Le Vie dei Tesori scopre il fortino arabo che rinasce dalle acque

Sulle sponde del lago Arancio, a Sambuca di Sicilia, sabato 17 e domenica 18 luglio visita speciale all’antico edificio difensivo che riaffiora ogni sei mesi

di Redazione

Cos’era Mazzallakkar? Un fortino arabo che proteggeva dal basso il castello di Zabut? Un presidio più tardo, dopo l’anno Mille, quando l’antica Sambuca era già nata, magari sorto su un’architettura preesistente? È il nome, già a sentirlo pronunciare, che evoca veli, spezie, mercanti, profumi, sete e incensi. Ma la storia del fortino che ogni sei mesi riemerge dall’acqua placida del lago Arancio (altro nome delizioso), è ancora tutta da scrivere (ve ne abbiamo parlato qui). Per il momento, la racconteranno Le Vie dei Tesori nel prossimo weekend: sabato 17 e domenica 18 luglio, dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20, si potrà raggiungere la riva del lago e il fortino. La visita guidata partirà dalla Cantina Ulmo di Planeta, affacciata sul lago Arancio.

Una delle torri del Mazzallakkar (foto Franco Lo Vecchio)

Fu proprio l’invaso artificiale, costruito a metà degli anni Cinquanta del secolo scorso nella vallata conosciuta come la “Zona dei mulini”, a sommergere il fortino di Mazzallakkar quando era ancora in buono stato di conservazione. Adesso, con il progressivo abbassamento del livello del lago, insieme alle torri che già svettavano dall’acqua, sono ricomparse anche le mura fortificate, a raccontare il tempo in cui le carovane in marcia si fermavano proprio qui a cercare ristoro. Nel corso degli anni e in tempi più recenti, il fortino venne anche usato dai pastori del luogo per ricoverare le greggi, ma l’antica conformazione squadrata con le torri, è rimasta intatta.

Il Mazzallakkar sulle sponde del lago Arancio (foto Francesco Sciamè)

L’amministrazione comunale di Sambuca, contando anche sul richiamo di questa storia unica, vuole adesso valorizzare Mazzallakkar e renderlo fruibile. Per raccontare la storia del fortino, è stato realizzato per l’occasione un nuovo allestimento del County Museum Iter Vitis srotolato in 16 pannelli illustrativi.

Visite dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20, organizzate da Le Vie dei Tesori, in collaborazione con il Comune di Sambuca, la Regione Siciliana, Planeta e La Strada del Vino Terre Sicane. Per la visita è previsto un contributo di 3 euro, coupon su www.leviedeitesori.it o link ticket.leviedeitesori.com/checkout.aspx?bk=42020Per l’occasione Planeta, dalle 12 alle 14 e dalle 19 alle 21, proporrà una degustazione di prodotti del territorio sotto le volte dello splendido patio storico della cantina. Per prenotarla: 0925.1955460.

Articolo PrecedenteProssimo Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le Vie dei Tesori News

Send this to a friend