L’Etna tra scienza e memoria, filmati storici e foto in mostra

A Milo quattro incontri nel centro storico con i vulcanologi dell’Istituto nazionale geofisica e vulcanologia di Catania, proiezioni di documentari d’epoca e una mostra

di Redazione

Tra scienza, filmati storici dell’Istituto Luce e della Rai, fotografie e testimonianze dirette, Milo ad agosto racconta l’Etna, la paura della gente davanti all’avanzare dei fiumi di lava, le preghiere, i riti arcani – come Jana, la donna che brandisce un libro di preghiere di fronte al fronte lavico – le processioni religiose, l’abbandono delle case, chiese e persino dei mulini, opifici strategici per il benessere della comunità.

Eruzione 1950 a Milo, Jana col libro di preghiere (foto Salvatore Tomarchio)

Riparte il 4 agosto a Milo “Momenti di Luce e di Vini”, quattro incontri nel centro storico, sulla scalinata di largo dei Mille, con i vulcanologi dell’Istituto nazionale geofisica e vulcanologia di Catania, proiezioni di documentari d’epoca e una mostra “Idda. ‘A Muntagna”, collettiva di fotografi contemporanei per ripercorrere con la comunità e i viaggiatori in vacanza tra i boschi del vulcano la storia delle ultime grandi eruzioni (dal 1928 al 2002) sulla scorta della memoria collettiva, immagini d’epoca e approfondimenti di carattere scientifico.

Mascali sotto la lava

La sesta edizione della manifestazione organizzata dalla Pro Loco di Milo con la direzione artistica di Paolo Sessa è dedicata ad alcune fra le più importanti eruzioni storiche dell’Etna: 1928 (4 agosto), 1950 (5 agosto), 1971 (10 agosto), 2002 (17 agosto). A raccontare l’Etna saranno i vulcanologi dell’Ingv di Catania: il direttore Stefano Branca e i colleghi Boris Behncke e Marco Neri; mentre per il Parco dell’Etna interverranno il presidente Carlo Caputo (4 agosto) e il vulcanologo Salvo Caffo. Gli incontri inizieranno sempre alle 20,30.

I crateri sommitali dell’Etna

Testimoni d’eccezione quattro autentici conoscitori ed esperti della “muntagna”: i giornalisti Turi Caggegi e Giuseppe Riggio, il fotografo Saro Barbagallo (fotografo), il vulcanofilo Pippo Scarpinati; mentre a chiusura della manifestazione, il 17 agosto, sarà proiettato il docufilm “L’eruzione perfetta”, a cura di Alfio Bonaccorso, Giovanni Tomarchio e Marco Neri. La collettiva fotografica “Idda, ‘a muntagna”, ospitata nel Centro servizi dall’1 al 17 agosto, è organizzata da Alfio Landro e Gianni Pennisi e propone una raccolta di scatti dell’Etna di vari autori. Ingresso libero, visite dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20. Collaborano all’evento il Comune di Milo, il Parco dell’Etna e il gruppo facebook “I love Etna &…”.

Per informazioni telefonare al 3927232658.

(La prima foto grande in alto è di Fabrizio Micalizzi)

Articolo PrecedenteProssimo Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le Vie dei Tesori News

Send this to a friend