Le Vie dei Tesori fa 244mila visite in quattro weekend

Questo fine settimana, altri 55mila a Palermo e oltre 4mila in una Catania colpita dal maltempo. Nel capoluogo siciliano, la chiesa di Santa Caterina resta in testa alla classifica, ma a sorpresa è secondo il Teatro Massimo che ha aperto il palcoscenico

di Redazione

Le Vie dei Tesori continua la sua corsa straordinaria e promette di raggiungere numeri molto alti, visto che nei quattro fine settimana di ottobre ha messo insieme 244mila visitatori. E se sono sempre confermati i 55mila visitatori che ogni weekend assediano i 170 luoghi aperti a Palermo, è una bellissima notizia il numero dei 4mila che ha sfidato il maltempo e si è riversato nei siti aperti a Catania: nel capoluogo etneo, venerdì scorso l’allerta rossa ha bloccato il festival, sabato timidamente molti siti hanno aperto le porte e domenica si è registrato ovunque il pienone.

Fornaci Maiorana

Oltre 55mila visitatori, quindi, anche questo weekend hanno scelto Palermo, tra palermitani e turisti tra oratori, chiese, bunker, voli, salotti: accolti ovunque da volontari, guide, studenti. La chiesa di Santa Caterina guadagna come sempre il podio, ormai è il sito sovrano di quest’anno, e questo fine settimana conteggia 2100 visitatori. Ma al secondo posto c’è una sorpresa: il Teatro Massimo ha aperto il palcoscenico solo questo weekend e ha messo insieme 1800 visite, con il pubblico felice di entrare nel retro palcoscenico per carpire i segreti di scenografi e tecnici. Terzo sito più amato è il monastero di Santa Caterina (1600 visitatori), con il suo chiostro nascosto, lontano dai rumori dei mondo circostante. Quarto sito scelto dal pubblico è il Loggiato San Bartolomeo (1400 visitatori), da pochi mesi restituito alla città: molto apprezzata la terrazza, anche per una foto ricordo affacciati sul mare. Tallona da presso il rifugio antiaereo (1250) sotto Palazzo delle Aquile – quest’anno visitabile soltanto il sabato e la domenica – con l’appassionato racconto della città bombardata. Ma un’altra sorpresa sta da queste parti: trascinato dal racconto sul cinquantenario dal famoso furto della “Natività”, ha registrato un picco di visite anche l’Oratorio di San Lorenzo che mette insieme 1050 presenze, accanto alla cupola del Santissimo Salvatore (1020) da cui si ottiene una vista a trecentosessanta gradi sull’intero centro storico.

Piccoli musicisti a Boccadifalco

Va sempre benissimo l’aeroporto di Boccadifalco che questa domenica ha accolto i suoi mille visitatori, con una sorpresa “sonora”: i giovanissimi strumentisti dell’orchestra nata in seno all’Istituto comprensivo “Don Rizzo” di Ciminna, con i “colleghi” dell’Istituto superiore “D’Alessandro”, hanno accompagnato le visite al suono dell’inno nazionale e di valzer gattopardeschi. Stefania Blandeburgo e Pietro Massaro hanno continuato con le loro visite teatralizzate e navigano sul sold out. Apprezzata anche la mostra che racchiude la rimaterializzazione di tele disperse di Van Gogh, Monet o Tamara de Lempika, nel sottocoro di Palazzo Abatellis, che apre (con un coupon diverso) anche le terrazze e i laboratori di arazzi.

Palazzo Manganelli

Catania funestata dal maltempo, ha comunque retto e con onore. Sbarrati i luoghi il venerdì per l’allerta meteo, hanno aperto (ma non tutti) il sabato, ma già domenica erano assediati dai cittadini catanesi e dai turisti. E nonostante il maltempo, la città della lava mette insieme comunque 4mila visitatori, spalmati tra gli amatissimi e sontuosi palazzi, i due Bastioni e le chiese antiche. È stata l’ultima occasione per visitare Palazzo Manganelli che i Borghese, che oggi ne sono i proprietari, aprono soltanto di rado e per eventi selezionati: i catanesi lo sanno e si sono messi in coda sin dal mattino. Ogni visita era sold out, oltre 700 visitatori sono sciamati nei saloni affrescati, hanno ammirato il dipinto di Giuseppe Sciuti, l’antico biliardo, le specchiere, le tappezzerie in seta provenienti dalle manifatture dei Manganelli che devono il loro secondo titolo al fuso per tessere, appunto “il manganello”.

Palazzo Biscari

Palazzi amati: podio d’argento per Palazzo Biscari (500 visitatori) dove le visite erano condotte dal principe Ruggero Moncada in persona. Anfitrione illustre e narratore nato che il pubblico ha ascoltato affascinato. Il terzo sito più visitato a Catania è invece a sorpresa Villa Manganelli, residenza illustre, l’unica realizzata dall’architetto Ernesto Basile nel capoluogo etneo. Bellissime le visite anche alla chiesa di San Benedetto, dell’antico monastero di clausura delle monache benedettine. Ed è proprio qui il portale in legno che il pubblico de Le Vie dei Tesori può scegliere di restaurare: tra sei beni proposti – che saranno votati tramite i social – ne verranno scelti tre che rinasceranno grazie al festival.

Per restare aggiornati su tutte le iniziative, visite e appuntamenti, visitare il sito www.leviedeitesori.com. È operativo anche il call center allo 0918420104, tutti i giorni dalle 10 alle 18.

Condividi
Tags

In evidenza

L’assessorato al Centro storico si apre ai palermitani

In tanti hanno partecipato all’esperienza del festival Le Vie dei Tesori al Noviziato dei Crociferi, guidata dall’assessore Maurizio Carta. Un’occasione per capire come funziona la macchina comunale con visite agli uffici, al cortile e alla terrazza affacciata sul mare

Porta Nuova presa d’assalto dal popolo delle Vie dei Tesori

Porta Nuova apre per la prima volta in occasione della sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori a Palermo. Già nel primo weekend tanti visitatori hanno salito gli ottanta alti gradini che dal piano di Palazzo Reale conducono fino al corridoio scoperto di collegamento tra la residenza normanna e la Porta costruita nel 1460, riedificata un secolo dopo dal viceré di Sicilia Marcantonio Colonna per celebrare l’arrivo di Carlo V

Nell’aula bunker il racconto del Maxiprocesso con cronisti e magistrati

Il Maxiprocesso dalla voce di chi c’era: i cronisti di mafia e i magistrati raccontano quei mesi. Apre al pubblico durante il festival Le Vie dei Tesori l'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. Al primo weekend pieno di visitatori sono intervenuti: il giudice Giuseppe Ayala, il videomaker Giuseppe Di Lorenzo e l’allora cronista di giudiziaria Marcello Barbaro

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori svelano Palermo, tutto il meglio del secondo weekend

Aprono la Banca d’Italia, le sorgenti del Gabriele e i serbatoi di San Ciro, la Specola astronomica, il Convitto Nazionale e la caserma Ruggero Settimo. Rivivono Margheritina nel rifugio Bombace e Margherita Biondo in una tela

Tornano i laboratori gratuiti di Mimmo Cuticchio, seconda tappa allo Stand Florio

In questo nuovo appuntamento si apprendono i primi rudimenti dell'arte dei Pupi, incrociando il pensiero dello scrittore Gianni Rodari

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Articoli correlati