero, sono ancora rintracciabili chiese e cappelle spesso di stili sovrapposti che raccontano una città a strati, che si sfoglia come una cipolla.

Chiesa di San Michele

C’è San Francesco nata in stile arabo-normanno, che divenne convento francescano, caserma dei carabinieri, poi carcere femminile, fino al 1970 quando fu abbandonata: è stata restaurata da appena un anno. San Michele, la chiesa del Monastero delle Benedettine, un tesoro barocco inaspettato, con uno stupendo pavimento di maiolica cosparso di fiori splendenti. E se il Collegio dei Gesuiti oggi si è trasformato in uno spazio espositivo (ospita una sala dedicata a Pietro Consagra), meritano una visita i ruderi di Sant’Ignazio: persino i mazaresi ignorano che dietro il portone di legno c’è il simbolo certo della potenza dei gesuiti, tra stucchi e putti dimenticati che dall’alto osservano i visitatori.

Casa Lombardo

Dall’inventiva di Emmanuele e Francesca, e della figlia Tania, è nata una “casa d’artista” che schiaccia l’occhio a Gaudì: Casa Lombardo è un cantiere aperto, casual, pop, una sorta di Biennale di Venezia in piccolo. Emmanuele crea le sue sculture en plein air, Francesca disegna e realizza mobili e suppellettili, Tania appende le sue tele. Attorno alla villa, i viali dedicati a nomi famosi: piazzetta Beethoven, largo Prassitele, pagoda Pirandello, passaggio Socrate, e così via. Diversi per età ma non per creatività, ecco Casa Periferica che, oltre a curare per il festival, la logistica sul territorio, apre le porte dei suoi spazi dove i creativi “macinano” idee di rigenerazione urbana. La visita si chiude al Teatro Garibaldi, vera e rivoluzionaria “sala del popolo” che costò 2355 ducati ai cittadini e fu costruito in soli tre mesi utilizzando il legno delle barche dismesse.

Uno dei vicoli della Casbah

Le passeggiate saranno vere e proprie immersioni narrative nello spirito più autentico della città (qui per prenotarle), nei vicoli della Casbah, o lungo il porto, entrando nel cuore della comunità marinara. Un’esperienza particolare, infine, sarà il percorso nelle cave della città (qui per prenotare), un patrimonio nascosto e pressoché sconosciuto di oltre duecentomila metri quadrati, tra parchi, gallerie, caverne e giardini, perfettamente integrati nel tessuto urbano, a circa un chilometro dal centro, differenti per morfologia, età, tecniche estrattive, tracce ed evoluzioni.

Una passata edizione de Le Vie dei Tesori a Palermo

La 14esima edizione de Le Vie dei Tesori durerà nove settimane, divise essenzialmente in due tronconi: il primo si apre sabato 12 settembre e durerà tre settimane, fino al 27 settembre: con Mazara, in contemporanea apriranno le porte Trapani e Marsala – visitabili con coupon validi nelle tre città – e debutterà Bagheria; ritorneranno per la quarta volta Messina e Caltanissetta, farà il bis Sambuca, e, soltanto nell’ultimo weekend (26-27 settembre), riecco anche il borgo di Naro. Dal 3 ottobre, la seconda tranche: toccherà alla sontuosa Catania scolpita nella lava, all’elegante Ragusa e alle (diversamente) barocche Scicli e Noto; ritornerà Sciacca e debutterà Monreale che partirà addirittura dal 10 ottobre, dopo l’ammiraglia, Palermo, dove il Festival durerà sei weekend, fino all’8 novembre. Aneddoti, informazioni e ogni altra curiosità sul festival sul portale www.leviedeitesori.com.

Ruderi di Sant’Ignazio a Mazara

Quest’anno, accanto alle visite, alle passeggiate e alle esperienze si aggiunge un altro tassello nell’offerta del Festival: i tour organizzati in collaborazione con Insider Sicily, il tour operator che fa scoprire un’isola autentica, fuori dalle consuete rotte turistiche (scopritelo qui). “Mezza giornata con noi”, per vivere il Festival in libertà con otto ingressi e un pranzo o cena tipico (con prenotazione dei luoghi garantita dall’organizzazione) e “Un weekend con noi”, un finesettimana in tutte le città del Festival per scoprire tesori dell’arte e del palato. Tornano, poi i viaggi in pullman da Palermo nelle altre città del Festival, in collaborazione con Labisi, vettore ufficiale della manifestazione. Mazara si potrà comodamente raggiungere in bus il 27 settembre, partendo la mattina e rientrando in serata (qui per prenotare il bus). Altri viaggi sono previsti per Caltanissetta e Trapani (13 settembre); Marsala e Messina (20 settembre); Naro e Sambuca (27 settembre). Qui trovate tutte le destinazioni.

Teatro Comunale di Mazara

I luoghi saranno visitabili a piccoli gruppi, con numeri diversi a seconda di ciascuno spazio e delle caratteristiche dei siti. È stata istituita ovunque la prenotazione on line, che non è obbligatoria ma caldamente consigliata: basterà acquisire il coupon su www.leviedeitesori.com o a Mazara nell’info point allestito nell’ufficio della Proloco (via XX settembre 15). Le visite si faranno con la guida in presenza, se la logistica dei luoghi lo consente, oppure con l’audioguida d’autore registrata dalla viva voce dei giovani dell’associazione Amici delle Vie dei Tesori.

Per tutte le informazioni e prenotazioni visitare il sito www.leviedeitesori.com. È attivo, inoltre, il centro informazioni del Festival al numero 0918420000, aperto tutti i giorni dalle 10 alle 18, compresi il sabato e la domenica.

Articolo PrecedenteProssimo Articolo

2 Comments

  1. Sono felicissima che Mazara partecipi alle vie dei tesori!! Mi prenoterò e anche se vivo a Mazara sono desiderosa di sapere e vedere cose ancora sconosciute. Grazie e.. In bocca al lupo!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le Vie dei Tesori News

Send this to a friend