L’Isola dei Tesori, viaggio nel tempo a Piana degli Albanesi

di Redazione

C’è una chiesa in cui affreschi barocchi dialogano con icone d’ispirazione bizantina. È la cattedrale di Piana degli Albanesi, dedicata a San Demetrio Megalomartire, sede dell’Eparchia e cuore religioso della comunità arbereshe. Un luogo unico in cui culture diverse convivono in armonia. Le Vie dei Tesori ha scelto l’enclave arbereshe della Sicilia, per la seconda puntata del format l’Isola dei Tesori, sette appuntamenti online alla scoperta dei gioielli nascosti dei borghi siciliani. Con Marco Coico, vicepresidente dell’associazione Amici delle Vie dei Tesori, andiamo alla scoperta di questo affascinante luogo di culto che custodisce nelle absidi preziosi affreschi di Pietro Novelli. Ospiti della puntata, il sindaco di Piana degli Albanesi, Rosario Petta, e il vicario della cattedrale, Papàs Jani Pecoraro, che ci racconta il rito cattolico greco bizantino e lo stretto rapporto – lingua, costumi, tradizioni – che ancora esiste con i Paesi di origine della comunità.

Condividi
Tags

In evidenza

A lezione di felicità col maestro buddista Tsenshab Serkong Rinpoce

Il giovane lama sarà a Palermo per una tre giorni organizzata dal Centro Muni Gyana, preceduta da una conferenza aperta che si svolgerà ai Cantieri Culturali alla Zisa

Il grande Ficus dell’Orto botanico di Palermo trionfa al concorso Albero dell’anno

Lo storico esemplare è attualmente al primo posto dell’edizione 2022 nella competizione organizzata dalla Giant Trees Foundation Onlus. Alto 25 metri per forma e dimensioni può essere considerato l’albero con la chioma più grande d’Europa

Menfi proclamata Città Italiana del Vino 2023

La cerimonia di passaggio delle consegne ha avuto luogo a Duino Aurisina, in Friuli. La commissione ha premiato il dossier della cittadina agrigentina per la varietà delle proposte nei diversi ambiti della cultura enologica

Ultimi articoli

Svelato il soffitto trecentesco del monastero di Santa Caterina

Nascosto al di sopra della volta della sacrestia, un prezioso tetto ligneo decorato simile a quello dello Steri. Si può ammirare attraverso una app realizzata dall’Università di Palermo. Esposto anche un raro affresco medievale scoperto durante il restauro

A lezione di felicità col maestro buddista Tsenshab Serkong Rinpoce

Il giovane lama sarà a Palermo per una tre giorni organizzata dal Centro Muni Gyana, preceduta da una conferenza aperta che si svolgerà ai Cantieri Culturali alla Zisa

La Palermo degli anni Trenta rivive in una mostra

All’Albergo delle Povere un allestimento racconta la città di un secolo fa attraverso oggetti originali, filmati storici, pannelli esplicativi e ricostruzioni tridimensionali

Articoli correlati