I leggendari Sicani di Kokalos rivivono a Sant’Angelo Muxaro

Nuovo allestimento al museo archeologico del borgo agrigentino. In mostra copie di due anelli e altrettanti sigilli d’oro identici agli originali trovati nella zona e quattro sculture contemporanee che rievocano il mito di Dedalo

di Guido Fiorito

I misteri dei sicani, della città di Kamikos (Camico) e del suo re Kokalos (Cocalo) affascinano ancora. Le leggende legate al mito di Minosse e di Dedalo si legano alla realtà di oggetti preziosi trovati dagli archeologi nei terreni attorno al fiume Platani. Al Musam, il museo archeologico di Sant’Angelo Muxaro, nuovi allestimenti e una mostra di sculture invitano alla visita. In sei sale, il mito si specchia negli oggetti ritrovati. Una contiene una copia, realizzata dal British Museum a metà degli anni Ottanta, della bellissima patera conservata dall’istituzione londinese. Una coppa d’oro decorata a rilievo con una fila di sei buoi e una mezza luna. L’originale fu comprato dall’ambasciatore britannico  sir William Hamilton (che poi la regalò al museo), dal vescovo di Agrigento, Andrea  Lucchesi Palli. Altri tre patere d’oro, appartenenti a quell’epoca  alla collezione del prelato, una decorata e due lisce,  si sono perse nel nulla.

Opera di Muratore al Musam

Con il nuovo allestimento la stessa sala offre altre due copie: si tratta dei sigilli d’oro ritrovati dall’archeologo Paolo Orsi e conservati al museo archeologico di Siracusa. Sono state realizzate dall’orafo Giovanni Ferrito: non si tratta di calchi ma di oggetti eguali agli originali, realizzati sulla base delle misure. Raffigurano un lupo dalle lunghe unghia e una mucca con vitellino. Altre due copie riguardano anelli della necropoli di Ribera identici a quelli che Orsi aveva  trovato in queste zone, anch’essi dispersi.

Altre sculture contemporanee al Musam

Il Musam è ospitato al settecentesco Palazzo Arnone, acquisito dal comune negli anni Novanta, poi ristrutturato per aprire i battenti nel dicembre del 2015 in concomitanza con il prestito temporaneo alla Sicilia della patera del British. Ospita materiali dal XII al VI secolo avanti Cristo. Il mito di Dedalo rivive in quattro sculture realizzate dall’artista Vincenzo Muratore. “Alla chiusura della mostra, il 5 giugno – dice il sindaco Angelo Tirrito – faranno parte del nostro progetto di museo a cielo aperto e quindi esposte in luoghi particolari del nostro borgo”.

Al centro il sindaco Angelo Tirrito durante l’inaugurazione

Molto interessante è la sala degli ori di Monte Castello. Particolare un anello d’oro con pietre preziose lavorato con la tecnica della granitura a grappoli d’uva. E poi una fascia decorativa ancora d’oro, con le estremità a forma di serpente, così come una borchietta. Infine una gemma molto piccola sul cassone di un anello con raffigurato un satiro in miniatura ma di fattura così raffinata che si possono distinguere i peli delle gambe animali. “I sicani di Kamikos sono un popolo leggendario  – continua il sindaco, che è anche uno studioso della storia di Sant’Angelo – sembra non avessero una loro scrittura, ma erano evoluti per molti altri aspetti. Per esempio la conoscenza dei metalli. L’oro veniva importato e poi lavorato. Oro a 24 carati che dopo tanti secoli conserva una lucentezza impressionante”.

Una delle sculture di Vincenzo Muratore

Una occasione per visitare Sant’Angelo Muxaro, 1200 abitanti, che fa parte del circuito dei Borghi dei Tesori. Guardando la cittadina, arroccata su una collina alta oltre trecento metri,  che domina la valle del Platani, si rivive la leggenda della fuga in Sicilia di Dedalo, l’inventore del labirinto, alla corte del re Kokalos a Kamikos su una rocca inespugnabile. Poi l’arrivo dei cretesi a caccia di Dedalo e l’uccisione con l’inganno del re Minosse. Dietro questo mito s’intravedono reali rapporti nell’età del bronzo tra i sicani e il mondo egeo. E gli oggetti d’oro rinvenuti nel suo territorio evocano questo mondo fantastico al principio della storia.

Condividi
Tags

In evidenza

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

L’assessorato al Centro storico si apre ai palermitani

In tanti hanno partecipato all’esperienza del festival Le Vie dei Tesori al Noviziato dei Crociferi, guidata dall’assessore Maurizio Carta. Un’occasione per capire come funziona la macchina comunale con visite agli uffici, al cortile e alla terrazza affacciata sul mare

Le Vie dei Tesori a Ragusa e Scicli: secondo weekend tra cave, palazzi e chiese

Nel Duomo del capoluogo esposte le opere sopravvissute al sisma e si sale sul campanile di San Giovanni Battista. A Scicli, terza città più visitata del festival dopo Palermo e Catania, apre Palazzo Busacca e proseguono le visite al Municipio, set del Commissario Montalbano

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori a Alcamo tra castelli e torri, tutto pronto per il secondo weekend

Preso d'assalto nel primo fine settimana, si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Dalla villa con i bozzetti di Zeffirelli alle terrazze sull’Etna, Catania e Acireale al secondo weekend

Si visita Villa Di Bella a Viagrande, dove il regista soggiornò e donò alla proprietaria i suoi disegni di scena per "Cavalleria Rustica". Apre Castello Ursino e si sale sul camminamento di San Nicolò l'Arena. A Acireale, tra chiese e palazzi sfarzosi

Le Vie dei Tesori a Ragusa e Scicli: secondo weekend tra cave, palazzi e chiese

Nel Duomo del capoluogo esposte le opere sopravvissute al sisma e si sale sul campanile di San Giovanni Battista. A Scicli, terza città più visitata del festival dopo Palermo e Catania, apre Palazzo Busacca e proseguono le visite al Municipio, set del Commissario Montalbano

Articoli correlati