Le Vie dei Tesori si presenta ai Paesi del Mediterraneo

Video di Giulio Giallombardo

Un affresco sulle esperienze che, da un lato all’altro del Mediterraneo, stanno costruendo un sistema di valorizzazione dei beni culturali. Due giorni di lavoro allo Steri di Palermo per il primo Mediterranean forum of the organizations for the promotion and preservation of cultural heritage (Forum delle Organizzazioni di promozione dei Beni culturali del Mediterraneo), che si è svolto venerdì 21 e sabato 22 ottobre. Il forum, organizzato dalla Fondazione Le Vie dei Tesori in collaborazione con l’Università di Palermo, è servito a scambiare esperienze e prospettive con realtà associative di altri Paesi del Mediterraneo, trovando spunti in comune e mettendo a confronto il già fatto e i progetti futuri.

Il rettore Massimo Midiri e Laura Anello

Al termine dei lavori – a cui hanno partecipato realtà non governative e non profit, oltre che da diverse regioni italiane, anche da Albania, Algeria, Egitto, Giordania, Libano, Palestina, Turchia – è stata firmata la prima “Carta di Palermo”, un documento unitario che contiene le linee guida utili per le organizzazioni che vogliono investire sul territorio e che lavorano per la sua promozione e valorizzazione.

I partecipanti al Forum

“Confrontiamo la nostra esperienza di Vie dei Tesori con quella di sette Paesi dell’area del Mediterrano per trovare strategie comuni di promozione e valorizzazione dei beni culturali del Mediterraneo – ha detto Laura Anello, presidente della Fondazione Le Vie dei Tesori – . Lo facciamo anche con diversi amici italiani che portano avanti delle buone pratiche su cui ragionare insieme. La nostra Fondazione si si apre al Mediterraneo ed è bellissimo ascoltare tanti gemelli che magari a nostra insaputa lavorano nella stessa direzione”.

QUI UN ARTICOLO PER SAPERNE DI PIU’

Condividi
Tags

In evidenza

Il Duomo di Cefalù si prepara a rinascere, al via i lavori di restauro

Gli interventi finanziati con due milioni di euro dalla Regione Siciliana interesseranno le coperture, gli esterni e gli apparati decorativi del monumento normanno, che è parte del patrimonio Unesco. Le imprese avranno 365 giorni per ultimare le opere

Nascerà un itinerario geologico lungo la scogliera di Cefalù

Un percorso tematico per la valorizzazione dei fossili sarà realizzato grazie alla collaborazione tra il Comune e il Parco delle Madonie, con la partecipazione dell'Università di Palermo. Saranno installate targhe e codici Qr per informazioni sul sito in tempo reale

La Palermo degli anni Trenta rivive in una mostra

All’Albergo delle Povere un allestimento racconta la città di un secolo fa attraverso oggetti originali, filmati storici, pannelli esplicativi e ricostruzioni tridimensionali

Ultimi articoli

Il Duomo di Cefalù si prepara a rinascere, al via i lavori di restauro

Gli interventi finanziati con due milioni di euro dalla Regione Siciliana interesseranno le coperture, gli esterni e gli apparati decorativi del monumento normanno, che è parte del patrimonio Unesco. Le imprese avranno 365 giorni per ultimare le opere

Svelato il soffitto trecentesco del monastero di Santa Caterina

Nascosto al di sopra della volta della sacrestia, un prezioso tetto ligneo decorato simile a quello dello Steri. Si può ammirare attraverso una app realizzata dall’Università di Palermo. Esposto anche un raro affresco medievale scoperto durante il restauro

A lezione di felicità col maestro buddista Tsenshab Serkong Rinpoce

Il giovane lama sarà a Palermo per una tre giorni organizzata dal Centro Muni Gyana, preceduta da una conferenza aperta che si svolgerà ai Cantieri Culturali alla Zisa

Articoli correlati